IRPEF 2022, aliquote e scaglioni: come fare il calcolo

IRPEF 2022, aliquote e scaglioni: come fare il calcolo IRPEF 2022, aliquote e scaglioni: come fare il calcolo
Ultimo Aggiornamento:

Con l’inserimento nella Legge di Bilancio 2022, lo Stato italiano ha dato via all’attesa riforma fiscale e, in particolare, diventa interessante scoprire come funziona l’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF 2022) alla luce delle nuove modifiche introdotte.

Di seguito, quindi, è illustrata la guida per i vari scaglioni e il modo attraverso cui bisogna fare il calcolo degli stessi per orientarsi.

Per quanto riguarda il punto di vista operativo, sono cambiate infatti le modalità di calcolo dell’IRPEF in una categoria che ha adesso ridotto a quattro le vecchie cinque categorie di scaglioni di reddito, inglobando al suo interno anche i redditi da lavoro dipendente, il bonus di Renzi e le detrazioni da lavoro autonomo e pensioni.

In tal senso, con la Legge di Bilancio 234/2021 e con alcuni chiarimenti operati dall’Agenzia delle Entrate con la circolare 4/E sono stati chiarite tutte le modifiche agli scaglioni, avendo inoltre cura di fornire varie indicazioni relativamente anche a chi possiede un IRAP.

Di seguito, dunque, un’utile guida su come fare il calcolo dell’imposta IRPEF e come orientarsi fra le nuove aliquote e gli scaglioni.

Quali sono le aliquote e gli scaglioni IRPEF 2022

Con IRPEF, l’ordinamento giuridico tributario italiano individua l’imposta diretta e personale, oltre che progressiva, gravante sul reddito di lavoro dipendente e di impresa in base al TUIR 917\86 che ancora oggi, nonostante quasi 30 anni di operatività, rimane il testo di riferimento per la normativa.

Con la Legge di Bilancio 2022 sono però stati modificati gli scaglioni e le relative aliquote da applicare per calcolare l’Imposta sul reddito delle persone fisiche. Di seguito saranno elencate tutte le varie categorie e scaglioni di riferimento, utili a chi deve orientarsi fra queste differenze al fine di essere in posizione regolare nei confronti del fisco ed evitare spiacevoli sorprese.

  • Il primo scaglione IRPEF è per quelle persone con un reddito fino a 15 mila euro e l’aliquota IRPEF è il 23%, corrispondendo a 3.450 euro per il massimo, mentre niente è dovuto fino ad un reddito di 8,174,00 euro, la cosiddetta no tax area.
  • Il secondo scaglione arriva fino a 28 mila euro ed è pari al 25% per i contribuenti.
  • Il terzo scaglione arriva fino a 50 mila euro, dando vita ad un’aliquota IRPEF del 25%.
  • Il quarto e ultimo scaglione IRPEF per via dell’eliminazione di un’ulteriore fascia fa rientrare in questa soglia tutti i contribuenti che superano un reddito annuo superiore a 50 mila euro, dando vita ad un’aliquota pari al 43%.

Queste indicazioni sono contenute nella Legge di Bilancio 2022 e hanno dato vita al solito dibattito in materia sulla correttezza della manovra, soprattutto per via della ridefinizione del sistema delle detrazioni per via anche del Bonus Renzi.

Advertisement - Pubblicità


Le nuove detrazioni dell’IRPEF 2022 alla luce del bonus Renzi e della riforma fiscale della Legge di Bilancio 2022

Con le novità è stato introdotto anche un sistema che ha ridefinito le detrazioni IRPEF, dando il via anche all’addio del bonus di 100 euro – chiamato bonus Renzi – che veniva erogato ogni mese all’interno della busta paga dei lavoratori ma che verrà riconosciuto ancora per tutti i lavoratori che non superano i 15 mila euro di reddito annuale.

Una buona notizia per tutti i lavoratori ancora non molto stabili.

La clausola di salvaguardia per i lavoratori che hanno un reddito fino a 28 mila euro dice che questo bonus continuerà ad essere riconosciuto, tuttavia è necessario che la somma di tutte le detrazioni che avvengono per carichi di famiglia, mutuo o redditi da lavoro siano superiore all’imposta lorda, ovvero anche per le spese sostenute entro il 31 Dicembre 2021 per le spese di ristrutturazione e riqualificazione energetica ( i cosiddetti bonus fiscali che rientrano all’interno dell’operatività del Superbonus 110% e dell’Ecobonus 50& e 65%.), anche se in questo caso il bonus è riconosciuto solamente per un ammontare che non deve essere superiore a 1200 euro.

Come calcolare l’IRPEF 2022, esempio numerico

Per calcolare l’imposta dovuta dell’IRPEF 2022 bisogna innanzitutto saper leggere la propria busta paga e tutte le varie voce in essa contenute. In tal senso, se non si è molto esperti, è una buona idea farsi dare aiuto da un centro di assistenza fiscale ovvero da un commercialista in modo evitare qualsiasi probabile errore.

Chi vuole invece fare in maniera autonoma può continuare a leggere questa guida per il calcolo dell’IRPEF 2022 in modo da fare in maniera autonoma, avendo bene cura di eseguire i successivi passaggi senza alcun tipo di errore.

Determinare il reddito mensile del soggetto che viene composto da stipendio al netto dei contributi INPS, tutte le indennità di trasferta – che possono anche mancare a seconda del tipo di lavoro o prestazione eseguita – e infine la parte imponibile di tutte le indennità previste, a cui bisogna sottrarre gli assegni familiari che non concorrono a fare cumulo.

Al reddito mensile, inoltre, vanno sottratti gli oneri che si possono dedurre dall’imponibile fiscale, applicando inoltre la quota irpef prevista per il proprio scaglione fiscale in modo da ottenere la quota IRPEF lorda, detraendo tutti le detrazioni fiscali: in tal senso, non è obbligato a pagare l’IRPEF coloro che hanno un reddito fino a 8.174 euro, la cosiddetta no tax area.

Per tutti gli altri casi, il contributo dell’IRPEF lorda è calcolato sul criterio della progressività in quanto chi entra in una fascia di reddito superiore a quella prevista, dovrà pagare solamente la parte eccedente l’IRPEF 2022 in proporzione a quanto percepito.

Per fare un esempio, dunque, chi percepisce 20.000 euro, dunque, dovrà pagare almeno 3.450 euro, ovvero la parte di IRPEF prevista per i lavoratori fino a 15.000 euro, più 1.250, ovvero una quota calcolata sulla base della percentuale ottenuta fra la sua fascia e quella immediatamente successiva.



Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo linkedin

Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità