Riduzione contributiva UNIEMENS per le imprese: ecco chi ne ha diritto

Riduzione contributiva UNIEMENS
Condividi!

Confermata per un altro anno riduzione contributiva INPS-INAIL per gli operai edili. Ad ufficializzarlo è stata la Circolare n. 145 del 28 novembre 2019, in cui l’INPS ha reso pubbliche le modalità di fruizione e di invio della domanda.

Lo sgravio sarà applicato con la misura dell’11,5%, come prevedeva il Decreto del 24 settembre 2019 del Ministero dello Sviluppo Economico. L’ente accoglierà le domande fino alla data di scadenza, prevista per il 15 marzo 2020.

Riduzione dell’11,5%: solo per lavoratori full-time

La nuova misura prevede per l’impresa una riduzione dei costi contributivi per quanto riguarda il flusso UNIEMENS, ovvero il sistema dell’INPS che racchiude i dati relativi ai dipendenti di un’azienda. Il datore di lavoro è tenuto a fare la denuncia UNIEMENS all’INPS una volta al mese.

Grazie a questo beneficio, il datore di lavoro potrà ottenere una riduzione dei contributi con la misura dell’11,5% per tutte le assicurazioni sociali INPS dei dipendenti, ad eccezione della pensione. Sarà possibile però solo con gli operai assicurati per 40 ore alla settimana.

La domanda dovrà essere inviata all’INPS entro il 15 marzo 2020, e i dati saranno quelli relativi all’anno 2019.

Riduzione: chi può beneficiarne

Avranno diritto all’agevolazione le imprese classificate con:

  • Codici statistici da 11301 a 11305 per il settore industriale;
  • Da 41301 a 41305 per il settore artigianale;
  • Codici Ateco 2007 da 412000 a 439909.

Il sussidio non spetta invece a:

  • Imprese non considerate come aziende edili, che si occupano di installazione impianti elettrici, idraulici e simili;
  • Attività economiche con Codici Ateco 2007 da 432101 a 432909;
  • Imprese con codici statistici contributivi da 11306 a 11308 e da 41306 a 41308.

Come inviare la richiesta

Il datore di lavoro potrà inviare la domanda esclusivamente per via telematica. Per farlo, dovrà accedere all’Area Riservata sul sito dell’INPS, entrare nel servizio “Cassetto Previdenziale Aziende”, e poi cliccare su “Comunicazioni On-Line”. Dopodiché premere “Invio Nuova Comunicazione”, e scaricare il modulo Rid-Edil.

L’INPS provvederà al controllo di tutte le domande pervenute tramite un sistema automatico, e l’azienda riceverà risposta entro 1 giorno dall’invio. Se risulterà idonea a beneficiare della riduzione contributiva, gli sarà attribuita la posizione col codice di autorizzazione 7N, che sarà valido da novembre 2019 a febbraio 2020.

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]