Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Cessione Credito e sconti in fattura: chi è salvo dalla stretta sul Superbonus?

Cessione Credito e sconti in fattura: chi è salvo dalla stretta sul Superbonus?

Cessione Credito e sconti in fattura: chi è salvo dalla stretta sul Superbonus?Cessione Credito e sconti in fattura: chi è salvo dalla stretta sul Superbonus?
Ultimo Aggiornamento:

Il recente decreto approvato dal Governo ha introdotto significative novità per quanto riguarda le cessioni di credito e gli sconti in fattura relativi agli incentivi edilizi, creando un punto di svolta nell’ambito delle agevolazioni fiscali per la riqualificazione edilizia.

Tuttavia, nonostante la stretta generale, emerge un’importante area di salvaguardia per quei soggetti che avevano già avviato gli interventi.

Questo articolo mira a esplorare nel dettaglio le implicazioni di questa novità legislativa, delineando chi sarà effettivamente interessato dal blocco e chi, invece, potrà ancora beneficiare delle precedenti disposizioni.

Salvaguardia dei Contratti Preesistenti e Presentazione di Titoli

Nonostante la stretta imposta dal Governo sulle cessioni dei crediti fiscali e sugli sconti in fattura, una significativa misura di protezione viene garantita a coloro che avevano già intrapreso azioni concrete prima dell’entrata in vigore del nuovo decreto.

Approfondisci: Superbonus: addio allo Sconto in Fattura, Cessione del credito e remissioni in bonis

In particolare, coloro che avevano già presentato un titolo o firmato un contratto in relazione agli incentivi edilizi sono esclusi dal blocco. Questo salvaguarda una vasta gamma di soggetti, assicurando che gli investimenti e le iniziative già avviati non vengano compromessi dalle nuove disposizioni.

Inoltre, viene messo in luce l’interesse del Governo a mantenere un equilibrio tra la necessità di regolamentare il settore e quella di proteggere gli interessi dei cittadini e delle imprese che avevano già programmato interventi in buona fede.

Eccezioni e Casi Salvaguardati

Nonostante le restrizioni introdotte, il decreto prevede quindi una serie di eccezioni che mantengono valide le regole precedenti per specifiche situazioni.

Queste includono i lavori per i quali, prima dell’entrata in vigore del decreto, è stata presentata una Cilas (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata) per interventi non condominiali legati al Superbonus, oppure è stata approvata una delibera condominiale per lavori di superbonus, o ancora è stato richiesto un titolo abilitativo per demolizioni e ricostruzioni.

Leggi anche: Demo-ricostruzione: tutti gli incentivi e i bonus casa che ammettono l’intervento

Anche i lavori già iniziati o quelli per i quali, nonostante non siano ancora iniziati, è stato stipulato un contratto vincolante con versamento di un acconto, sono esclusi dal blocco, a patto che non rientrino nell’ambito specifico del Superbonus.

Queste misure di salvaguardia rappresentano un segnale importante di continuità per tutti quei progetti edilizi avviati sulla base delle precedenti normative, garantendo una certa stabilità e prevedibilità per investitori e cittadini.

Impatto su Terzo Settore e aree terremotate

La stretta normativa si concentra in particolare su due ambiti chiave: il Terzo settore, inclusi gli IACP (Istituti Autonomi Case Popolari), e il Superbonus per le aree colpite da terremoti. Le nuove regole prevedono l’eliminazione della possibilità di cessione dei crediti e dello sconto in fattura per questi settori, che fino all’ultimo momento prima dell’approvazione del decreto godevano di una maggiore flessibilità.

Questa decisione ha lo scopo di razionalizzare l’utilizzo delle risorse statali, concentrando gli sforzi economici in aree ritenute prioritarie. In aggiunta, si registra una restrizione nell’ambito di applicazione del bonus barriere architettoniche, ulteriormente limitando le possibilità di accesso a tali incentivi.

Questo segmento della normativa segna un punto di svolta importante per enti e cittadini coinvolti, modificando significativamente le prospettive di pianificazione e realizzazione degli interventi edilizi incentivati.

Richiedi informazioni per Bonus, Cessione del Credito, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Plusvalenza immobiliare: cos'è e come si calcolaPlusvalenza immobiliare: cos'è e come si calcola

Plusvalenza immobiliare: cos'è e come si calcola

28/03/2024 08:49 - Esplorando la plusvalenza immobiliare, si svelano strategie per massimizzare guadagni, comprendendo deduzioni, eccezioni e obblighi fiscali, indispensabili per investitori attenti a profitto e conformità alle normative.
IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

26/03/2024 11:52 - L'IMU, imposta municipale sugli immobili, si applica con regole specifiche, [..]
Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessateCase Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

18/03/2024 09:16 - In Italia, tra 5,5 e [..]
TAGS: aree terremotate, bonus barriere architettoniche, cessioni di credito, cilas, decreto governativo, normative edilizie, sconti in fattura, Superbonus, terzo settore, titolo abilitativo

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!