Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024

Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024

Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024
Ultimo Aggiornamento:

L’approvazione definitiva del decreto Superbonus segna la fine di un’epoca per il settore edilizio italiano, introducendo importanti cambiamenti per cittadini e imprese.

Con 81 voti a favore, 48 contrari e 4 astensioni, il Senato ha dato il via libera al testo approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 28 dicembre, chiudendo così la stagione dell’agevolazione al 110% senza proroghe, ma introducendo eccezioni significative per i redditi più bassi e una sanatoria per i lavori non finiti.

A partire dal primo gennaio 2024, la detrazione fiscale per i lavori di efficientamento energetico subirà una riduzione, passando dal 110% al 70%.

Leggi la guida completa: Superbonus 70% 2024: la guida completa

Dettagli e agevolazioni per i redditi più bassi

Nonostante la riduzione generale della detrazione, il decreto prevede misure di sostegno specifiche per le famiglie a basso reddito. In particolare, coloro che presentano un reddito ISEE fino a 15 mila euro e che non sono riusciti a concludere i lavori entro il 31 dicembre 2023, ma hanno comunque raggiunto un avanzamento lavori almeno al 60%, possono beneficiare di un aiuto concreto.

Il sostegno proviene da un fondo da 16 milioni di euro, destinato a coprire le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 ottobre 2024. Questa misura mira a garantire che anche le famiglie meno abbienti possano completare i lavori di efficientamento energetico iniziati, senza perdere completamente il vantaggio di un’incentivazione significativa.

Leggi anche: Superbonus e contributo a fondo perduto: le domande iniziano da oggi

Inoltre, per chi non è riuscito a completare i lavori necessari per accedere al Superbonus al 110%, viene introdotta una sanatoria che elimina l’obbligo di restituire le somme già erogate sotto forma di detrazioni. Questa disposizione rappresenta un importante salvagente per molti cittadini che, per varie ragioni, si sono trovati impossibilitati a rispettare le scadenze previste.

Comunicazione Cessione del credito e sconto in fattura: la possibile proroga

Un aspetto rilevante per professionisti e imprese riguarda la gestione della cessione del credito e dello sconto in fattura. La possibile proroga dei termini per la comunicazione di queste operazioni, dal 16 marzo al 4 aprile 2024, segnala una sensibilità verso le esigenze operative del settore.

Tale estensione, se confermata, offrirebbe più tempo per organizzare la documentazione necessaria e per cercare soggetti interessati all’acquisto dei crediti derivanti dai bonus edilizi.

Leggi anche: Superbonus: stop alla cessione del credito e sconto in fattura dal 2024

Il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Elbano de Nuccio, ha evidenziato come questa proroga sia fondamentale per consentire ai professionisti e alle aziende di navigare con maggiore serenità in un periodo di transizione, facilitando l’individuazione di acquirenti dei crediti e garantendo una maggiore fluidità nelle operazioni.

Conclusione

L’entrata in vigore del nuovo regime di detrazioni per i lavori di efficientamento energetico segna l’inizio di un nuovo capitolo per l’edilizia italiana. Sebbene la riduzione della detrazione dal 110% al 70% rappresenti una sfida per cittadini e imprese, le misure di supporto per le famiglie a basso reddito e le sanatorie per i lavori non completati offrono un ponte verso il futuro, facilitando la transizione verso una maggiore sostenibilità abitativa.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Leggi e Normative, Notizie, Superbonus

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliareSuperbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

25/03/2024 09:32 - L'Agenzia delle Entrate intensifica la lotta all'evasione immobiliare con il Piano 2024-2026, mirando a una maggior trasparenza del patrimonio immobiliare italiano.
Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e [..]
TAGS: decreto superbonus, Superbonus, superbonus 70%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!