Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Casa » Piscine e autorizzazioni: tutto quello che c’è da sapere

Piscine e autorizzazioni: tutto quello che c’è da sapere

Piscine e autorizzazioni: tutto quello che c’è da saperePiscine e autorizzazioni: tutto quello che c’è da sapere
Ultimo Aggiornamento:

L’estate è ufficialmente iniziata e l’unico modo per contrastare le elevate temperature di questi mesi consiste nell’installare una piscina privata. Nonostante questa possa sembrare solamente un impegno economico, l’acquisto e il montaggio di una piscina richiede il rispetto di alcuni aspetti burocratici, di precise normative e di obblighi vincolanti.

Proprio questa è la ragione per la quale moltissimi sono gli utenti che, inizialmente desiderosi di fare questo passo, si lasciano confondere da dubbi e incertezze fino ad accantonare l’idea di avere una piscina.

Quali sono le autorizzazioni utili all’installazione di una piscina, sia interrata sia fuori terra?

Questa è sicuramente la principale fra le domande che moltissime persone si pongono prima di effettuare specifici interventi volti proprio alla realizzazione di una piscina.

Nei paragrafi successivi verrà, quindi fornita riposta a questa e a moltissime altre questioni non ancor del tutto chiare, così da facilitare la realizzazione di un intervento che, oltre che complesso, cela dietro a una normativa tutt’altro che chiara tanti aspetti poco conosciuti.

Piscina interrata: i permessi necessari alla realizzazione

Per quanto riguarda la piscina interrata, è facile intuire come la realizzazione di quest’ultima richieda un numero di permessi sicuramente maggiore a quello relativo all’installazione di una piscina fuori terra. Nonostante ciò, non vi è una regola unica valida per questo intervento. Ogni Comune o Regione può, infatti, presentare documentazioni con all’interno importanti differenze in base ai propri piani urbanistici.

A ogni modo, la realizzazione di una piscina interrata comporta sicuramente valutazioni in merito agli eventuali vincoli al quale è sottoposto il terreno e alla DIA, documentazione che, in determinati casi, viene sostituita dalla SCIA.

Leggi anche: SCIA: come funziona, chi deve richiederla, tempi e durata

Nel primo caso occorre, quindi, verificare se, il proprio giardino, fosse soggetto a particolari normative in merito al piano regolatore, le quali generalmente pongono limiti allo svolgimento del progetto.

La DIA e la SCIA, invece, sono documenti che andranno presentato in comune. Questi ultimi non sono altro che certificazioni, redatte da un professionista, nelle quali vengono specificate tutte le caratteristiche destinate a realizzazione.

Solamente al termine di tali verifiche saprà possibile richiedere il permesso a costruire, certificazione rilasciata da un tecnico nel quale, dopo apposito sopralluogo, si attesta che l’area indicata è effettivamente pronta a essere soggetta a interventi volti a modificarne in via definitiva l’aspetto.

Leggi anche: Permesso di Costruire: costi, tempistiche e quando serve

Non di rado, vi è la possibilità che il Comune o gli organi regionali richiedano in allegato relazioni supplementari in merito a eventuali modalità di utilizzo e successivo deflusso dell’acqua.

Quali sono, invece, i permessi relativi all’installazione di una piscina fuori terra

Discorso abbastanza simile quello riguarda l’installazione di una piscina fuori terra. Anche in questo caso, infatti, non vi è una norma univoca e, pertanto, ogni comune delibera in modo autonomo al riguardo.

Il Testo Unico dell’Edilizia riferisce come la richiesta di apposito permessi sia necessaria per tutti i lavori che, completati, implicano una trasformazione edilizia e urbanistica del territorio. In poche parole, sarà necessario rispettare determinati vincoli solo nel caso in cui si effettuassero modifiche di tipo permanente al suolo.

Ulteriori autorizzazione andrebbero, poi, richiesta qualora l’installazione della piscina non si limitasse al solo montaggio della vasca, ma si estendesse anche alla realizzazione di opere accessorie, come per esempio tettoie gazebo.

Leggi anche: Gazebo: il confine sottile tra edilizia libera e abuso

Diverse volte, all’interno delle documentazioni fornite da Comune e Regione sono riportate le caratteristiche per le quali l’installazione di una piscina fuori terra è esonerata dal rispetto degli obblighi in precedenza citati.

Altre volte, invece, il comune fornisce apposite indicazioni riguardo alle tempistiche relative allo smantellamento della struttura o a contesti come quelli seguenti:

  • esigenza di allegare una comunicazione preventiva al Comune, accompagnando quest’ultima a un progetto convalidato da un tecnico che, tramite apposite perizie, ne certifichi la conformità ai piani urbanistici e al Testo Unico dell’Edilzia;
  • esigenza di permesso edilizio o di segnalazione certificata di inizio attività (DIA) per lo svolgimento di tutti quei lavori che, in ambito edilizio, vengono classificati come nuove costruzione;

DIA: la certificazione per la quale sarebbe anche possibile non richiedere il permesso a costruire

La DIA, acronimo di denuncia attività edilizia, è una documentazione che, in determinati casi, può risultare sufficiente a iniziare i lavori di realizzazione della piscina.

Questa va sottoposta agli organi preposti qualora l’installazione della piscina venga considerata intervento pertinenziale a condizione che il volume della piscina stessa non superi il 20% del volume relativo all’edificio principale e, alla aggiuntiva condizione che i tecnici incaricati di svolgere il sopralluogo non definiscano i lavori necessari alla realizzazione della piscina interventi di nuova costruzione.

Quanto appena letto consente di comprendere con facilità come la sola presentazione della DIA possa essere considerato il modo più semplice e sicuramente breve per procedere all’intervento sopracitato.

