Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Tasse e Imposte » Redditi Pf 2023: attenzione alla scadenza, il 30 novembre si avvicina

Redditi Pf 2023: attenzione alla scadenza, il 30 novembre si avvicina

Redditi Pf 2023: attenzione alla scadenza, il 30 novembre si avvicinaRedditi Pf 2023: attenzione alla scadenza, il 30 novembre si avvicina
Ultimo Aggiornamento:

Manca poco al termine ultimo per l’invio del modello Redditi Pf 2023. I contribuenti, inclusi i titolari di partita IVA, sono chiamati a presentare la dichiarazione dei redditi relativa all’anno fiscale 2022 entro il 30 novembre 2023.

Questo compito può essere eseguito sia direttamente che attraverso intermediari abilitati, utilizzando le piattaforme telematiche Fisconline o Entratel.

Guida alla presentazione telematica

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione sul proprio sito web tutte le risorse necessarie per l’invio telematico. Tra queste, troviamo il modello di dichiarazione e le istruzioni per la sua compilazione, oltre ai software necessari per il controllo e l’invio. È inoltre possibile consultare le specifiche tecniche per assicurarsi che la trasmissione avvenga senza intoppi.

La dichiarazione si considera ufficialmente presentata nel momento in cui l’Agenzia delle Entrate conferma la ricezione dei dati. Tale conferma viene fornita attraverso una comunicazione che attesta l’avvenuto ricevimento del file.

Successivamente, l’Agenzia invia un ulteriore messaggio che indica l’esito dell’elaborazione dei dati. In caso di assenza di errori, questo messaggio conferma la corretta presentazione della dichiarazione.

Possibilità di rettifica e integrazione

Fino al 30 Novembre, vi è anche l’opportunità di integrare o correggere la dichiarazione 730/2023 già inviata. Questo si può fare mediante l’invio di un modello Redditi Pf “aggiuntivo” o “correttivo”.

Ad esempio, il modello “aggiuntivo” è necessario se nel 2022 sono stati percepiti redditi non dichiarati nel modello 730 precompilato, come redditi soggetti a tassazione separata, plusvalenze di natura finanziaria o investimenti esteri. Il modello “correttivo”, invece, permette di apportare correzioni ai dati già presentati.

Se dalla dichiarazione rettificata emerge un maggior credito fiscale, il contribuente può richiederne il rimborso. Invece, se si verifica un aumento dell’imposta dovuta, è necessario effettuare il versamento dell’importo aggiuntivo, includendo gli interessi calcolati e una eventuale sanzione ridotta per il ravvedimento operoso.

È importante sottolineare che, superato il 30 novembre, la possibilità di correggere errori o dimenticanze si limiterà alla presentazione del modello integrativo, che può essere inviato entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione originale.

Con questa scadenza alle porte, è fondamentale per i contribuenti agire tempestivamente per evitare sanzioni e garantire la corretta presentazione delle proprie dichiarazioni fiscali.

Richiedi informazioni per Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Imposta di Registro: obblighi, calcolo e sanzioni per i contribuentiImposta di Registro: obblighi, calcolo e sanzioni per i contribuenti

Imposta di Registro: obblighi, calcolo e sanzioni per i contribuenti

15/02/2024 11:26 - L'imposta di registro, applicata su atti giuridici documentati, riflette la capacità economica del contribuente. Essenziale per la trasparenza e il monitoraggio fiscale, varia in base alla natura dell'atto e alla presenza o meno dell'IVA, con precise implicazioni legali e sanzioni per inadempimenti.
IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chiIMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

14/02/2024 13:05 - Il Dipartimento Finanze [..]
IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?

IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?

12/02/2024 14:03 - Con la Risoluzione n. 4/DF del 16 novembre 2023, il Dipartimento delle Finanze ha [..]
Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquoteIrpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

11/02/2024 12:22 - La riforma fiscale del 2024 in Italia introduce tre aliquote Irpef, aumenta le [..]
Certificazione Unica 2024: modelli e scadenzeCertificazione Unica 2024: modelli e scadenze

Certificazione Unica 2024: modelli e scadenze

10/02/2024 15:48 - Il Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate introduce il Modello CU 2024, con [..]
TAGS: Redditi Pf 2023

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!