Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Certificazioni » Certificato di Prevenzione Incendi (CPI): Cos’è, per chi obbligatorio

Certificato di Prevenzione Incendi (CPI): Cos’è, per chi obbligatorio

Certificato di Prevenzione Incendi (CPI): Cos’è, per chi obbligatorioCertificato di Prevenzione Incendi (CPI): Cos’è, per chi obbligatorio

Il Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) è un documento rilasciato dalle autorità competenti che attesta la conformità degli edifici alle norme antincendio. Il CPI deve essere richiesto per gli edifici che rientrano nelle categorie di rischio 3 e 4, ovvero gli edifici ad alto e elevato rischio di incendio.

Il CPI attesta che l’edificio è stato progettato, costruito e attualmente è mantenuto in conformità alle norme antincendio, che gli impianti antincendio sono stati installati e collaudati correttamente, e che le vie di fuga e le uscite di sicurezza sono adeguate e funzionanti.

Il CPI è un documento importante perché attesta la conformità degli edifici alle norme antincendio e garantisce la sicurezza degli occupanti in caso di incendio. Il documento deve essere aggiornato periodicamente e deve essere esibito alle autorità competenti in caso di verifiche e controlli. In caso di mancato possesso o scadenza del CPI, l’edificio può essere chiuso fino a quando non vengono effettuati gli adempimenti necessari per ottenere il certificato.

Advertisement - Pubblicità

Per chi è obbligatorio il Il Certificato di Prevenzione Incendi (CPI)?

Il Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) è obbligatorio per gli edifici che rientrano nelle categorie di rischio 3 e 4, ovvero gli edifici ad alto e elevato rischio di incendio.

In generale, gli edifici che devono essere dotati di un CPI sono quelli che ospitano attività che comportano un elevato numero di persone, come ad esempio:

  • Alberghi, pensioni e case vacanze
  • Ristoranti, bar e sale da ballo
  • Ospedali, case di cura e case di riposo
  • Scuole, università e istituti di istruzione
  • Uffici pubblici e privati
  • Centri commerciali, grandi magazzini e supermercati
  • Teatri, cinema e sale concerti
  • Stabilimenti industriali e depositi di materiali infiammabili
  • Centrali termoelettriche

Per gli edifici che ospitano attività ad alto rischio di incendio, il CPI deve essere richiesto prima dell’inizio dell’attività e deve essere aggiornato periodicamente in base alle prescrizioni delle autorità competenti. Inoltre, gli edifici ad alto e elevato rischio di incendio devono essere sottoposti a verifiche periodiche da parte delle autorità competenti per garantire che siano in conformità alle norme antincendio.

Per gli edifici che rientrano nella categoria di rischio 1 e 2, non è richiesto il certificato di prevenzione incendi, ma gli edifici devono comunque essere progettati, costruiti e mantenuti in conformità alle norme antincendio per garantire la sicurezza degli occupanti in caso di incendio.

Advertisement - Pubblicità

Il certificato prevenzione incendi (CPI) va rinnovato?

Sì, il Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) deve essere aggiornato periodicamente in base alle prescrizioni delle autorità competenti. La frequenza di aggiornamento dipende dalle caratteristiche dell’edificio e dalle attività che vi si svolgono, ma in generale il CPI deve essere rinnovato ogni volta che vengono apportate modifiche all’edificio o alle attività che vi si svolgono.

Il rinnovo del CPI deve essere effettuato da un professionista abilitato in materia di prevenzione incendi, che dovrà verificare che l’edificio sia ancora in conformità alle norme antincendio e che gli impianti antincendio siano ancora funzionanti e adeguati.

In mancanza di aggiornamento del CPI, l’edificio può essere chiuso fino a quando non vengono effettuati gli adempimenti necessari per ottenere il certificato.

Advertisement - Pubblicità

Quanto costa il Certificato di Prevenzione Incendi?

Il costo per ottenere il Certificato di Prevenzione Incendi varia in base alle dimensioni dell’edificio e alla complessità delle misure di sicurezza necessarie per ottenerlo.

In generale, il costo può variare da alcune centinaia di euro per piccoli edifici a diverse migliaia per edifici più grandi e complessi. E’ importante tenere presente che il costo del certificato include anche eventuali interventi di adeguamento necessari per soddisfare i requisiti di sicurezza previsti dalla normativa.



Richiedi informazioni per Antincendio, Certificazioni, Notizie, Sicurezza Edilizia

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Invia Richiesta

Prodotti suggeriti

Sitol Schiumapur AntincendioSitol Schiumapur Antincendio

Sitol Schiumapur Antincendio

Caratteristiche SITOL SCHIUMAPUR ANTINCENDIO è una schiuma poliuretanica monocomponente confezionata in bombola aerosol. Estrudendo il prodotto esce una massa schiumosa che, reagendo con l’umidità dell’aria indurisce progressivamente, aumentando di volume e perdendo la sua iniziale appiccicosità. Si ottiene così una schiuma, di colore [..]
Gruppi di PressioneGruppi di Pressione

Gruppi di Pressione

Alimentazione della rete idrica in condomini, uffici alberghi, centri commerciali, industrie.
Blocchi Poroton tagliafuocoBlocchi Poroton tagliafuoco

Blocchi Poroton tagliafuoco

Il Consorzio POROTON® Italia ha sempre riservato grande attenzione alle prestazioni di resistenza al fuoco dei [..]
Vedi tutti i Prodotti in Antincendio

Articoli Correlati

Trasformare finestra in porta-finestra: cosa dice la legge? serve la SCIA?Trasformare finestra in porta-finestra: cosa dice la legge? serve la SCIA?

Trasformare finestra in porta-finestra: cosa dice la legge? serve la SCIA?

19/04/2024 12:40 - Recentemente il Consiglio di Stato ha chiarito che la sostituzione di una finestra con una portafinestra non rientra nell'ambito dell'edilizia libera, ma necessitano della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).
APE sbagliato nella compravendita: i diritti dell'acquirenteAPE sbagliato nella compravendita: i diritti dell'acquirente

APE sbagliato nella compravendita: i diritti dell'acquirente

04/04/2024 08:20 - Una recente sentenza ha stabilito il diritto al risarcimento per errori [..]
I lavori edili eseguibili senza CILAI lavori edili eseguibili senza CILA

I lavori edili eseguibili senza CILA

21/03/2024 09:21 - La legge italiana permette di effettuare una serie di interventi edilizi senza la [..]
DURC: via libera alla sanatoria in caso di irregolaritàDURC: via libera alla sanatoria in caso di irregolarità

DURC: via libera alla sanatoria in caso di irregolarità

18/03/2024 08:32 - Il Decreto-Legge 2 marzo 2024 introduce significative modifiche al Documento Unico [..]
TAGS: antincendio, Certificato di Prevenzione Incendi, Certificato Prevenzione Incendi, cpi, prevenzione incendi

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!