Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Appalti » Codice appalti: Ance, rischio elevato in Campania

Codice appalti: Ance, rischio elevato in Campania

Codice appalti: Ance, rischio elevato in CampaniaCodice appalti: Ance, rischio elevato in Campania
Ultimo Aggiornamento:

Il nuovo Codice degli Appalti ha introdotto significative novità nel settore degli affidamenti pubblici, con l’obiettivo di semplificare e velocizzare le procedure. Tuttavia, questo cambiamento ha sollevato alcune preoccupazioni riguardo alla trasparenza e alla correttezza delle procedure negoziate.

In questo articolo, analizzeremo gli aspetti positivi e negativi del nuovo Codice degli Appalti e proporremo soluzioni per garantire maggiore trasparenza e integrità nel processo di affidamento.

I Punti di Forza del Nuovo Codice degli Appalti

Il nuovo Codice degli Appalti presenta diversi aspetti positivi, tra cui:

  1. Riduzione dei livelli di progettazione: Questo cambiamento semplifica le procedure e riduce i tempi di realizzazione dei progetti.
  2. Possibilità di ricorso all’appalto integrato: Questo meccanismo consente di affidare in un’unica soluzione sia la progettazione che la realizzazione dei lavori, accelerando ulteriormente il processo.

Nonostante i punti di forza, il nuovo Codice degli Appalti solleva alcune preoccupazioni riguardo alla trasparenza delle procedure negoziate. In particolare, l’aumento del limite per le procedure negoziate senza bando a 5,5 milioni di euro potrebbe portare a un maggiore rischio di corruzione e favoritismi.

Inoltre, la mancanza di una procedura standardizzata, validata e tracciabile per la selezione delle imprese da invitare alle procedure negoziate lascia ampio spazio alla discrezionalità degli enti pubblici.

Le Proposte dell’ANCE Campania per Migliorare la Trasparenza

Per garantire maggiore trasparenza e integrità nelle procedure negoziate, l’ANCE Campania propone alcune soluzioni, tra cui:

  1. Pubblicazione di manifestazioni di interesse: Gli enti pubblici potrebbero pubblicare manifestazioni di interesse per gli operatori interessati a partecipare alle procedure negoziate. Questo consentirebbe di aprire il processo a un maggior numero di imprese e di ridurre il rischio di favoritismi.
  2. Sorteggi pubblici delle imprese da invitare: Gli enti potrebbero effettuare sorteggi pubblici per selezionare le imprese da invitare alle procedure negoziate, utilizzando software certificati e validati per garantire l’equità del processo.

Il nuovo Codice degli Appalti avrà un impatto significativo sulla Campania, in quanto gli appalti fino a 5 milioni di euro costituiscono il 98% del mercato. Considerando che tra il PNRR e la nuova programmazione dei fondi PON FESR, entro il 2030, nella Regione Campania si prevedono appalti per circa 7 miliardi di euro, è fondamentale garantire procedure trasparenti e corrette.

Leggi anche: Il nuovo Codice Appalti: l’allarme dell’Anac

La Necessità di un’Efficiente Informatizzazione delle Stazioni Appaltanti

Per assicurare la trasparenza e ridurre i rischi di corruzione, è indispensabile procedere a un’efficace informatizzazione delle stazioni appaltanti. L’adozione di tecnologie digitali e procedure rigorose consentirà di monitorare e tracciare tutte le fasi del processo di affidamento, aumentando la trasparenza e riducendo le possibilità di illeciti.

La legislazione europea impone agli Stati membri di garantire la concorrenza e l’accesso equo al mercato degli appalti pubblici. Pertanto, è fondamentale che il nuovo Codice degli Appalti sia conforme a tali normative e non favorisca indebitamente le imprese locali a scapito delle altre.

Conclusioni: Il Futuro degli Appalti Pubblici in Italia

Il nuovo Codice degli Appalti rappresenta un passo importante verso la semplificazione e l’accelerazione delle procedure di affidamento. Tuttavia, è fondamentale prestare attenzione alle questioni di trasparenza e integrità per garantire un sistema di appalti pubblici equo e aperto a tutti gli operatori del settore.

Per affrontare queste sfide, è essenziale adottare soluzioni efficaci come quelle proposte dall’ANCE Campania, promuovere l’informatizzazione delle stazioni appaltanti e garantire il rispetto delle normative europee. Solo così sarà possibile creare un sistema di appalti pubblici efficiente, trasparente e competitivo, in grado di sostenere la crescita economica e lo sviluppo del nostro Paese.

Richiedi informazioni per Appalti, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?

Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?

03/05/2024 11:14 - La Cassazione chiarisce la responsabilità solidale dei condomini negli appalti, enfatizzando l'importanza della verifica della regolarità contributiva delle imprese per prevenire rischi legali.
Nuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novitàNuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novità

Nuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novità

14/07/2023 14:16 - Il 31 marzo 2023 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo codice degli [..]
L'entrata in vigore del Nuovo Codice AppaltiL'entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti

L'entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti

03/07/2023 08:06 - Dal 1° luglio 2023, il panorama delle gare d'appalto italiane è stato stravolto [..]
TAGS: ance, Ance Campania, appalti, campania, codice appalti

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!