Da settembre Pechino avrà l’aeroporto più grande al mondo

Pechino Daxing

Il progetto di costruzione è iniziato nel 2014 con una previsione di termine per la fine del 2019. Grazie alla massima efficienza di tutti i collaboratori contribuenti (a livello finanziario e manuale), i tempi sono stati rispettati pienamente, e finalmente l’aeroporto più grande del mondo aprirà le sue porte al pubblico il 30 settembre di quest’anno.

In realtà il progetto ha già tutti gli elementi in regola per poter essere considerato potenzialmente attivo, l’unico tassello che manca è però anche il più importante: i controlli di collaudo e le simulazioni nelle piste di volo.

Beijing Pechino Daxing: il più grande progetto di sempre

Si chiama Pechino Daxing, ed è la nuova creatura realizzata a Pechino, un aeroporto futuristico progettato dagli architetti dello studio Zaha Hadid di Londra. La sua costruzione ha richiesto una manodopera di 40.000 persone, tra architetti, ingegneri, muratori e progettisti, e la spesa totale è stata di ben 11 miliardi di euro. Una cifra che nessuno ha mai raggiunto nel campo dell’edilizia, ma se non fosse stato così, oggi non sarebbe nato l’aeroporto più grande mai esistito.

Solo il terminal comprende uno spazio di 700.000 m² di superficie, mentre tutta la struttura ha ricoperto ben 1,03 milioni di m² a sud di Pechino. Il Pechino Daxing riuscirà a gestire 620.000 voli annuali, assicurando un trasporto di 200 milioni di passeggeri ogni anno. Inoltre sarà il primo aeroporto al mondo ad avere due ponti per le partenze e altri due per gli arrivi. Il trasporto sarà più veloce e permetterà più punti d’accesso e di uscita, quindi più aerei in volo. Le basi principali dell’intera costruzione sono fatte interamente d’acciaio, senza la necessità di saldature.

Pechino Daxing: l’orgoglio cinese dalle sorprese inaspettate

La Cina da adesso in poi potrà vantarsi di aver realizzato il più grande progetto al mondo. Il Beijing Pechino Daxing però, non ha suscitato l’interesse di tutti solo per la sua mastodontica struttura. L’aspetto che più ha colpito è stato il tempo in cui l’opera si è formata ed è stata completata.

Avevano chiesto 5 anni, ed hanno pienamente rispettato l’appuntamento. Forse nessuno avrebbe creduto che tutto questo fosse possibile, quando il 16 settembre 2014, Guillaume Sauvé (CEO e Ingegnere di ADPI) rilasciava un’intervista per ufficializzare la notizia, stando attendo a non far trapelare le notizie più importanti.

Probabilmente volevano lasciare il mondo a bocca aperta. Senza dubbio ci sono riusciti.




Uretek