Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Condomini » Le spese condominiali devono essere inserite nel contratto di locazione?

Le spese condominiali devono essere inserite nel contratto di locazione?

Le spese condominiali devono essere inserite nel contratto di locazione?Le spese condominiali devono essere inserite nel contratto di locazione?
Ultimo Aggiornamento:

L’argomento delle spese condominiali in relazione ai contratti di locazione rappresenta una questione delicata e fondamentale per entrambe le parti coinvolte: proprietario e affittuario.

Sebbene molte persone ritengano che sia automaticamente responsabilità dell’affittuario farsi carico delle spese condominiali, la realtà normativa presenta una situazione più complessa. La legge italiana, attraverso articoli specifici del Codice Civile e leggi complementari, stabilisce criteri precisi per la ripartizione delle spese, sottolineando l’importanza di un accordo scritto all’interno del contratto di locazione.

Questa prassi non solo evita future controversie ma garantisce anche chiarezza e trasparenza tra le parti.

In questo articolo, esploreremo in dettaglio le normative vigenti riguardanti le spese condominiali in un contratto di locazione, fornendo un approfondimento su come queste debbano essere gestite e su come prevenire possibili disaccordi.

Normativa e responsabilità sulle spese condominiali

Secondo la normativa italiana, la distinzione tra le responsabilità del locatore e quelle del locatario per quanto riguarda le spese condominiali è ben definita, seppur spesso fonte di confusione.

L’articolo 1118 del Codice Civile stabilisce che il proprietario dell’immobile è tenuto a partecipare alle spese per la conservazione dei beni comuni del condominio, ponendo così la responsabilità primaria del pagamento delle spese condominiali sul locatore.

Art. 1118
Diritti dei partecipanti sulle parti comuni

Il diritto di ciascun condomino sulle parti comuni, salvo che il titolo non disponga altrimenti, e’ proporzionale al valore dell’unita’ immobiliare che gli appartiene.
Il condomino non puo’ rinunziare al suo diritto sulle parti comuni.
Il condomino non puo’ sottrarsi all’obbligo di contribuire alle spese per la conservazione delle parti comuni, neanche modificando la destinazione d’uso della propria unita’ immobiliare, salvo quanto disposto da leggi speciali.
Il condomino puo’ rinunciare all’utilizzo dell’impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione e messa a norma.

Questo principio riflette la logica secondo cui il proprietario, essendo parte del condominio, deve contribuire alla sua manutenzione e ai costi associati.

Leggi anche: Spese condominiali: cosa sono e cosa comprendono

Tuttavia, l’articolo 1576 del Codice Civile apre la possibilità che il locatario possa essere chiamato a partecipare al pagamento delle spese, specificando quali spese siano a carico del conduttore e quali spettino invece al locatore.

Art. 1576
Mantenimento della cosa in buono stato locativo

Il locatore deve eseguire, durante la locazione, tutte le riparazioni necessarie, eccettuate quelle di piccola manutenzione che sono a carico del conduttore.
Se si tratta di cose mobili, le spese di conservazione e di ordinaria manutenzione sono, salvo patto contrario, a carico del conduttore.

Ciò significa che, attraverso un accordo esplicito nel contratto di locazione, le parti possono decidere di deviare dalla regola generale e distribuire diversamente le responsabilità relative alle spese condominiali.

Questo aspetto sottolinea l’importanza di una chiara definizione contrattuale delle spese a carico del locatario, per evitare incomprensioni o dispute future. In assenza di tale specificazione, il proprietario rimane l’unico responsabile nei confronti del condominio per il pagamento delle spese, anche se queste derivano dall’uso dell’immobile da parte del locatario.

Leggi anche: I millesimi condominiali: come calcolarli, modificarli e per cosa vengono utilizzati

Ripartizione delle spese tra locatore e locatario

La distinzione tra spese di ordinaria e straordinaria amministrazione è cruciale per capire come vengono ripartite le responsabilità finanziarie tra locatore e locatario in un contesto condominiale.

La legge 392/78, insieme all’articolo 1576 del Codice Civile, fornisce un quadro normativo che regola questa ripartizione:

  • Spese di ordinaria amministrazione: generalmente, sono a carico del locatario. Queste includono le spese quotidiane e periodiche necessarie per assicurare il normale fruimento dei beni comuni, come i costi per i consumi di energia elettrica nelle aree comuni, la pulizia, la manutenzione ordinaria dell’ascensore e simili. Queste spese sono legate all’uso diretto dell’immobile e, per questo motivo, vengono usualmente imputate a chi ne usufruisce direttamente, ovvero l’inquilino.
  • Spese di straordinaria amministrazione: ricadono sulla responsabilità del proprietario. Queste spese riguardano interventi non periodici che hanno lo scopo di mantenere o incrementare il valore dell’immobile e del condominio, come la ristrutturazione della facciata, la sostituzione dell’impianto di riscaldamento centrale o altri lavori strutturali significativi.

La chiave sta nel dettaglio degli accordi presi tra le parti e fissati nel contratto di locazione. Nonostante la legge fornisca una linea guida generale, locatore e locatario hanno la libertà di negoziare una diversa ripartizione delle spese, che poi deve essere chiaramente documentata nel contratto per evitare future contestazioni.

