Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Condomini » Amministratore di condominio revocato: possibile fare reclamo

Amministratore di condominio revocato: possibile fare reclamo

Amministratore di condominio revocato: possibile fare reclamoAmministratore di condominio revocato: possibile fare reclamo
Ultimo Aggiornamento:

L’amministratore di condominio può essere revocato in ogni momento, anche su richiesta di un singolo condomino, qualora non dovesse soddisfare gli obblighi e gli adempimenti attribuiti al suo ruolo.

Ricordiamo che la nomina di un amministratore è obbligatoria per tutti i condomìni che presentino più di 8 unità immobiliari. Nel caso in cui non si provvedesse alla nomina, anche uno solo dei partecipanti alla comunione ha diritto a richiedere la convocazione dell’assemblea a questo scopo, oppure a rivolgersi all’autorità giudiziaria.

A meno che l’adempimento non sia affidato all’autorità, sia per la nomina che per la revoca dell’amministratore, sarà necessario che la delibera sia approvata dall’assemblea con la maggioranza di cui all’art. 1136 del Codice Civile, ovvero almeno dalla maggioranza degli intervenuti e almeno dalla metà del valore dell’edificio.

La revoca dell’amministratore di condominio, tuttavia, può essere oggetto di reclamo.

Leggi anche: “Amministratore di condominio: chi può farlo, quali requisiti

Amministratore di condominio: quando si può revocare?

È l’art. 1129 cc a disciplinare le modalità di nomina e revoca dell’amministratore di condominio, nonché gli obblighi ad esso attribuiti.

Si dispone qui, appunto, che la revoca dell’amministratore possa avvenire in qualsiasi momento, a prescindere da quando questo sia stato nominato.

La delibera di revoca dovrà essere approvata in assemblea dalla maggioranza che abbiamo visto sopra o, in alternativa, dalle differenti disposizioni previste eventualmente dal regolamento condominiale.

In determinati casi di grave irregolarità, però, anche il singolo condomino può provvedere a richiedere la convocazione dell’assemblea per revocare l’amministratore.

Se l’assemblea non venisse convocata o, se nonostante la convocazione non si raggiungesse la maggioranza necessaria per provvedere alla revoca, anche uno solo dei condomini potrà esercitare il proprio diritto a rivolgersi all’autorità giudiziaria, e nello specifico al giudice di pace (approfondisci qui).

Tra l’altro, se la richiesta di ricorso del singolo dovesse venire accolta dal giudice, egli potrà poi rivalersi nei confronti dell’intero condominio per pretendere il rimborso delle spese legali sostenute. Il condominio, a sua volta, potrà poi rivalersi nei confronti dell’amministratore che è stato revocato per gravi irregolarità.

Gravi irregolarità che portano alla revoca: quali sono?

In quest’ottica quindi, le gravi irregolarità attribuibili all’amministratore di condominio possono essere, ad esempio:

  1. L’inosservanza dei propri obblighi di rappresentanza o la mancata comunicazione ai condòmini di provvedimenti che esulano dai propri doveri.
  2. La mancata convocazione dell’assemblea, o il ripetuto rifiuto a procedere alla convocazione, per:
    • L’approvazione del rendiconto condominiale;
    • La propria revoca e la nomina di un nuovo amministratore;
    • Altri casi di obbligo di convocazione previsti dalla legge.
  1. La mancata esecuzione dei provvedimenti giudiziali e amministrativi o la mancata ufficializzazione delle delibere assembleari.
  2. L’inosservanza dell’obbligo di apertura di un conto corrente (bancario o postale) che sia intestato al condominio, oppure la mancata utilizzazione del conto esistente.
  3. La dubbia gestione del patrimonio comune o la distinzione confusionaria tra il patrimonio del condominio e il proprio patrimonio personale o quello personale dei condòmini.
  4. L’aver acconsentito impropriamente alla cancellazione delle disposizioni a tutela del condominio trascritte nei registri immobiliari, al fine di coprire crediti insoddisfatti.
  5. La mancata gestione dei procedimenti legali o delle disposizioni di riscossione coattiva delle somme dovute al condominio.
  6. Le inadempienze legate:
    • Alla tenuta del registro di anagrafe condominiale;
    • Alla tenuta del registro dei verbali delle assemblee, del registro di nomina e revoca dell’amministratore e del registro di contabilità;
    • All’obbligo di fornire l’attestazione relativa allo stato dei pagamenti degli oneri condominiali e delle eventuali liti in corso, a favore dei condòmini che ne facciano richiesta.
  1. L’omessa, l’incompleta o l’inesatta comunicazione:
    • Dei propri dati anagrafici e professionali;
    • Del proprio codice fiscale;
    • Del locale in cui sono situati il registro di anagrafe condominiale, il registro dei verbali delle assemblee, il registro di nomina e revoca dell’amministratore e il registro di contabilità;
    • Dei giorni e degli orari nei quali ciascun condomino interessato può visionare gratuitamente i registri e, eventualmente, ottenerne una copia firmata a spese proprie;
    • Dell’importo richiesto a titolo di compenso per la propria attività di amministratore.

In tutti i casi sopra descritti, dunque – che non rappresentano l’elenco esaustivo ma solo esemplificativo delle gravi irregolarità – l’amministratore può essere immediatamente revocato, sia dall’assemblea che dal giudice di pace.

Leggi anche: “Provvedimenti dell’amministratore di condominio: possibile fare ricorso

Amministratore revocato: possibile reclamo entro 10 giorni

Se la revoca avviene per mano dell’assemblea, la stessa assemblea potrà decidere in seguito di rinominare nuovamente lo stesso amministratore.

Qualora invece la revoca fosse disposta dall’autorità giudiziaria, l’assemblea non potrà ripristinare la nomina del soggetto revocato.

L’art. 64 delle Disposizioni per l’attuazione del Codice Civile e disposizioni transitorie, in merito alla revoca dell’amministratore, stabilisce che il giudice di pace debba deliberare la propria decisione con decreto motivato in camera di consiglio, ai sensi dell’art. 737 del Codice di procedura civile.

Ciò però solo dopo aver interpellato sia l’amministratore che il condòmino o i condòmini che ne richiedono la revoca.

Una volta che il giudice di pace dispone il provvedimento di revoca, l’amministratore avrà l’opportunità di presentare reclamo in tribunale entro un tempo massimo di 10 giorni dalla data in cui gli è stato comunicato o notificato il provvedimento.

Richiedi informazioni per Condomini, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

15/02/2024 09:00 - La gestione della privacy in ambito condominiale, guidata dal GDPR e dalle sentenze della Corte di Cassazione, richiede pratiche attente per la comunicazione di dati personali, equilibrando la condivisione di informazioni necessarie con il rispetto della privacy dei condomini.
Ampliare il balcone: è possibile farlo? con quali permessi?Ampliare il balcone: è possibile farlo? con quali permessi?

Ampliare il balcone: è possibile farlo? con quali permessi?

12/02/2024 10:35 - L'ampliamento del balcone richiede il Permesso di Costruire per conformarsi alle [..]
Installare un gazebo in condominio: norme e procedureInstallare un gazebo in condominio: norme e procedure

Installare un gazebo in condominio: norme e procedure

12/02/2024 08:28 - L'installazione di un gazebo in contesto condominiale richiede una pianificazione [..]
Opere di innovazione in condominio: quali si possono installare?Opere di innovazione in condominio: quali si possono installare?

Opere di innovazione in condominio: quali si possono installare?

07/02/2024 11:22 - Le opere di innovazione che possono essere installate in condominio sono tutte [..]
TAGS: amministratore condominio, Amministratore revocato, condominio

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!