Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Condono Edilizio » Condono edilizio: la decisione del TAR sulla restituzione degli oneri

Condono edilizio: la decisione del TAR sulla restituzione degli oneri

Condono edilizio: la decisione del TAR sulla restituzione degli oneriCondono edilizio: la decisione del TAR sulla restituzione degli oneri
Ultimo Aggiornamento:

In una recente sentenza il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) ha fornito importanti chiarimenti sulla restituzione degli oneri concessori in caso di rinuncia al condono edilizio.

Questa decisione deriva dall’analisi di un caso specifico, in cui una società immobiliare ha presentato un’istanza di condono per un cambio di destinazione d’uso di un immobile, per poi integrarlo in un progetto edilizio più ampio che prevedeva a sua volta un cambiamento di destinazione d’uso.

Leggi anche: Cambio destinazione d’uso immobile: come funziona?

Il contesto del dibattito legale

La questione ha preso avvio quando il Comune, nel quale si trova l’immobile oggetto dell’intervento, ha imposto come condizione per il rilascio del permesso di costruire per il nuovo progetto edilizio la rinuncia alla precedente istanza di condono da parte della società immobiliare.

In risposta, la società ha proceduto con il versamento degli oneri concessori necessari per l’ottenimento del permesso di costruire per il secondo intervento, rinunciando contestualmente all’istanza di condono edilizio originariamente presentata.

Leggi anche: Permesso di Costruire semplificato: cos’è, come si ottiene

Successivamente, ha richiesto al Comune la restituzione degli oneri concessori versati per la richiesta di condono, richiesta che però è stata respinta dall’amministrazione comunale. La motivazione addotta dal Comune si basava sull’utilizzo dell’immobile da parte della società nel periodo di attesa della definizione dell’istanza di condono.

La decisione del TAR e i suoi fondamenti

Di fronte alla decisione del Comune di negare la restituzione degli oneri concessori, la società immobiliare ha deciso di portare la questione dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale, chiedendo l’annullamento del provvedimento comunale.

I giudici, con la sentenza n° 3614 del 2023, hanno affrontato il nocciolo della questione, evidenziando l’assenza di una regola univoca per la restituzione delle somme versate a titolo di oneri concessori in caso di rinuncia all’istanza di condono. La sentenza ha sottolineato come la decisione debba essere presa considerando le specificità di ogni caso, in questo particolare contesto, l’incorporazione dell’istanza di condono in un progetto edilizio più ampio che richiedeva un nuovo permesso di costruire.

Inoltre, i giudici hanno rilevato che gli oneri concessori versati per il secondo intervento includevano implicitamente anche quelli relativi al condono.

Leggi anche: Terzo condono edilizio: l’ultima occasione per regolarizzare?

Pertanto, se il Comune avesse trattenuto gli oneri concessori iniziali, la società si sarebbe trovata a pagare due volte per lo stesso intervento, una circostanza considerata ingiusta e priva di fondamento legale. Alla luce di queste considerazioni, il TAR ha accolto il ricorso della società, annullando il provvedimento del Comune e ordinando la restituzione degli oneri concessori versati per la domanda di condono.

Implicazioni della sentenza

La sentenza del TAR ha implicazioni significative per il settore immobiliare e per le procedure amministrative relative alle pratiche edilizie.

Innanzitutto, stabilisce un precedente importante per casi simili, offrendo un punto di riferimento per la valutazione delle richieste di restituzione degli oneri concessori in situazioni di rinuncia al condono edilizio. In secondo luogo, sottolinea l’importanza di valutare ogni caso sulla base delle sue specificità, evitando applicazioni automatiche di regole che potrebbero non tenere conto delle complessità dei singoli casi.

Leggi anche: Sanatoria per abusi edilizi: quando il condono non è necessario?

Questa decisione invita inoltre le amministrazioni comunali a esercitare un’attenta discrezionalità nelle loro valutazioni, promuovendo una gestione più equa e giustificata delle questioni legate ai permessi edilizi e ai condoni.

Per le società immobiliari e i proprietari di immobili, la sentenza offre una maggiore chiarezza sulle loro possibilità di ricorso in casi di decisioni amministrative percepite come ingiuste o penalizzanti.

In conclusione, la sentenza del TAR non solo risolve una disputa specifica ma fornisce anche una guida per la risoluzione di questioni simili in futuro, promuovendo una maggiore giustizia e trasparenza nelle pratiche amministrative legate al settore edilizio.

Richiedi informazioni per Condono Edilizio, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Abusi edilizi e sanatoria in aree vincolate: cosa cambia con il terzo condono?Abusi edilizi e sanatoria in aree vincolate: cosa cambia con il terzo condono?

Abusi edilizi e sanatoria in aree vincolate: cosa cambia con il terzo condono?

25/03/2024 09:02 - La legislazione italiana sull'edilizia pone un delicato equilibrio tra la sanatoria di specifici abusi edilizi e la salvaguardia del patrimonio culturale, imponendo limiti rigorosi soprattutto in aree vincolate.
Piano Casa 2025: la proposta di condono edilizio di SalviniPiano Casa 2025: la proposta di condono edilizio di Salvini

Piano Casa 2025: la proposta di condono edilizio di Salvini

14/02/2024 09:30 - In risposta alla contrazione del mercato immobiliare, Matteo Salvini propone un [..]
Terzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetriciTerzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetrici

Terzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetrici

23/01/2024 14:37 - In questo articolo analizzeremo nel dettaglio la nuova sentenza della Corte di [..]
Terzo condono edilizio: l'ultima occasione per regolarizzare?Terzo condono edilizio: l'ultima occasione per regolarizzare?

Terzo condono edilizio: l'ultima occasione per regolarizzare?

16/01/2024 12:10 - Il Terzo condono edilizio fa parte di un gruppo composto da tre provvedimenti [..]
TAGS: condono, condono edilizio, PdC, permesso di costruire, rinuncia condono, tar

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!