Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Casa » Canna fumaria: installazione e consigli fondamentali

Canna fumaria: installazione e consigli fondamentali

Canna fumaria: installazione e consigli fondamentaliCanna fumaria: installazione e consigli fondamentali
Ultimo Aggiornamento:

Le canne fumarie sono degli elementi legati ad un sistema di riscaldamento, che sia esso un camino, una stufa, una caldaia e così via.

Proprio per questo motivo, è necessario prestare attenzione a diversi fattori al momento dell’installazione, perché altrimenti potrebbero sopravvenire problemi di efficienza o, ancora peggio, di sicurezza per gli abitanti.

Vediamo che cosa è fondamentale tenere in considerazione durante l’installazione delle canne fumarie.

Canne fumarie: come ottenere massime prestazioni

Per quanto riguarda il rischio di poca efficienza, si parla di “problemi di tiraggio”. In sostanza, se le canne fumarie non vengono installate correttamente, la circolazione dell’aria potrebbe non avvenire nella maniera corretta, e quindi non ci sarebbe la quantità di ossigeno necessaria per la combustione.

Per evitare questo, al momento dell’installazione, i fattori fondamentali da tenere in considerazione sono:

  • L’altezza, che rappresenta l’aspetto più importante per le canne fumarie. Queste infatti non dovranno assolutamente essere troppo corte, perché il tiraggio non sarebbe garantito in maniera adeguata. Per cui, più le canne fumarie saranno lunghe, più il sistema funzionerà correttamente;
  • Il diametro. Si tratta di un elemento che ovviamente, è strettamente collegato all’altezza. Infatti, così come questi elementi dovranno avere una corretta lunghezza, allo stesso modo si dovrà tener conto anche della larghezza. Solo così si favorirà l’appropriato passaggio del fumo. È bene ricordare però che le due misure sono inversamente proporzionali, per cui: più la canna sarà lunga, meno dovrà essere larga. E viceversa;
  • L’isolamento. Durante l’installazione non si deve considerare solo la dimensione delle canne fumarie, ma anche che queste siano sufficientemente isolate da poter sopportare le temperature molto alte. Quando avviene il processo di combustione infatti, il fumo è molto caldo, e questo è un bene per il tiraggio. In poche parole, una canna rivestita con un buon materiale isolante, permette ai fumi di rimanere caldi, e questo ne favorisce la fuoriuscita. Se invece le canne fumarie non sono ben isolate, i fumi si raffredderanno molto velocemente, e tenderanno a formare condensa e incrostazioni corrosive.

Come garantire la sicurezza: regole e normative

Ma veniamo al fattore più pericoloso legato all’installazione non corretta delle canne fumarie, ovvero la possibilità che scoppino incendi.

Per scongiurare il rischio d’incendi improvvisi, è obbligatorio seguire le normative in merito, che contengono tutte le istruzioni più adeguate sull’argomento. Queste sono: il D. Lgs. N° 152/2006, per tutti i combustibili e le centrali termiche; la UNI 7129 per gli impianti domestici a gas; la UNI 10683 per gli impianti alimentati a biomassa.

In sostanza, per far sì che le canne fumarie risultino sicure al 100% per l’incolumità degli occupanti dell’abitazione, si dovrà tener conto di:

  • Distanza dei materiali soggetti a combustione, nel rispetto dei parametri descritti nella UNI EN 15287;
  • Distanza minima da rispettare, come indicato nelle normative che regolano l’installazione: la UNI 7129, la UNI 10683 e la UNI 10845;
  • Sezioni atte all’evacuazione dei fumi, che devono sopportare temperature fino ad un minimo di 300°;
  • Rimozione di eventuali depositi carboniosi nelle pareti, che potrebbero incendiarsi raggiungendo temperature anche oltre i 1000°;
  • Periodica manutenzione delle canne fumarie, come stabilito dal Lgs. 311/2006, dalla UNI 8364 e dalla UNI 10863.

Leggi anche: “Canna fumaria: serve il Permesso per costruirla?

Richiedi informazioni per Casa, Condomini, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Danni dell'inquilino: chi paga? responsabilità civile o penale?Danni dell'inquilino: chi paga? responsabilità civile o penale?

Danni dell'inquilino: chi paga? responsabilità civile o penale?

26/02/2024 08:29 - Gli inquilini hanno l'obbligo legale di mantenere gli immobili locati in buono stato, risarcendo i danni causati. La responsabilità civile e penale si applica a danneggiamenti intenzionali o per negligenza, con conseguenze legali significative per la tutela dei diritti dei proprietari.
Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?

Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?

21/02/2024 09:20 - Il Bonus Verde concede [..]
Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?

Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?

19/02/2024 09:26 - L'installazione di un cappotto termico migliora l'efficienza energetica, il comfort [..]
Acquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategieAcquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategie

Acquisto casa all'asta: vantaggi, rischi e strategie

13/02/2024 11:20 - L'acquisto di case all'asta offre opportunità economiche ma richiede cautela. È [..]
TAGS: caldaia, canna fumaria, DL 152/2006, Lgs 311/2006, riscaldamento, stufa, tiraggio, UNI 10683, UNI 10845, UNI 10863, UNI 7129, UNI 8364, UNI EN 15287

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!