Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Furto auto in condominio: chi paga il danno?

Furto auto in condominio: chi paga il danno?

Furto auto in condominio: chi paga il danno?Furto auto in condominio: chi paga il danno?
Ultimo Aggiornamento:

Il problema del furto auto in aree condominiali non solo crea disagio e una perdita materiale per i proprietari delle vetture, ma solleva anche questioni legali complesse riguardo la responsabilità e il risarcimento danni.

La sicurezza nelle aree comuni condominiali è spesso motivo di dibattito e controversia legale, soprattutto quando le misure di sicurezza si rivelano insufficienti o inadeguate. Scopriamo insieme chi deve rispondere di questi danni e come si può prevenire tale fenomeno.

Prevenzione e responsabilità legale

La prevenzione del furto di auto in un contesto condominiale si concentra principalmente sull’implementazione di misure di sicurezza adeguate, come cancelli funzionanti, sistemi di sorveglianza attivi e una buona illuminazione.

Nonostante questi sforzi, la mancanza di un perimetro chiuso o guasti tecnici possono facilitare l’accesso a malintenzionati. In questi casi, la questione della responsabilità legale diventa cruciale.

Leggi anche: Videocamere in condominio che vìolano la proprietà altrui: quali rischi?

Sebbene i condomini contribuiscano alle spese per la sicurezza e l’uso delle aree comuni, la responsabilità diretta può non essere immediatamente chiara senza un contratto esplicito che delinei i termini di custodia dei veicoli.

Casistica giuridica e decisioni della corte

Il quadro giuridico attorno ai furti auto in condominio è stato chiarito da diverse decisioni giudiziarie, tra cui spicca la sentenza della Corte d’Appello di Roma. Questa sentenza ha stabilito che l’uso del posto auto e il contributo alle spese condominiali non implicano automaticamente una responsabilità contrattuale dei singoli condomini per i furti avvenuti nelle aree comuni.

Leggi anche: Auto senza assicurazione parcheggiata in area condominiale: cosa dice la legge?

Inoltre, il Codice Civile offre supporto interpretativo: l’articolo 1117 afferma che le aree comuni sono di proprietà di tutti i condomini, mentre l’articolo 1102 regola l’uso di tali spazi senza alterarne la destinazione o impedire l’uso agli altri.

Art. 1102.
Uso della cosa comune

Ciascun partecipante puo’ servirsi della cosa comune, purche’ non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine puo’ apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa.

Il partecipante non puo’ estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

Questi articoli supportano l’idea che senza un contratto esplicito, il condominio non può essere ritenuto responsabile per i furti di auto.

Quando il condominio è tenuto al risarcimento

Nonostante le generali esclusioni di responsabilità, esistono circostanze in cui il condominio potrebbe essere ritenuto responsabile dei danni. La negligenza nell’adottare o mantenere adeguate misure di sicurezza, come il ritardo nella riparazione di un cancello guasto, può attribuire una quota di responsabilità ai condomini.

Ad esempio, se un furto è facilitato da una palese mancanza di sicurezza che l’assemblea dei condomini ha trascurato di affrontare, i giudici possono decidere a favore del risarcimento.

Il precedente stabilito dalla sentenza n. 8274 del 2021 della Corte di Appello di Roma rafforza questa prospettiva, sottolineando l’obbligo dei condomini di promuovere attivamente la sicurezza e, se necessario, impugnare decisioni assembleari inadeguate.

Vediamo la sentenza nel dettaglio.

In un condominio composto da cinque edifici, protetto da un muro di cinta con un unico varco di accesso, guardiola del portiere e un cancello a chiusura elettromagnetica, si verifica un incidente che scatena una disputa legale.

Due condomini subiscono il furto dei loro motoveicoli e un tentativo di furto di un’automobile, tutti parcheggiati nell’area condominiale. I danneggiati portano in giudizio il condominio, rappresentato dall’amministratore, richiedendo risarcimenti patrimoniali e morali e chiedendo l’implementazione di maggiori misure di sicurezza.

La Corte d’Appello ha confermato il giudizio di primo grado, stabilendo che l’uso dell’area di parcheggio da parte dei condomini non implica automaticamente l’esistenza di un contratto di custodia per fatti concludenti. Invece, questo uso rientra nell’ambito dell’articolo 1102 del Codice Civile, che regola l’esercizio del diritto di uso dei beni comuni senza presupporre obblighi specifici di custodia da parte del condominio.

Legi anche: Violazione di domicilio: cosa dice la legge? Quali sono le conseguenze per gli intrusi in condominio

Inoltre, la Corte ha sottolineato che l’installazione di ulteriori dispositivi di sicurezza deve essere decisa dall’assemblea condominiale. Pertanto, spetta ai condomini sollecitare la convocazione di un’assemblea per discutere e decidere su queste misure, avendo anche il diritto di impugnare eventuali delibere contrarie.

Richiedi informazioni per Casa, Condomini, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

22/05/2024 13:03 - La responsabilità del pagamento dell’amministratore di condominio spetta generalmente ai proprietari delle unità immobiliari, salvo accordi specifici con l’inquilino.
Decreto Ministeriale Sanità del 5 luglio 1975Decreto Ministeriale Sanità del 5 luglio 1975

Decreto Ministeriale Sanità del 5 luglio 1975

12/05/2024 19:39 - Il Decreto Ministeriale del 5 luglio 1975, un atto normativo che stabilisce [..]
TAGS: condominio, furto, furto auto

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!