Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Superbonus: spunta una possibile moratoria per gli esodati del 110%

Superbonus: spunta una possibile moratoria per gli esodati del 110%

Superbonus: spunta una possibile moratoria per gli esodati del 110%Superbonus: spunta una possibile moratoria per gli esodati del 110%
Ultimo Aggiornamento:

L’Italia si trova attualmente in una situazione cruciale per quanto riguarda la gestione dei crediti fiscali legati alle ristrutturazioni. Nonostante il recente decreto cessioni (Dl n. 11/2023), diverse questioni rimangono aperte, e numerosi cittadini si ritrovano a non essere in grado di incassare completamente i loro crediti.

In risposta a questa situazione, i tecnici del Ministero dell’Economia stanno studiando una possibile moratoria per i cosiddetti “esodati del Superbonus”.

Leggi anche: Superbonus e abitazione principale: il nuovo chiarimento dell’Agenzia delle Entrate

La revisione delle normative in corso

È diventato evidente che è necessario un nuovo intervento per la correzione delle norme che regolano le agevolazioni per le ristrutturazioni. Questo dibattito sta avvenendo negli uffici del MEF, con un dossier aperto da mesi, illustrando la volontà di trovare soluzioni per i cittadini, professionisti e imprese spiazzati dalle recenti regolamentazioni.

Tuttavia, non sono ancora chiari i dettagli specifici di questi possibili correttivi, né la forma che prenderanno. Nonostante questo, è indubbio che è in atto un processo attivo di valutazione per risolvere la situazione delicata dei crediti fiscali.

Leggi anche: Superbonus e crediti incagliati: il piano di Conte e Giorgetti

La moratoria e il mercato delle ristrutturazioni

La moratoria, in teoria, rappresenterebbe un blocco delle azioni civili e dei pignoramenti per coloro che non sono riusciti a incassare completamente i loro crediti. L’obiettivo principale sarebbe quello di definire una misura senza alterare i principi di funzionamento del mercato.

Si tratta di una misura che prevede il blocco delle azioni civili e dei pignoramenti per i soggetti che non sono riusciti a incassare completamente i loro crediti. Questa iniziativa, se correttamente implementata, potrebbe rappresentare un autentico salvagente per numerosi contribuenti.

Oltre alla possibile moratoria, esistono diverse altre questioni che sono state sollevate nel corso di recenti incontri. Tra queste, ad esempio, vi è la richiesta di cancellazione delle segnalazioni alla centrale rischi per coloro che non riescono a onorare i loro obblighi a causa della mancata liquidazione dei crediti fiscali.

Inoltre, sono state proposte diverse misure interpretative, come la necessità di specificare che per uno stesso cantiere è necessario pagare solo una volta la sanzione. Una questione addizionale riguarda le società private partecipate dalle Regioni, per le quali dovrebbe essere chiarito che non rientrano nel divieto di acquisto attivato dal decreto 11/2023.

L’Avvenire dei Crediti Fiscali e le Ristrutturazioni

Nonostante le numerose incertezze, è chiaro che il Governo è impegnato a trovare una soluzione che rispetti i vincoli di finanza pubblica e mantenga una linea di continuità con le decisioni prese tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023. Con un nuovo incontro programmato per il 24 luglio, si prevede che saranno fatte ulteriori valutazioni e si cercheranno ulteriori soluzioni. Nel frattempo, continuano le trattative con Poste per riaprire il canale per l’acquisto dei crediti fiscali.

Leggi anche: Superbonus 110%: 30 miliardi di crediti incagliati

Il futuro dei crediti fiscali e delle ristrutturazioni in Italia è ancora in fase di definizione, ma è evidente l’importanza di questi temi per l’economia italiana e per la vita quotidiana dei cittadini. Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Come installare una pergotenda senza violare le norme condominialiCome installare una pergotenda senza violare le norme condominiali

Come installare una pergotenda senza violare le norme condominiali

25/03/2024 12:01 - Installare una pergotenda in condominio migliora gli spazi esterni rispettando norme e convivenza. La giurisprudenza conferma: nessun permesso se non altera estetica o sicurezza dell'edificio.
Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliareSuperbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

25/03/2024 09:32 - L'Agenzia delle Entrate [..]
Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e [..]
TAGS: credifi fiscali, crediti, moratoria, Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!