Leggi anche: Canoni di locazione in dichiarazione dei redditi: ultimi chiarimenti

La corretta identificazione e attribuzione delle spese condominiali nel contratto di locazione evita malintesi e consente una gestione trasparente e equa dei rapporti tra le parti coinvolte.

Inserimento delle spese condominiali nel contratto di locazione

Per inserire le spese condominiali in modo chiaro e inequivocabile nel contratto di locazione, è fondamentale seguire alcuni passaggi chiave che garantiscano trasparenza e comprensione reciproca tra le parti.

Questo non solo facilita la gestione delle responsabilità ma previene anche possibili contenziosi futuri. Ecco come procedere:

  • Accordo specifico: Locatore e locatario devono raggiungere un accordo specifico sulle modalità di ripartizione delle spese condominiali. Questo accordo può prevedere una deviazione dalle disposizioni legali standard, purché sia esplicitamente menzionato nel contratto. Ad esempio, si può concordare che alcune spese di ordinaria amministrazione siano a carico del locatore anziché del locatario.
  • Descrizione dettagliata: È consigliabile inserire nel contratto una descrizione dettagliata delle spese condominiali, distinguendo tra spese di ordinaria e straordinaria amministrazione. Questo elenco dovrebbe specificare quali spese sono a carico del locatario e quali a carico del locatore, fornendo così una guida chiara e un punto di riferimento per entrambe le parti.
  • Riferimento a normative e tabelle di ripartizione: Si può optare per inserire nel contratto un riferimento esplicito alle normative vigenti, come il Codice Civile o la legge 392/78, e alle tabelle di ripartizione delle spese condominiali disponibili, ad esempio, tramite il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti o associazioni di categoria. Questo approccio garantisce che la ripartizione delle spese sia allineata con le disposizioni legali e con le prassi consolidate.
  • Allegati al Contratto: In alternativa, è possibile allegare al contratto un documento dettagliato che elenchi tutte le spese condominiali e la loro ripartizione. Questo documento diventa parte integrante del contratto di locazione e serve come accordo chiaro e vincolante tra le parti.
  • Assistenza Professionale: Considerata la complessità delle materie in questione, può essere utile avvalersi della consulenza di professionisti, come avvocati o agenti immobiliari, per la redazione del contratto. Questo assicura che tutte le disposizioni siano corrette dal punto di vista legale e che gli interessi di entrambe le parti siano adeguatamente tutelati.

Questi passaggi consentono di gestire in modo efficace la questione delle spese condominiali nei contratti di locazione, riducendo il rischio di incomprensioni e contenziosi futuri.

Leggi anche: Cosa succede se il contratto di locazione non viene registrato?

Gestione dei contenziosi legati alle spese condominiali

Nel contesto dei contratti di locazione, i contenziosi legati alle spese condominiali possono rappresentare una sfida sia per i locatari che per i locatori. Quando emergono disaccordi sulla ripartizione o sul pagamento delle spese, è fondamentale avere un quadro chiaro delle possibili conseguenze e dei passaggi da seguire per risolvere la situazione.

Ecco cosa accade in caso di contenziosi:

  • Responsabilità verso il condominio: Il primo punto da considerare è che, indipendentemente dagli accordi interni tra locatore e locatario, nei confronti del condominio la responsabilità del pagamento delle spese condominiali ricade sempre sul proprietario dell’unità immobiliare. Questo significa che in caso di mancato pagamento da parte del locatario, l’amministratore di condominio si rivolgerà al locatore per il recupero delle somme dovute.
  • Rivalersi sull’inquilino: Se il locatario non paga le spese condominiali a lui attribuite secondo quanto stabilito nel contratto di locazione, il locatore ha il diritto di rivalersi su di lui. Questo processo inizia di solito con una richiesta formale di pagamento delle spese non versate. Se l’inquilino non adempie a tale richiesta entro un termine ragionevole, il locatore può procedere con azioni legali per ottenere il rimborso delle somme dovute.
  • Procedura di sfratto per morosità: In casi estremi, se il locatario accumula un debito significativo per spese condominiali non pagate e non risponde alle sollecitazioni del locatore, quest’ultimo può avviare una procedura di sfratto per morosità. La legge 392/78 stabilisce che l’inadempimento del locatario, che superi un certo periodo di tempo o una determinata somma, può costituire motivo valido per lo sfratto.
    Leggi anche: Sfratto per morosità: come funziona, procedimento, tempi
  • Risoluzione dei Contenziosi: La risoluzione dei contenziosi legati alle spese condominiali può avvenire anche attraverso la mediazione o la conciliazione, strumenti che permettono di trovare un accordo bonario tra le parti, evitando così la via giudiziaria. Questi processi sono spesso più rapidi e meno onerosi di un procedimento legale.

È importante sottolineare che una chiara definizione delle responsabilità relative alle spese condominiali nel contratto di locazione può prevenire molti di questi contenziosi, offrendo a entrambe le parti una base solida su cui fondare le proprie aspettative e azioni.

Richiedi informazioni per Condomini, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e Superbonus, distinguendo tra parti comuni condominiali e manutenzione straordinaria.
TAGS: accordo spese., codice civile, contenziosi condominiali, contratto di locazione, responsabilità locatario, responsabilità locatore, sfratto per morosità, spese condominiali, spese ordinarie, spese straordinarie

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!