Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Casa » Installazione casseforti a muro: agevolabile con Bonus Ristrutturazione

Installazione casseforti a muro: agevolabile con Bonus Ristrutturazione

Installazione casseforti a muro: agevolabile con Bonus RistrutturazioneInstallazione casseforti a muro: agevolabile con Bonus Ristrutturazione
Ultimo Aggiornamento:

L’installazione di casseforti a muro è un intervento per il quale si può beneficiare della detrazione pari al 50% concessa dal Bonus Ristrutturazione.

L’incentivo concede la possibilità di detrarre solo da IRPEF, con una ripartizione in 10 quote di pari importo per 10 anni. Allo stesso modo, l’agevolazione concede di poter scegliere le opzioni alternative alla detrazione, quali cessione del credito e sconto in fattura, ma solo in riferimento a determinate tipologie di interventi. Per approfondire, leggi: “Cessione e Sconto sono ancora validi: ecco come, per chi e per quali lavori

Vediamo come e quando l’installazione di casseforti a muro può essere agevolabile con il Bonus Ristrutturazione.

Leggi anche: “Bonus Ristrutturazione: tutti gli interventi possibili, Guida completa

Installazione casseforti a muro: importanza e vantaggi

L’installazione di casseforti a muro è un intervento spesso necessario per tutelare determinati beni particolarmente preziosi, come ad esempio gioielli, soldi contanti, beni costosi o anche documenti di notevole importanza.

Si tratta infatti di una soluzione che offre innumerevoli vantaggi in termini di prevenzione dei furti. Leggi anche: “Antifurto Casa: tipologie e prezzi

Oltre a garantire la sicurezza di mantenere e nascosti i propri beni più importanti, la cassaforte è la soluzione più ideale per “creare” un apposito luogo in casa dove poter riporre tali oggetti, evitando di poterli smarrire.

Si tratta di un piccolo “caveau” da poter tenere nell’abitazione, spesso incastonato direttamente al muro e nascosto (quindi difficile da trovare), che permette a chiunque di proteggere le proprie cose mantenendole sempre vicine.

Avendo quindi i propri beni sempre a portata di mano, in caso di necessità, sarà possibile recuperarli in qualsiasi momento, ma solo da chi conosce il meccanismo di apertura della cassaforte (spesso un codice segreto), che si può scegliere eventualmente di tenere nascosto anche a persone che abitano nella stessa casa.

L’installazione di casseforti a muro permette anche di proteggere i propri oggetti più preziosi dal rischio di eventuali incendi che si possono verificare nell’abitazione, in quanto esistono diversi modelli progettati per resistere alle fiamme per un certo periodo di tempo.

Insomma, sono davvero tanti i motivi per scegliere di installare una cassaforte a muro in casa, ma un ulteriore importantissimo vantaggio consiste nel fatto che le spese sostenute possono essere in parte detratte con il Bonus Ristrutturazione.

Leggi anche: “Furti in condominio tramite ponteggio durante lavori: chi è responsabile?

Bonus Ristrutturazione: casseforti tra i lavori di prevenzione degli illeciti

L’installazione di casseforti a muro rientra tra gli interventi ammessi al Bonus Ristrutturazione, ovvero una detrazione a Irpef al 50% delle spese sostenute, che non possono superare i 96.000 euro per unità.

Ricordiamo che l’agevolazione è attualmente in vigore in misura “maggiorata” fino al 31 dicembre 2024. Se non dovessero esserci modifiche o proroghe entro tale data, a partire dal 2025 la detrazione tornerà al 36%, mentre il massimale sarà pari a 48.000 euro per unità (approfondisci qui).

Il Bonus Ristrutturazione prevede che si possa realizzare una lunga serie di interventi, che spesso sono molto differenti tra loro, ma è possibile conseguirli solo nelle singole unità immobiliari e negli edifici condominiali a scopo abitativo.

Non sono ammesse all’incentivo le spese per lavori svolti negli immobili ad uso differente da quello residenziale. Pertanto, in caso di condomìni misti che abbiano sia unità residenziali che commerciali, gli interventi potranno essere realizzati (e le spese detratte) in riferimento solo agli appartamenti abitativi.

L’installazione di casseforti a muro rientra tra le categorie di lavori volti a prevenire il rischio di compimento di atti illeciti da parte di terze persone.

Insomma, rientra nelle soluzioni dedicate alla “protezione della casa”, per le quali il Bonus Ristrutturazione ammette la realizzazione di diversi lavori, anche eseguiti in autonomia (approfondisci qui).

Tra questi rientrano ad esempio:

  • Il montaggio di casseforti a muro;
  • Il montaggio vetri antisfondamento o di tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • L’installazione di fotocamere o videocamere collegate con centri di vigilanza privati;
  • L’installazione di rilevatori di apertura ed effrazione sui serramenti, nonché di altri rilevatori volti alla prevenzione antifurto (centraline incluse);
  • L’apposizione di saracinesche;
  • La sostituzione, o installazione ex novo, di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini (approfondisci qui);
  • La sostituzione, o installazione ex novo, di grate sulle finestre;
  • Il montaggio di porte blindate o rinforzate;
  • Il rafforzamento, la sostituzione o l’installazione ex novo di cancellate e recinzioni murarie negli edifici.

Le casseforti a muro possono quindi essere installate con il recupero del 50% delle spese sostenute.

Con la Circolare n. 13/E del 6 febbraio 2001 si chiariva che la detrazione può essere applicata solo alle spese sostenute per l’effettiva realizzazione di interventi sugli immobili.

Non può essere ammesso al beneficio, ad esempio, il costo dell’abbonamento che eventualmente si sottoscrive con l’ente di vigilanza privato.

Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Ristrutturazione, Casa, Detrazioni Fiscali, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Incrementa la sicurezza domestica: approfitta del Bonus Sicurezza 2024Incrementa la sicurezza domestica: approfitta del Bonus Sicurezza 2024

Incrementa la sicurezza domestica: approfitta del Bonus Sicurezza 2024

21/03/2024 11:36 - Il Bonus Sicurezza 2024 offre una detrazione fiscale del 50% fino a 96.000 euro per interventi di sicurezza domestica, come sistemi di videosorveglianza e porte blindate. Rivolto a proprietari e inquilini, richiede pagamenti tracciabili per accedere ai benefici.
Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessateCase Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

18/03/2024 09:16 - In Italia, tra 5,5 e [..]
Soppalco: serve sempre il permesso di costruire?Soppalco: serve sempre il permesso di costruire?

Soppalco: serve sempre il permesso di costruire?

14/03/2024 10:13 - Il TAR Salerno ha chiarito quando i soppalchi e i cambi di destinazione d'uso [..]
TAGS: Bonus Ristrutturazione, cassaforte, cassaforte a muro, casseforti

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!