Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Condomini » Cassazione: ringhiere e divisori sono parti comuni in condominio

Cassazione: ringhiere e divisori sono parti comuni in condominio

Cassazione: ringhiere e divisori sono parti comuni in condominioCassazione: ringhiere e divisori sono parti comuni in condominio
Ultimo Aggiornamento:

La Cassazione ha recentemente stabilito che le ringhiere e i divisori dei balconi in Condominio sono parti comuni. Per cui, le spese per la loro sostituzione, riparazione o ristrutturazione sono da ripartire tra tutti gli abitanti del condominio.

Il motivo è che tali elementi rientrano nella costituzione del decoramento architettonico, per cui risultano essenziali per l’estetica del condominio.

Parti comuni Condominio: ringhiere e divisori sono decoro architettonico

L’ordinanza della Cassazione è la n. 10848 dell’8 giugno 2020. Si tratta di una sentenza in ricorso contro il Tribunale ordinario, che è stato accusato di infrangere la legge nel momento in cui ha decretato che i divisori dei balconi e le ringhiere sono parti comuni in condominio.

La Corte però ha dato ragione alla sentenza precedente del Tribunale, in quanto i suddetti elementi architettonici sono parte costituente del decoro dell’intero edificio. Pertanto, è necessario che le spese degli eventuali interventi siano ripartiti tra tutti i condomini.

Si stabilisce infatti che:

Le ringhiere, che fungono da parapetto, come i divisori dei balconi, costituiscono parte integrante della facciata, con la quale formano un insieme che si traduce in una peculiare conformazione del decoro architettonico”.

I balconi non sono parti comuni, i rivestimenti si

Se il discorso è valido per ringhiere e divisori, non sussiste invece per quanto riguarda propriamente i balconi. Questi ultimi infatti, ai sensi dell’art.1117 c.c., non sono necessari per l’edificio e non sono destinati all’uso o al servizio dello stesso.

Al contrario, i rivestimenti del condominio che rappresentano una parte essenziale della funzione estetica del fabbricato invece, come appunto ringhiere e divisori, sono da considerarsi parti comuni. Questo perché, appunto, sono elementi decorativi ed ornamentali indispensabili per l’edificio. E in quanto tali, contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole.

La Cassazione stabilisce che tali elementi architettonici sono considerati indispensabili per la gradevolezza dell’edificio in quanto “ben visibili dall’esterno”, “disposti simmetricamente” e “omogenei per dimensioni, forma geometrica e materiale”.

Richiedi informazioni per Condomini, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Come installare una pergotenda senza violare le norme condominialiCome installare una pergotenda senza violare le norme condominiali

Come installare una pergotenda senza violare le norme condominiali

25/03/2024 12:01 - Installare una pergotenda in condominio migliora gli spazi esterni rispettando norme e convivenza. La giurisprudenza conferma: nessun permesso se non altera estetica o sicurezza dell'edificio.
Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e [..]
TAGS: balconi, candominio, cassazione, divisori

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!