Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Canna fumaria in condominio: quando si può installare?

Canna fumaria in condominio: quando si può installare?

Canna fumaria in condominio: quando si può installare?Canna fumaria in condominio: quando si può installare?
Ultimo Aggiornamento:

Uno dei problemi più frequenti che riguarda la vita condominiale è l’installazione di una canna fumaria. Quando questa problematica si verifica, infatti, nascono diverse controversie tra i condomini, causati principalmente dai fumi che questo tipo di impianto emette nell’aria o per i tubi che attraversano un’area vicina alla propria proprietà.

Le lamentele, quindi, nascono da motivazione estetiche, dato che viene pregiudicato il decoro architettonico, e per cause legate alle emissioni nocive per la salute di chi è costretto a respirarle nei momenti in cui si aprono le finestre di casa.

Per tutti questi motivi appena elencati, è importante conoscere i casi in cui si può installare una canna fumaria in un condominio.

Tra le problematiche più frequenti che si verificano in questo contesto c’è quella degli esercizi commerciali che sono posti al pianterreno. Chi gestisce questa tipologia di attività richiede, infatti, un’autorizzazione al condominio per l’installazione di una canna fumaria, che deve necessariamente attraversare tutta la facciata.

Il più delle volte, la situazione già intricata viene ulteriormente complicata dalla presenza di un motore esterno per lo smaltimento dei fumi o per l’aria condizionata.

Leggi anche: Canna fumaria: Normativa per lo scarico caldaia a condensazione, pellet. Costi e diametro

Fatta questa premessa, vediamo cosa dicono le normative a riguardo.

Quali sono i regolamenti che normano l’installazione di una canna fumaria in un condominio?

Per poter installare una canna fumaria in un condominio bisogna attenersi alle norme previste dal Codice Civile, ai regolamenti edilizi previsti dal Comune di riferimento e a quello del condominio (regolamento del condominio).

Quando quest’ultimo pone un divieto assoluto di installazione, quest’ultima è preclusa. L’unica soluzione è attendere una possibile modifica del regolamento condominiale in tal senso. Precisiamo che, quando il regolamento è di tipo contrattuale, è necessario ottenere l’unanimità dei consensi.

Per quanto riguarda, invece, le distanze da rispettare tra la canna fumaria e la struttura, servirà riferirsi al regolamento edilizio del Comune in cui è collocato il condominio.

Quando non è prevista una precisa disposizione, ci si attiene alla distanza minima che è indicata nel Codice Civile all’articolo 890:

Art. 890.
Distanze per fabbriche e depositi nocivi o pericolosi

Chi presso il confine, anche se su questo si trova un muro divisorio, vuole fabbricare forni, camini, magazzini di sale, stalle e simili, o vuol collocare materie umide o esplodenti o in altro modo nocive, ovvero impiantare macchinari, per i quali puo’ sorgere pericolo di danni, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidita’, salubrita’ e sicurezza.

Per installare una canna fumaria in un condominio serve l’autorizzazione dell’assemblea?

Premettiano sin da subito che una canna fumaria può essere installata anche senza l’autorizzazione dell’assemblea.

Leggi anche: L’assemblea condominiale: la guida alle norme e alla convocazione

Secondo quanto sancito dall’articolo 1102 del Codice Civile:

Art. 1102.
Uso della cosa comune

Ciascun partecipante puo’ servirsi della cosa comune, purche’ non
ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di
farne parimenti uso secondo il loro diritto. […]

Tra tali parti comuni rientra anche la facciata esterna sulla quale verrà installata la canna fumaria. Ovviamente, occorre comunicare la volontà di posizionare questo elemento esterno all’amministratore, mostrandogli anche il progetto completo.

Canna fumaria ed emissioni nocive: cosa dice la legge a riguardo?

La legge vuole che le esigenze abitative di un conominio vengano sempre messe al primo posto, rispetto a quelle commerciali. Precisamente ciò avviene quando tali attività generano rumori, fumo e calore che potrebber causare immissioni illecite. Ciò è inidicato nell’articolo 844 del Codice Civile.

Art. 844.
Immissioni

Il proprietario di un fondo non puo’ impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilita’, avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi.

Nell’applicare questa norma l’autorita’ giudiziaria deve contemperare le esigenze della produzione con le ragioni della proprieta’. Puo’ tener conto della priorita’ di un determinato uso.

Questo principio è stato affermato prendendo come riferimento il caso dell’installazione di una canna fumaria che veniva utilizzata per lo smaltimento di esalazioni del forno di un’attività commerciale del fabbricato.

La canna fumaria era stata posizionata sul murao perimetrale comune, a una distanza eccessivamente ridotta dalle finestre di parte dei condomini.

L’installazione della canna fumaria deve rispettare il decoro architettonico

Quando si installa una canna fumaria in un condominio non deve essere intaccato il decoro dell’edificio.

Leggi anche: Il decoro architettonico di un condominio

Il giudizio sulla compromissione estetica viene valutato da un giudice. A tal proposito, bisogna tenere come riferimento la della canna non deve andare ad incidere negativamente sul decoro dell’edificio.

Il giudizio circa l’eventuale compromissione dell’estetica dello stabile è rimesso all’apprezzamento del giudice. In tema di canne fumarie la già citata pronuncia dalla Cassazione Civile 6341/2000 che ha sottolineato come l’installazione non è legittima non tanto quando vengono modificate le linee architettoniche originali, ma nel caso in cui il nuovo elemento si riflette in maniera negativa sull’insieme armonico dell’edificio.

L’importanza di garantire la sicurezza e la stabilità dello stabile: ecco cosa dice la legge a riguardo

Quando si installa una canna fumaria non è mai possibile andare a intaccare la stabilità dell’edificio e la sicurezza di chi ci vive.

Nel bisogno, l’articolo 5, comma 9, del DPR 412/1993 sancisce che “gli impianti termici situati negli edifici costituiti da più unità immobiliari devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell’edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente”.

Tale principio richiama il rispetto delle norme UNI.

Richiedi informazioni per Casa, Condomini, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

15/02/2024 09:00 - La gestione della privacy in ambito condominiale, guidata dal GDPR e dalle sentenze della Corte di Cassazione, richiede pratiche attente per la comunicazione di dati personali, equilibrando la condivisione di informazioni necessarie con il rispetto della privacy dei condomini.
Installare un gazebo in condominio: norme e procedureInstallare un gazebo in condominio: norme e procedure

Installare un gazebo in condominio: norme e procedure

12/02/2024 08:28 - L'installazione di un gazebo in contesto condominiale richiede una pianificazione [..]
Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lussoEsclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

08/02/2024 10:01 - Esaminando le norme italiane, si evidenzia come le proprietà di lusso siano [..]
TAGS: canna fumaria, condominio

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!