Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Nadef, il peso del Superbonus: sale il deficit e Pil al ribasso

Nadef, il peso del Superbonus: sale il deficit e Pil al ribasso

Nadef, il peso del Superbonus: sale il deficit e Pil al ribassoNadef, il peso del Superbonus: sale il deficit e Pil al ribasso
Ultimo Aggiornamento:

L’economia italiana sta attraversando un periodo di rallentamento, un fenomeno certificato dalla Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza (Nadef).

Questa situazione ha portato a una crescita minore del previsto e a un deficit maggiore del previsto, segnalando la necessità di ricorrere al debito per finanziare la prossima manovra.

L’Italia tra Pil e deficit

L’attuale scenario economico italiano mostra un incremento sia del deficit che del debito pubblico, una dinamica che incide notevolmente sul bilancio dello Stato. La recente Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza ha certificato tale tendenza, evidenziando una crescita meno sostenuta del previsto e un deficit superiore alle precedenti stime.

Il Pil per il 2023 si posiziona a +0,8%, mostrando una leggera flessione rispetto alle precedenti proiezioni del +0,9% e del +1%. Per il 2024, le previsioni indicano un Pil tendenziale a +1,2%, inferiore all’1,4% precedentemente ipotizzato nel Documento di economia e finanza di aprile.

Parallelamente, si registra un’escalation del rapporto deficit/Pil, ora al 5,3%, rispetto alla stima precedente del 4,3%, mentre il rapporto debito pubblico/Pil raggiunge il 140,1%.

Questo incremento del deficit è cruciale per determinare le strategie future e la distribuzione delle risorse per le diverse misure di politica economica. Il governo, per finanziare le proprie iniziative, sta considerando l’opzione di spingersi fino a un 4,3% di deficit programmatico, consentendo così di liberare circa 14 miliardi di euro da destinare alla manovra di ottobre. Tuttavia, le dimensioni della manovra potrebbero subire un ridimensionamento, variando tra i 20 e i 25 miliardi di euro, a fronte dei 30 miliardi inizialmente previsti.

Queste modifiche alle proiezioni economiche sono state descritte come “prudenti” dal governo, in considerazione dell’attuale contesto macroeconomico, segnato da conflitti internazionali e da una spirale inflazionistica che ha indotto le banche centrali a adottare una politica monetaria rialzista. In questo quadro, la definizione accurata delle risorse disponibili diventa fondamentale per elaborare una legge di Bilancio che risponda efficacemente alle esigenze del Paese e alle sfide imposte dalla congiuntura economica.

Il peso del Superbonus

Il Superbonus è un punto cruciale nel dialogo economico italiano, con implicazioni significative per i conti pubblici del paese. Finora, questo incentivo ha rappresentato un onere non indifferente, costando alle casse dello Stato poco più di 100 miliardi di euro.

Recentemente, Eurostat ha fornito chiarimenti riguardanti i crediti del Superbonus per il 2023, confermando che devono essere considerati pagabili e quindi registrati nei conti pubblici nell’anno corrente. Questa decisione ha inevitabilmente accentuato le pressioni sul bilancio nazionale.

Leggi anche: Superbonus e i conti pubblici: nasce l’idea scambio crediti – Btp

Per quanto concerne il bonus maturato nel 2024, Eurostat ha sollecitato un riesame da parte dell’Istat. Questo riesame, che dovrebbe avvenire al più tardi entro il primo semestre 2024, dovrà considerare lo sviluppo della questione dei crediti incagliati e le possibili misure che il governo potrebbe adottare per risolvere tale problema.

Questo rinvio ha, di fatto, evitato ulteriori oneri immediati sui conti del prossimo anno, rendendo però altresì complesso l’iter di redazione della legge di bilancio.

A fronte degli elevati costi sostenuti dallo Stato per il Superbonus, sono emerse resistenze sulla possibilità di una sua proroga. Diversi emendamenti in tal senso sono stati respinti, come evidenziato dalle dichiarazioni dei senatori del Pd, Michele Fina, Lorenzo Basso e Nicola Irto, che hanno manifestato il loro disappunto a margine dei lavori sul decreto asset.

Risposta del Governo e priorità future

Di fronte a queste sfide, il Ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha sottolineato l’importanza di confermare gli interventi essenziali, concentrando le risorse su misure quali il taglio del cuneo fiscale e contributivo, incentivi per la natalità e rinnovi contrattuali nel settore pubblico.

Nonostante le difficoltà legate al Superbonus, si percepisce un clima di tranquillità dal Mef, con l’accento posto sul rispetto degli obiettivi di finanza pubblica. La necessità di focalizzare le risorse su famiglie, imprese, lavoro e sanità è stata ribadita da diversi rappresentanti politici, sottolineando l’importanza di definire le priorità in vista della manovra futura.

Prospettive e riflessioni finali

La contrazione del Pil comporta una riflessione sui progetti futuri, incluso il ponte sullo Stretto di Messina. La situazione economica attuale impone una revisione delle priorità, con un’attenzione particolare allo sviluppo e alla crescita. Le decisioni finali sulle opere da finanziare saranno fondamentali per il futuro dell’economia italiana.

In conclusione, il rallentamento dell’economia italiana e le sfide finanziarie presenti richiedono un’analisi attenta e decisioni ponderate. Il governo, pur operando in uno scenario incerto e complesso, rimane focalizzato sul rispetto degli obiettivi e sull’implementazione di misure volte al sostegno delle famiglie, delle imprese e del tessuto sociale del Paese.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

22/05/2024 13:03 - La responsabilità del pagamento dell’amministratore di condominio spetta generalmente ai proprietari delle unità immobiliari, salvo accordi specifici con l’inquilino.
Computo metrico estimativo: cos’è e come si faComputo metrico estimativo: cos’è e come si fa

Computo metrico estimativo: cos’è e come si fa

20/05/2024 08:15 - Il computo metrico estimativo è un documento di fondamentale importanza, in quanto [..]
TAGS: deficit, nadef, pil, Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!