Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Casa » Sostituzione persiane e serrande: agevolabile con modifica materiali e infissi

Sostituzione persiane e serrande: agevolabile con modifica materiali e infissi

Sostituzione persiane e serrande: agevolabile con modifica materiali e infissiSostituzione persiane e serrande: agevolabile con modifica materiali e infissi
Ultimo Aggiornamento:

È possibile procedere con la sostituzione di persiane con serrande, o alla nuova installazione delle serrande, beneficiando di diversi incentivi in ambito edile, tra cui il Bonus Ristrutturazione.

L’incentivo consiste in una detrazione IRPEF nella misura del 50% ed è attualmente in vigore fino al 31 dicembre 2024. Se non dovessero esserci proroghe per tale data, l’agevolazione tornerà ad essere concessa al 36% delle spese sostenute con massimale pari a 48.000 euro (approfondisci qui).

Il Bonus Ristrutturazione però, come detto, non è l’unico bonus casa che ammette questa tipologia di intervento.

Sostituzione senza modifiche: è manutenzione ordinaria

La sostituzione di persiane con serrande è un intervento che, nell’ambito del Bonus Ristrutturazione, può essere ricompreso in differenti categorie.

Innanzitutto, l’agevolazione incentiva i lavori rientranti nella manutenzione ordinaria, che include tutte quelle opere di rinnovo o sostituzione di elementi esistenti e delle finiture degli edifici, oltre agli interventi necessari a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici dell’abitazione.

Il Bonus Ristrutturazione è destinato ai lavori che si realizzano su edifici condominiali e singole unità immobiliari, purché siano sempre residenziali.

In merito alla categoria della manutenzione ordinaria, la normativa ammette a detrazione, di base, solo i lavori che interessano i condomìni. È possibile tuttavia realizzare gli stessi interventi anche sulle singole unità, se vengono eseguiti come lavori di completamento di interventi di maggiore rilevanza.

Possono rientrare nella manutenzione ordinaria, ad esempio:

Sostituzione in manutenzione straordinaria o nuova installazione

Sempre il Bonus Ristrutturazione incentiva anche gli interventi di manutenzione straordinaria che, al contrario di quelli “ordinari”, possono essere realizzati sempre sia su singole unità che su edifici condominiali.

Sono lavori di manutenzione straordinaria tutte le opere volte al rinnovo e alla sostituzione di parti dell’edificio (anche strutturali), nonché i lavori di realizzazione e integrazione dei servizi igienico-sanitari, sempre che non vengano modificate la volumetria complessiva e le destinazioni d’uso degli immobili.

La sostituzione di infissi esterni e serramenti, o di persiane con serrande, diventano lavori di manutenzione straordinaria se si intende apportare modifiche ai materiali o alle tipologie di infissi.

Ma non è finita qui. Il Bonus Ristrutturazione infatti prevede anche che sia possibile installare ex-novo le serrande se si tratta di un intervento finalizzato a prevenire il rischio di atti illeciti da parte di terzi soggetti.

Nello specifico, la prevenzione degli atti illeciti è una categoria separata e distinta da tutte le altre ammesse all’agevolazione, e ricomprende tutti quei lavori che siano destinati a tutelare l’abitazione (e i suoi abitanti) dalle azioni illecite che terze persone malintenzionate potrebbero voler eseguire.

Rientrano tra gli atti illeciti in questo senso tutti i reati perseguibili penalmente, come ad esempio i furti, le aggressioni, il sequestro di persona, ecc.

Al fine di prevenire furti ed effrazioni, è possibile anche installare delle nuove serrande, ma non solo. Rientrano tra i lavori ammessi, ad esempio:

Sostituzione infissi e persiane con Ecobonus e Superbonus

Oltre al Bonus Ristrutturazione, però, esistono altri incentivi edilizi che ammettono la possibilità di intervenire su persiane e serrande, beneficiando di detrazioni ancor più elevate.

L’Ecobonus, ad esempio, ammette i lavori che vengono realizzati sugli involucri degli edifici e delle singole unità immobiliari esistenti, stavolta anche se non sono a destinazione abitativa.

In questo caso, la detrazione dunque è da IRPEF e da IRES e viene concessa nella misura del 50% o 65% a seconda degli interventi, con massimali che vanno da 30.000 a 100.000 euro per ogni unità.

Per rientrare nell’Ecobonus, è fondamentale che i lavori di coibentazione dell’involucro comportino una riduzione della trasmittanza termica (e quindi che riducano la dispersione del calore), e permettano all’immobile di ottenere dei risparmi energetici.

In quest’ottica, è possibile intervenire:

  • Sulle strutture opache verticali (generalmente pareti esterne);
  • Sulle strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti);
  • Sulle finestre (infissi inclusi) che delimitano i locali riscaldati dagli ambienti esterni, dagli altri locali non riscaldati oppure contro terra.

Non sono ammesse in questo caso le nuove installazioni. Pertanto, sarà possibile intervenire solo su parti strutturali già esistenti o, nel caso delle finestre, sostituire quelle già esistenti.

La Circolare n. 36/E del 31 maggio 2007 ha chiarito che, tra gli infissi sostituibili con le finestre, possono essere ricompresi anche:

  • Le strutture accessorie che hanno effetto sulla dispersione del calore, come ad esempio gli scuri o le persiane;
  • Gli elementi che risultino strutturalmente accorpati al manufatto, come i cassonetti incorporati nel telaio dell’infisso.

Gli stessi lavori citati per l’Ecobonus possono inoltre essere realizzati beneficiando delle detrazioni maggiorate concesse dal Superbonus.

In questo caso, se si consegue l’intervento di coibentazione degli involucri, oppure quello di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale (che sono entrambi trainaNTI), sarà possibile poi realizzare congiuntamente anche altri interventi minori (trainaTI) che siano finalizzati al risparmio energetico.

Tra questi interventi trainaTI può essere ricompreso anche quello di sostituzione delle finestre, degli infissi, delle strutture accessorie (come scuri o persiane) e delle strutture incorporate (come i cassonetti al telaio).

Richiedi informazioni per Casa, Guide, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Danni dell'inquilino: chi paga? responsabilità civile o penale?Danni dell'inquilino: chi paga? responsabilità civile o penale?

Danni dell'inquilino: chi paga? responsabilità civile o penale?

26/02/2024 08:29 - Gli inquilini hanno l'obbligo legale di mantenere gli immobili locati in buono stato, risarcendo i danni causati. La responsabilità civile e penale si applica a danneggiamenti intenzionali o per negligenza, con conseguenze legali significative per la tutela dei diritti dei proprietari.
Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?

Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?

21/02/2024 09:20 - Il Bonus Verde concede [..]
Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?

Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?

19/02/2024 09:26 - L'installazione di un cappotto termico migliora l'efficienza energetica, il comfort [..]
Acquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategieAcquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategie

Acquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategie

13/02/2024 11:20 - L'acquisto di case all'asta offre opportunità economiche ma richiede cautela. È [..]
TAGS: persiane, serrande, sostituzione serrande

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!