Sistema Grandi Appalti: nuovo modello UE per TAV Verona-Padova

sistema grandi appalti


La prima grande opera in cui si adotterà il nuovo Sistema Grandi Appalti con le direttive dell’UE è la TAV Verona-Padova.

Gli interventi sono iniziati a dicembre scorso, con la bonifica dei terreni sui quali sarà realizzata la galleria artificiale a San Martino Buon Albergo, in provincia di Verona. Questa consentirà ai treni ad alta velocità di passare sotto l’autostrada A4.

La TAV Verona-Padova è la prima opera che sarà interessata dall’applicazione del Sistema di Qualificazione per Grandi Appalti, secondo il modello dell’Unione Europea.

Sistema Grandi Appalti: nuovo metodo affidamento per grandi opere

Il Sistema di Qualificazione per Grandi Appalti sarà adottato per la TAV Verona-Padova, in merito all’affidamento degli interventi per un valore di 850 milioni di euro.

Il primo lotto da realizzare sarà quindi il tratto Verona-Bivio di Vicenza, con un valore di circa 2,5 miliardi di euro. Somma coperta dal finanziamento pari a 2,7 miliardi da parte del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.

Il progetto per il primo lotto è stato assegnato da Rete Ferroviaria Italiana al Consorzio IRICAV Due (appartenente per l’83% al Gruppo We Build, e per il 17% a Hitachi Rail STS).

Le direttive del nuovo sistema saranno adottate per selezionare i partner di IRICAV Due, con l’affidamento dei principali appalti relativi al primo lotto.

Advertisement - Pubblicità


Trasparenza e innovazione: si attende la pubblicazione in Gazzetta

Il Sistema di Qualificazione per Grandi Appalti rappresenta un nuovo approccio, più innovativo, veloce e trasparente, che sarà utilizzato per l’affidamento degli appalti.

Principalmente, l’applicazione del sistema riguarderà innanzitutto la preselezione degli operatori economici che affiancheranno il Consorzio nel progetto. Questi poi, potranno ricevere l’invito di partecipazione per le selezioni negoziate o ristrette.

Tuttavia, per poter iniziare il processo di preselezione, si dovrà attendere la pubblicazione dei regolamenti previsti per la gestione del sistema. Che saranno pubblicati sia sulla Gazzetta Ufficiale, sia sul sito ufficiale del Consorzio IRICAV Due.

Solo in presenza del regolamento ufficiale si potrà procedere all’applicazione del nuovo modello UE per l’affidamento delle grandi opere.





Altri approfondimenti ed Articoli Correlati