Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Caldaie a gas: l’Europa apre alle eccezioni?

Caldaie a gas: l’Europa apre alle eccezioni?

Caldaie a gas: l’Europa apre alle eccezioni?Caldaie a gas: l’Europa apre alle eccezioni?
Ultimo Aggiornamento:

Mentre la Commissione Europea sta lavorando per rivedere il regolamento Ecodesign relativo agli impianti di riscaldamento, è emersa una nuova dinamica: la possibilità di eccezioni al divieto di vendita delle caldaie a gas, previsto per settembre 2029. Questa apertura è stata manifestata dall’attuale Commissaria europea per l’Energia, Kadri Simson.

Ma quali sono i dettagli dietro questa decisione?

Regolamentazione e requisiti di efficienza

Prima di tutto, è fondamentale comprendere i termini della discussione. Nelle bozze di revisione del regolamento Ecodesign, la Commissione aveva stabilito un limite minimo di efficienza stagionale per le caldaie a gas, fissato al 115%. Un tale requisito avrebbe potenzialmente eliminato dalla circolazione la maggior parte delle caldaie attualmente sul mercato.

Leggi anche: Caldaie a gas: divieto totale dal 2029?

La Commissione è dell’opinione che, entro il 2030, le pompe di calore saranno l’opzione di riscaldamento più conveniente in tutta Europa. Tuttavia, è evidente che i costi iniziali di acquisto e installazione di queste tecnologie sono ancora significativamente più alti rispetto alle caldaie a gas tradizionali.

Cos’è il regolamento Ecodesign?

Il regolamento Ecodesign (Regolamento (UE) 2009/125/CE) è un insieme di normative dell’Unione Europea che mira a migliorare l’efficienza energetica e l’impatto ambientale complessivo dei prodotti che consumano energia. Queste normative sono state ideate per ridurre l’impatto ambientale dei prodotti durante tutto il loro ciclo di vita, dalla produzione all’uso e allo smaltimento.

Il concetto alla base del regolamento Ecodesign è che il design e lo sviluppo dei prodotti devono essere realizzati in modo tale da minimizzare l’impatto ambientale. Ciò può includere l’uso di materiali più sostenibili, l’ottimizzazione dell’efficienza energetica, la riduzione delle emissioni inquinanti e la facilità di riciclaggio alla fine della vita utile del prodotto.

Le categorie di prodotti regolamentate da Ecodesign variano e possono includere elettrodomestici, apparecchiature elettroniche, lampade, motori, edifici e molti altri. Ogni categoria di prodotto ha requisiti specifici che devono essere soddisfatti per essere venduti all’interno dell’Unione Europea.

Il regolamento Ecodesign è spesso affiancato dalla etichettatura energetica, che informa i consumatori sull’efficienza energetica del prodotto, permettendo loro di fare scelte più informate e sostenibili.

La non conformità alle normative Ecodesign può portare a sanzioni e all’interdizione alla vendita del prodotto nell’Unione Europea.

Eccezioni e situazioni specifiche

Il vero punto focale della nuova dichiarazione della Commissione è la considerazione di possibili eccezioni. Alcuni Paesi membri, come l’Italia, hanno fatto pressioni in questa direzione, sostenendo che in determinate situazioni l’installazione di alternative potrebbe essere tecnicamente impossibile o eccessivamente costosa. Ecco perché la Commissione sta ora esaminando il tema delle eccezioni e deroghe.

Uno degli ostacoli più significativi alla sostituzione delle caldaie è di natura tecnica. In molti appartamenti, potrebbe non esserci spazio sufficiente per installare nuovi impianti, come le pompe di calore. Questi fattori limitanti rendono l’opzione del divieto assoluto poco praticabile e aperta a deroghe.

Alternative e sistemi ibridi

Un’altra via che potrebbe essere esplorata è quella dei sistemi ibridi, che combinano caldaie a condensazione con pompe di calore. Questi sistemi, insieme alle caldaie alimentate da combustibili rinnovabili come il biometano o l’idrogeno, potrebbero offrire una soluzione intermedia. Alcune proposte avanzate prevedono un approccio simile a quello della direttiva Case Green, che vieta l’uso di sistemi di riscaldamento a combustibili fossili ma ammette eccezioni per sistemi ibridi e caldaie a gas “verde”.

Approfondisci: Direttiva Case Green: cos’è e cosa prevede, la guida completa

Conclusione

La possibilità di eccezioni al divieto di vendita delle caldaie a gas è un elemento che potrebbe cambiare significativamente il panorama energetico europeo nel prossimo decennio. Mentre la Commissione Europea e i vari Stati membri continuano le negoziazioni, resta da vedere come si svolgeranno le cose, ma è certo che la questione è tutt’altro che risolta.

Il dialogo tra le parti interessate è in corso e potrebbe portare a soluzioni innovative e sostenibili per il futuro del riscaldamento in Europa.

Richiedi informazioni per Casa, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Prodotti suggeriti

Castiello 3.1 Classic F25 MULTIECOCastiello 3.1 Classic F25 MULTIECO

Castiello 3.1 Classic F25 MULTIECO

Termocamino, camino e stufa a pellet in un solo prodotto.
ATH THAR - riscaldamento per pavimento flottanteATH THAR - riscaldamento per pavimento flottante

ATH THAR - riscaldamento per pavimento flottante

THAR è un nastro riscaldante appositamente ideato per le installazioni a secco sotto pavimenti flottanti in [..]
Castiello 3.1 Long SMALL LEGNACastiello 3.1 Long SMALL LEGNA

Castiello 3.1 Long SMALL LEGNA

L'Alternativa al Termocamino
Pronto Camino Long DUO BIGPronto Camino Long DUO BIG

Pronto Camino Long DUO BIG

Lo spettacolo del Fuoco da ogni prospettiva
ATH EXTRA WIFI - radiatore elettrico ad accumulo ed irraggiamentoATH EXTRA WIFI - radiatore elettrico ad accumulo ed irraggiamento

ATH EXTRA WIFI - radiatore elettrico ad accumulo ed irraggiamento

EXTRA WIFI è il radiatore all’avanguardia [..]
Vedi tutti i Prodotti in Riscaldamento

Articoli Correlati

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redigePiano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

11/06/2024 10:12 - L'amianto, un tempo usato comunemente nelle costruzioni italiane, ora richiede un dettagliato piano di bonifica per la rimozione, seguendo i criteri del Decreto Legislativo 81/2008, per proteggere salute e ambiente.
Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

10/06/2024 10:38 - Il recente decreto "Salva casa" introduce una serie di novità significative per i [..]
Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoriaPatente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

10/06/2024 08:26 - E' in vigore dallo scorso 1 maggio la patente a punti per i cantieri. Si tratta di [..]
20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

08/06/2024 12:06 - Il governo italiano ha stanziato 20 milioni di euro per migliorare la sicurezza [..]
Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un [..]
TAGS: caldaia, caldaie, case green, riscaldamento

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!