Approfondisci: DIA Denuncia Inizio Attività: Cos’è e le funzioni attuali

Stando a quanto riportato dal Testo Unico dell’Edilizia 2001, chiunque desiderasse installare una piscina ha l’obbligo di richiedere e presentare questa documentazione al Comune o alla regione, i quale avranno diritto a 30 giorni di tempo per opporsi. Qualora, allo scadere della data notificata, non venisse riscontrata alcuna anomalia, sarà possibile procedere con la costruzione della piscina.

Cosa fare nel caso in cui il terreno fosse sottoposto a vincoli

Qualora il controllo effettuato avesse evidenziato l’impossibilità di procedere con il progetto a causa di determinati vincoli, sarà comunque possibile richiedere una speciale deroga. Come?

L’autorizzazione all’opera potrà essere ottenuta tramite la richiesta e il successivo ottenimento del via libera da tutte le commissioni paesaggistiche o urbanistiche relative al vincolo che rende l’area impossibilitata alla realizzazione dell’impianto.

Tale permesso andrà, però, richiesto anche nel caso in cui la piscina non fosse pertinente all’edificio principale o, ancora, qualora le dimensioni di quest’ultima non fossero maggiori del 20% del volume dell’edificio principale.

Completata l’installazione della piscina, sarà compito del professionista incaricato di redarre la SCIA dichiarare l’effettiva conformità dell’opera a tutte le autorizzazioni richieste.

Installazione piscina interrata senza permessi: a cosa si andrebbe incontro

A livello giuridico costruire una piscina nel mancato rispetto delle normative imposte a livello Comunale o regionale viene considerato abuso edilizio. Questa, infatti, verrebbe considerata un vero e proprio reato di tipo urbanistico, sanzionabile mediante ammende di tipo amministrativo e penale.

Leggi anche: Il condono edilizio: come funziona, novità e regolarizzazione degli abusi

Nel caso in cui venissero aggirate le regole relativa all’installazione di una piscina, le leggi attualmente in vigore prevedono, dunque, il pagamento di un ingente somma di denaro o, in casi ancor più gravi, l’arresto. In aggiunta, il soggetto imputato di abuso edilizio è tenuto a ripristinare il precedente stato dell’area sottoposta a indagine.

Leggi anche: Prescrizione abuso edilizio: tutto quello che devi sapere

La realizzazione di una piscina comporta una tassazione più elevata?

La riposta è dipende. La sola installazione di una piscina all’interno della propria abitazione non è, legalmente parlando, sufficiente a modificare lo status di quest’ultima in abitazione di lusso, ossia immobile che al catasto viene catalogato come A/1, A/8 e A/9 e per il quale si registra una cessazione di tutte le agevolazioni fiscali come, per esempio, l’agevolazione prima casa ed eventuali esenzioni IMU/Tasi.

Leggi anche: Categorie catastali: cosa sono e a cosa servono?

La trasformazione dell’abitazione in un immobile di lusso si ha quando la superficie della piscina supera una metratura di 80 metri quadri. In aggiunta, il regime fiscale subirebbe variazione quando l’Agenzia delle Entrate verificasse, per esempio, che il fabbricato disponesse di una superficie superiore a 160 metri quadri, di finiture di pregio, ecc.

In conclusione

Quanto letto fino a ora permette di comprendere come la realizzazione di una piscina, interrata o fuori terra, possa risultare un lavoro caratterizzato da una grande complessità.

Per quanto riguarda le opere edili volte alla realizzazione di una piscina interrata, è possibile semplificare affermando che:

  • Il permesso a costruire è necessario solamente nel caso in cui la piscina non venisse considerata pertinente all’edificio principale, se il suo volume superasse o fosse equivalente al 20% dello stesso o, allo stesso modo, qualora le perizie sul territorio riscontrasse che l’area è soggetta a specifici vincoli paesaggistici;
  • La DIA, invece, è un documento obbligatorio la cui presentazione può rivelasi sufficiente in tutti i casi che differiscono da quelli sopracitati.

Nel caso in cui, invece, il progetto riguardasse una piscina fuori terra andrebbero tenute in considerazione variabili quali area: destinata al posizionamento della piscina, dimensioni di quest’ultima ed eventuali lavori in grado di modificare in via definitiva il paesaggio.

Proprio in virtù di tali controversie e della costante incertezza che contraddistingue l’installazione di una piscina, il consiglio è sempre quello di informarsi preventivamente rivolgendosi a professionisti o agli uffici tecnici del Comune di appartenenza.

Richiedi informazioni per Casa, Guide, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Acquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategieAcquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategie

Acquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategie

13/02/2024 11:20 - L'acquisto di case all'asta offre opportunità economiche ma richiede cautela. È essenziale valutare rischi, costi aggiuntivi e seguire procedure legali per minimizzare sorprese e massimizzare i benefici.
IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?

IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?

12/02/2024 14:03 - Con la Risoluzione n. 4/DF del 16 novembre 2023, il Dipartimento delle Finanze ha [..]
Ampliare il balcone: è possibile farlo? con quali permessi?Ampliare il balcone: è possibile farlo? con quali permessi?

Ampliare il balcone: è possibile farlo? con quali permessi?

12/02/2024 10:35 - L'ampliamento del balcone richiede il Permesso di Costruire per conformarsi alle [..]
Opere di innovazione in condominio: quali si possono installare?Opere di innovazione in condominio: quali si possono installare?

Opere di innovazione in condominio: quali si possono installare?

07/02/2024 11:22 - Le opere di innovazione che possono essere installate in condominio sono tutte [..]
TAGS: autorizzazioni piscina, piscina, Piscina fuori terra, piscina interrata

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!