Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Casa » Installazione o sostituzione di serrature e lucchetti: quali incentivi

Installazione o sostituzione di serrature e lucchetti: quali incentivi

Installazione o sostituzione di serrature e lucchetti: quali incentiviInstallazione o sostituzione di serrature e lucchetti: quali incentivi
Ultimo Aggiornamento:

È possibile beneficiare di una detrazione pari al 50% delle spese sostenute per l’installazione ex novo, oppure la sostituzione, di serrature e lucchetti nelle singole unità abitative e negli edifici condominiali residenziali.

L’incentivo di cui si parla nello specifico è il Bonus Ristrutturazione, il più longevo, vario e ricercato tra i bonus edilizi, non fosse altro per la numerosissima serie di interventi agevolabili che si possono conseguire.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “Bonus Ristrutturazione: tutti gli interventi possibili, Guida completa

Installazione o sostituzione serrature e lucchetti: detrazione 50%

Tra i tanti lavori ammissibili al Bonus Ristrutturazione c’è, quindi, anche la possibilità di procedere con l’installazione ex novo o la sostituzione di serrature e lucchetti nelle abitazioni.

Questa tipologia di intervento appartiene alla più vasta categoria dei lavori “relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi”, che troviamo nel TUIR, all’art. 16-bis, comma 1, lettera f).

In particolare, sono ricompresi qui tutti quei lavori che vengono realizzati per rendere più sicura la propria abitazione in riferimento al pericolo di furti e, in generale, al rischio di compimento di atti illeciti da parte di terze persone.

Con la Circolare n 13/E del 6 febbraio 2001, veniva precisato che sono considerati “atti illeciti” tutti quei reati perseguibili penalmente, che comportino il superamento dei limiti fisici posti a tutela di diritti giuridicamente protetti, come ad esempio il furto, l’aggressione, il sequestro di persona, ecc.

Ricordiamo che il Bonus Ristrutturazione è dedicato esclusivamente ai lavori che si svolgono in relazione a singole unità ed edifici a destinazione residenziale. Non saranno ammessi eventuali interventi eseguiti su immobili strumentali.

Leggi anche: “Fotovoltaico per uso commerciale: ammesso al Bonus Ristrutturazione?

Prevenire rischio di illeciti: quali lavori si possono fare nell’abitazione?

L’installazione di serrature e lucchetti, o la sostituzione degli stessi, è senza dubbio un intervento che si può intendere come finalizzato ad incrementare la sicurezza dell’immobile. Le spese che si conseguono possono infatti essere detratte dall’Irpef nella misura del 50% con il Bonus Ristrutturazione.

Esistono, tra l’altro, numerosi altri lavori che sono ammissibili all’agevolazione e che rientrano nella categoria dedicata alla prevenzione del rischio di atti illeciti.

Leggi anche: “Furti in condominio tramite ponteggio durante lavori: chi è responsabile?

Oltre ad installare o sostituire serrature e lucchetti (inclusi catenacci e spioncini), si può inoltre intervenire ad esempio:

  • Per rafforzare, sostituire o installare (ex novo) le cancellate o le recinzioni murarie;
  • Per installare grate sulle finestre, o per sostituire quelle già esistenti;
  • Per montare porte blindate o porte rinforzate;
  • Per installare rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;
  • Per apporre saracinesche e per montare tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • Per installare vetri antisfondamento;
  • Per installare casseforti a muro;
  • Per installare fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati;
  • Per installare strumenti di rilevazione di prevenzione antifurto e le relative centraline.

Ricordiamo che, a parte alcune eccezioni, il Bonus Ristrutturazione è un incentivo che si basa quasi sempre sulla realizzazione di lavori su un immobile abitativo.

Per questo motivo, la stessa Circolare n. 13/E già citata, ha precisato anche che non possono essere ricompresi nelle spese detraibili i costi che non sono direttamente legati allo svolgimento di interventi. Non si può, ad esempio, detrarre la spesa per la stipula del contratto con l’ente di vigilanza.

Leggi anche: “Bonus Sicurezza: Cos’è, come richiederlo e cosa comprende?

Prevenzione atti illeciti: edilizia libera e accesso al Bonus Mobili

Tutti i lavori che si conseguono nell’ottica della prevenzione del rischio di atti illeciti – inclusa l’installazione o sostituzione di serrature e lucchetti – possono essere realizzati nel regime dell’edilizia totalmente libera.

Questo significa che sarà possibile procedere ai lavori nelle abitazioni senza dover richiedere alcun permesso o autorizzazione, a meno che non si rendano necessari interventi strutturali di maggiore rilevanza.

Gli interventi relativi alla sicurezza dell’abitazione possono comunque, di base, sempre essere conseguiti in edilizia libera.

In quanto al diritto di accesso al Bonus Mobili, questa categoria di interventi del Bonus Ristrutturazione non rientra tra i lavori che conferiscono tale diritto.

Non tutti i lavori agevolabili con l’incentivo, infatti, concedono poi di beneficiare del Bonus per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici, anche qui con detrazione al 50%.

Solo lo svolgimento di determinate tipologie di lavori – agevolabili con il Bonus Ristrutturazione, il Sismabonus o il Superbonus – consentono la fruizione anche del Bonus aggiuntivo per gli acquisti. Per approfondire, leggi: “Bonus Mobili: quali interventi sbloccano l’accesso alla detrazione?

È tuttavia possibile aver diritto al Bonus Mobili nel caso in cui i lavori legati alla prevenzione degli atti illeciti ricomprendessero anche lavori rientranti nelle seguenti categorie:

  • Manutenzione ordinaria (ammessi solo negli edifici condominiali, a meno che i lavori non vengano “assorbiti” da altri più rilevanti rientranti nelle seguenti voci);
  • Manutenzione straordinaria;
  • Restauro o risanamento conservativo;
  • Ristrutturazione edilizia.

Leggi anche: “Bonus Mobili: lavori possono riguardare le sole pertinenze

Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Ristrutturazione, Casa, Detrazioni Fiscali, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

10/06/2024 10:38 - Il recente decreto "Salva casa" introduce una serie di novità significative per i proprietari di abitazioni, rendendo più semplici e rapidi alcuni interventi edilizi.
Fabbricati D non accatastati: nuovi coefficienti IMU e IMPIFabbricati D non accatastati: nuovi coefficienti IMU e IMPI

Fabbricati D non accatastati: nuovi coefficienti IMU e IMPI

07/06/2024 10:25 - Il decreto del Mef del 8 marzo 2024 aggiorna i coefficienti di rivalutazione per i [..]
Riparazioni condominiali: chi paga e come ottenere il rimborsoRiparazioni condominiali: chi paga e come ottenere il rimborso

Riparazioni condominiali: chi paga e come ottenere il rimborso

03/06/2024 08:20 - Per ottenere il rimborso delle spese anticipate per le riparazioni condominiali, è [..]
Soppalco: le regole e i permessi necessariSoppalco: le regole e i permessi necessari

Soppalco: le regole e i permessi necessari

31/05/2024 11:01 - Il soppalco è una soluzione salva-spazio molto utilizzata, sia nelle abitazioni [..]
TAGS: lucchetti, serrature, sostituzione serratura, sostituzione serrature

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!