Superbonus Edilizia 110%: cosa puoi fare davvero

superbonus edilizia 110%

La maxi misura introdotta dal Governo per favorire il rilancio dell’edilizia e dell’economia italiana, ovvero il Superbonus 110%, comprende una lunga serie di interventi detraibili.

Molti lavori che prima potevano essere scontati con l’Ecobonus, nella misura del 50-65%, o con il Sismabonus dal 50 all’85%, ora possono essere eseguiti con il 110% di sconto.

Vediamo quali sono gli interventi che potrete detrarre con il Superbonus 110%.

Superbonus 110%: i lavori ammessi

Il Superbonus 110% è la nuova maxi misura introdotta dal Governo con il Decreto Rilancio al fine di favorire le ristrutturazioni e la messa in sicurezza degli edifici, sia individuali che condominiali.

Gli interventi ammessi al beneficio del bonus sono i seguenti:

  • Isolamento termico delle superfici opache orizzontali e verticali che interessano l’involucro dell’edificio per più del 25% della superficie lorda. Il limite di spesa massimo è pari a 60 mila euro per ogni unità;
  • Sostituzione impianti di climatizzazione invernale con dei nuovi impianti centralizzati a condensazione, per riscaldamento, raffrescamento o produzione di acqua calda sanitaria. I nuovi impianti dovranno essere ibridi, geotermici o a pompa di calore, e avere un’efficienza energetica di Classe A o superiore. Possibile abbinarli anche all’installazione di impianti fotovoltaici con un massimo di spesa pari a 30 mila euro per unità immobiliare;
  • Lavori antisismici, solo se viene stipulata in contemporanea una polizza assicurativa che copre l’edificio dal pericolo di calamità. Valido solo nelle Zone a rischio sismico 1,2,3;
  • Installazione di impianti fotovoltaici e accumulatori integrati. Solo se si abbina questo intervento a uno dei tre elencati sopra, e solo se il contratto con il GSE prevede la cessione dell’energia non consumata;
  • Realizzazione di stazioni di ricarica per le auto elettriche, solo se si abbina questo intervento a uno dei primi 3 dell’elenco.

Condizionalità per beneficiare dell’incentivo

Ricordiamo che gli interventi volti all’efficientamento energetico, per essere ammessi al Superbonus 110% dovranno necessariamente:

  • Comportare un miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio di minimo 2 Classi;
  • Comportare un miglioramento energetico dalla Classe B alla Classe A.

Per quanto riguarda invece gli interventi antisismici che interessano le Zone 1, 2, 3 del territorio italiano, si dovrà ottenere:

  • La riduzione del rischio sismico di almeno 1 Classe;
  • La riduzione del rischio sismico di almeno 2 Classi.

Il Superbonus 110% sarà valido anche per l’acquisto di immobili antisismici, ovvero per il Sismabonus Acquisti .

Tutti i lavori dovranno essere sostenuti nel periodo di tempo che va dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021.




Uretek