Bonus 200 Euro: Come e a chi sarà erogato?

Bonus 200 Euro: Come e a chi sarà erogato? Bonus 200 Euro: Come e a chi sarà erogato?
Ultimo Aggiornamento:

Si tratta senza alcun dubbio di una delle misure economiche su cui l’interesse quotidiano da parte della popolazione e dei vari media sia è sempre mantenuto su livelli altissimi, sino a quando non si è arrivati alla comunicazione della sua definitiva approvazione, si parla del chiacchierato Bonus da 200 Euro che il Governo ha recentemente disposto come aiuto a favore delle varie famiglie.

Trattandosi di un incentivo particolarmente trasversale nei suoi aspetti operativi e dalle nette dinamiche in termini di concessione ed erogazione, è indispensabile che sull’argomento venga fatta chiarezza andando a trattare nel dettaglio i punti di maggiore interesse come andremo per l’appunto ora a fare.

Che cos’è il Bonus anti inflazione?

Denominato anche come Bonus anti inflazione, si tratta di un incentivo una tantum dell’importo totale di 200 Euro previsto dal Decreto Aiuti 2022 tramite cui il Governo offre ai cittadini una soluzione per fronteggiare i recenti aumenti dell’energia e l’incremento dei costi delle materie prime derivanti dalla configurazione storica, sociale e politica attualmente in essere.

Lo stesso premier Draghi in una recente conferenza stampa in riferimento al suddetto Decreto Aiuti ha specificato come le misure previste si aggirino intorno a un totale di 14 miliardi di Euro e come soprattutto siano state finanziate lasciando invariato il livello di indebitamento rispetto all’annualità precedente.

Tale risultato, citando nuovamente le parole pronunciate dal premier Draghi nella suddetta conferenza stampa liberamente consultabile tramite link governativo: “si ottiene incrementando la tassa sui profitti eccezionali delle aziende dell’energia, i profitti che queste aziende hanno accumulato in questi mesi“.

Advertisement - Pubblicità


A chi è rivolto il Bonus 200 Euro?

Il Bonus da 200 Euro presente all’interno del Decreto Aiuti 2022 è specificatamente rivolto a:

  • Pensionati
  • Lavoratori sia dipendenti sia autonomi
  • Colf e lavoratori domestici
  • Lavoratori stagionali
  • Percettori del Reddito di Cittadinanza
  • Disoccupati percettori di Naspi e Dis-Coll

Purché siano in possesso di un reddito pari o inferiore ai 35.000 Euro.

I requisiti necessari

Per poter beneficiare del Bonus da 200 Euro sarà necessario essere in possesso di entrambi i suddetti requisiti:

  • Appartenenza a una delle categorie indicate
  • Possesso di un reddito lordo annuo non superiore ai 35.000 Euro
Advertisement - Pubblicità


Come si ottiene il Bonus 200 Euro?

Ancora prima che il Decreto Aiuti 2022 venisse legittimato legalmente e burocraticamente tramite la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, consultando le prime bozze del testo era possibile appurare come l’altissima usabilità sarebbe stato uno dei suoi punti di forza e in effetti è proprio così.

Per ottenere il suddetto Bonus non sarà necessario compilare alcuna documentazione o modulo specifico, tutte le persone che rientreranno nelle fasce di destinazione riceveranno automaticamente l’incentivo sulla propria busta paga.

Discorso simile per quel che riguarda i pensionati per i quali sarà compito dell’INPS o dello specifico ente di previdenza procedere all’accredito della somma mediante cedolino della pensione.

Come verrà erogato e quando arriverà?

Sulle modalità di erogazione del Bonus da 200 Euro sin da subito si sono rincorse diverse voci, tuttavia già dalle prime bozze del testo è stato messo in chiaro come le dinamiche operative dell’incentivo dovessero avvalersi di standard espletativi estremamente semplici e così è stato.

La somma dei 200 Euro sarà accreditata nella busta paga o nella pensione di Luglio senza bisogno di presentare alcuna domanda specifica, anche perché, almeno per i lavoratori dipendenti, sarà compito del datore di lavoro riconoscere e legittimare il bonus sulla base dei dati reddituali del dipendente in proprio possesso.

