Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Appalti » Nuovo Codice appalti, ok del cdm: Via libera su appalto integrato e affidamento di lavori fino a 500mila euro

Nuovo Codice appalti, ok del cdm: Via libera su appalto integrato e affidamento di lavori fino a 500mila euro

Nuovo Codice appalti, ok del cdm: Via libera su appalto integrato e affidamento di lavori fino a 500mila euroNuovo Codice appalti, ok del cdm: Via libera su appalto integrato e affidamento di lavori fino a 500mila euro
Ultimo Aggiornamento:

Il Consiglio dei Ministri, su proposta della Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini, ha approvato il Nuovo Codice appalti, che riforma il Codice dei contratti pubblici.

La stessa premier ha definito la riforma “un provvedimento organico, equilibrato e di visione, frutto di un lavoro qualificato ed approfondito“. Il provvedimento ha l’intento di rilanciare la nazione rendendo più semplice l’iter burocratico per l’esecuzione dei progetti, e contiene diversi punti chiave.

I principi base

Il nuovo Codice appalti prevede due principi di base: quello del risultato, ovvero tutto gli aspetti che riguardano l’esecuzione tempestiva del contratto stipulato e la sua totale trasparenza, e quello della fiducia, ovvero tutto ciò che concerne le azioni della pubblica amministrazione e i suoi funzionari, che devono essere caratterizzate dalla massima correttezza.

La velocità e la semplificazione permetteranno di velocizzare le procedure e favoriranno “ampia libertà di iniziativa alle stazioni appaltanti”.

Le modifiche entreranno in vigore dal primo Luglio 2023, e l’obiettivo principale è proprio snellire la procedura di assegnazione degli appalti per realizzare il prima possibile gli obiettivi del PNRR.

Preoccupazioni sull’eccessiva libertà

L’estrema discrezionalità, per alcuni, può rappresentare un rischio che apre la strada alla corruzione.

Viene aumentata la soglia sotto la quale anche i piccoli Comuni potranno ottenere la qualificazione per appaltare lavori in totale autonomia: se prima si trattava di 150.000 euro, adesso si raggiungono i 500.000 euro.

Il ministro Salvini in realtà esprime soddisfazione per questa decisione, visto che gli appalti dei piccoli centri rappresentano più dell’80% del totale. L’intento del governo è dunque quello di non perdere tempo, accelerare tutte le procedure, anche a costo di andare incontro a potenziali rischi.

Le novità introdotte

Oltre all’innalzamento della soglia di affidamento, anche gli affidamenti in house verranno rivisti, e nei casi in cui gli importi siano superiori a quelli di rilevanza europea, servirà una motivazione valida che giustifichi l’autoproduzione, soprattutto dovrà essere esposto in maniera chiara il beneficio per la collettività.

Questo punto, in combinazione con un ammorbidimento delle norme sul conflitto di interesse, hanno suscitato le perplessità del presidente dell’Anac, Giuseppe Busia, il quale teme che la totale discrezionalità e la cancellazione dell’elenco delle società in house, possano aumentare i casi di affidamenti impropri di appalti (ad esempio a parenti ed amici).

Dal canto suo, Mantovano, precisa che non vede nessun conflitto, e che l’Anac ha, nel nuovo Codice, un ruolo coerente con le sue funzioni.

Per quanto riguarda invece la lista delle opere prioritarie, il nuovo Codice dei contratti pubblici ne prevede l’inserimento diretto nel documento di economia e finanza (Def).

Altre novità riguardano la reintroduzione della figura del general contractor, che era stata cancellata nel vecchio codice, e l’istituzione di un comitato speciale che esamini i nuovi progetti.

Il ritorno dell’appalto integrato

Previsto dalla legge Obiettivo del vecchio governo Berlusconi, c’è il ritorno del famigerato appalto integrato, ovvero la norma che prevede l’affidamento dell’esecuzione e della progettazione allo stesso soggetto.

L’aggiudicazione verrà effettuata sulla base di un solo criterio: l’offerta economicamente più vantaggiosa. Questo paletto servirà per evitare che i costi lievitino durante l’esecuzione, una situazione particolarmente diffusa se il progetto e l’esecuzione vengono affidati al medesimo soggetto.

Subappalto senza limiti

In linea con la normativa europea, che non prevede alcuna limitazione al subappalto, anche il nuovo Codice dei contratti pubblici elimina del tutto i paletti rimasti, ad eccezione di pochissimi e specifici casi, ovvero laddove vi sia il rischio di infiltrazioni criminali, oppure il subappalto non possa in alcun modo soddisfare le esigenze dei progetti.

Le tutele per i lavoratori

Dopo le proteste dei sindacati la scorsa primavera, sono state inserite delle clausole per la tutela dei lavoratori, i quali, nei cambi di appalto, rischiano di rimanere senza lavoro.
Le clausole sono volte a garantire la stabilità occupazionale del personale impiegato, a contrastare il lavoro irregolare, e ad assicurare l’applicazione dei contratti collettivi nazionali.

Richiedi informazioni per Appalti, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?

Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?

03/05/2024 11:14 - La Cassazione chiarisce la responsabilità solidale dei condomini negli appalti, enfatizzando l'importanza della verifica della regolarità contributiva delle imprese per prevenire rischi legali.
Nuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novitàNuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novità

Nuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novità

14/07/2023 14:16 - Il 31 marzo 2023 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo codice degli [..]
L'entrata in vigore del Nuovo Codice AppaltiL'entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti

L'entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti

03/07/2023 08:06 - Dal 1° luglio 2023, il panorama delle gare d'appalto italiane è stato stravolto [..]
TAGS: appalti, appalto integrato, codice appalti

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!