A tal proposito si ricorda che per gli anziani l’accredito del Bonus concorrerà a determinare un assegno molto sostanzioso poiché sarà arricchito dalla presenza, oltre che del Bonus, anche della quattordicesima.

Sempre per quel che riguarda i pensionati occorre ribadire come l’accredito verrà inizialmente corrisposto dall’INPS o dall’ente omologo di riferimento, in concomitanza a ciò i dati reddituali del fruitore saranno controllati con l’Agenzia delle Entrate e laddove la limitazione di reddito fosse stata oltrepassata, l’importo erroneamente erogato dovrà essere rimborsato entro i 5 anni successivi.

Discorso simile per i lavoratori dipendenti. Qualora i limiti reddituali del lavoratore siano incompatibili con l’erogazione dell’incentivo e lo stesso risultasse quindi non dovuto, sarà compito del datore di lavoro ottenere il rimborso mediante 8 rate da applicarsi sulle buste paga successive al conguaglio effettivo.

Advertisement - Pubblicità


Come verrà calcolato il limite reddituale dei 35mila Euro?

Si tratta questo di un punto fondamentale della misura in questione poiché, come vedremo, non tutte le situazioni reddituali sono ritenute valide al raggiungimento del limite prefissato.

La suddetta stima verrà calcolata prendendo in considerazione i redditi di qualsivoglia natura, comprensivi di imposta sostitutiva, esenti da imposta o soggetti a ritenuta all’origine.

I redditi che invece non concorrono al raggiungimento della soglia prefissata per l’ottenimento del Bonus sono:

  • TFR
  • Competenze arretrate con relativa tassazione separata
  • Reddito della casa di abitazione
  • ANF
  • Assegno unico universale
  • Assegni familiari

Importante infine ricordare come il Bonus da 200 Euro ai fini fiscali e a quelli della corresponsione di prestazioni previdenziali e assistenziali non si configurerà come reddito, inoltre non sarà cedibile, pignorabile o sequestrabile.

Le altre misure comprese nel Decreto Aiuti

Il Decreto Aiuti, oltre a essere comprensivo del Bonus da 200 Euro di cui in oggetto, contiene ulteriori misure dal momento che nella già citata recente conferenza stampa tenuta dal premier Draghi si è ribadito come le attuali contingenze storiche e sociali siano di grandi difficoltà per le famiglie e quindi un intervento governativo si era reso ormai necessario.

Nello specifico i vari provvedimenti intrapresi toccheranno diversi ambiti, tra cui:

  • Imprese, con l’attuazione di misure ad hoc studiate appositamente per garantire a imprese e aziende quella liquidità necessaria per contrastare gli effetti della crisi ucraina, oltre naturalmente al rincaro delle materie prime e dei materiali impiegati nella costruzione. Particolare attenzione verrà riservata anche alla produttività con investimenti mirati per consolidare e possibilmente espandere il business aziendale.
  • Energia, con l’attuazione di misure ad hoc per ridurre drasticamente i costi in bolletta ed eventualmente studiare procedimenti semplificativi allo scopo di incentivare la realizzazione di nuovi impianti energetici e ovviamente consolidare la produzione energetica a livello nazionale potenziandola il più possibile.
  • Lavoro, con l’attuazione di misure ad hoc progettate per migliorare la situazione delle varie politiche sociali e offrire ai cittadini dei servizi all’altezza delle loro esigenze. Ulteriori misure saranno studiate per offrire a lavoratori e pensionati degli strumenti effettivi e concreti per contrastare gli effetti dell’inflazione. Sul lavoro però si prospetta un piano di più ampio respiro, anche realtà come quelle del trasporto pubblico locale o dei servizi digitali saranno potenziate e in alcune casi completamente rifondate in modo da essere più congeniali alle necessità dei fruitori finali.
  • Enti territoriali, con misure ad hoc per il sostentamento di regioni, province e comuni:
  • Accoglienza e supporto economico, con provvedimenti studiati appositamente per fornire aiuto alle persone ucraine accolte in Italia e al governo ucraino stesso.


Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo linkedin

Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità