Fabbricati non accatastati: pubblicati coefficienti 2022

Fabbricati non accatastati: pubblicati coefficienti 2022 Fabbricati non accatastati: pubblicati coefficienti 2022
Ultimo Aggiornamento:

In data 18 maggio 2022, il Fisco annuncia che sono stati pubblicati i coefficienti utili per il calcolo della base imponibile ai fini della determinazione dei tributi locali dovuti dalle imprese per i fabbricati non accatastati.

Come ogni anno dunque, il dipartimento Finanze del MEF ha provveduto all’aggiornamento dei parametri per gli immobili distintamente contabilizzati. La revisione dei valori per quanto riguarda l’anno 2022 è stata stabilita con il Decreto del MEF datato al 9 maggio, e sarà presto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Fabbricati non accatastati: pronti coefficienti Gruppo D

I nuovi valori stabiliti con il Decreto del MEF rappresentano i coefficienti utili per ricavare la base imponibile per il calcolo delle imposte per i fabbricati che non sono iscritti al Catasto.

In particolare, tali parametri sono da applicare agli immobili che presentano le seguenti caratteristiche:

  1. Non sono accatastati;
  2. Sono classificabili come appartenenti al Gruppo D delle categorie catastali, che ricomprende gli “Immobili a destinazione speciale”;
  3. Sono interamente appartenenti ad imprese;
  4. Sono distintamente contabilizzati.

Più nello specifico, si tratta di tutti quegli immobili ad uso strumentale per i quali non è ancora stata richiesta l’attribuzione della rendita, e per i quali pertanto la base imponibile è “distintamente contabilizzata in bilancio”, in quanto determinata sulla base dei costi di acquisto o di costruzione.

I nuovi parametri disposti per l’anno 2022 per i fabbricati non accatastati sono utili in sostanza ai fini del ricavo della base imponibile per il calcolo dell’IMU. A partire dal 2020 inoltre, gli stessi valori sono riferibili anche al calcolo dell’imponibile per l’applicazione dell’IMPi (Imposta immobiliare sulle Piattaforme Marine).

I coefficienti validi per l’anno 2022, si spiega, sono disposti dal MEF tenendo conto anche delle analisi e dei dati relativi all’andamento dei costi di costruzione di un capannone, che vengono calcolati periodicamente dal MISE e dall’ISTAT.

Leggi anche: “Rendita, superficie e categorie catastali: La guida completa“;

Advertisement - Pubblicità


Valori contabili calcolo IMU e IMPi: quali coefficienti

Il calcolo delle suddette imposte è determinato sulla base dei valori esposti nelle scritture contabili. Ai fini della determinazione della base imponibile sarà necessario applicare, ai suddetti valori, i coefficienti che vediamo di seguito:

  • 2022, coefficiente: 1,04;
  • 2021, coefficiente: 1,08;
  • 2020, coefficiente: 1,09;
  • 2019, coefficiente: 1,09;
  • 2018, coefficiente: 1,11;
  • 2017, coefficiente: 1,11;
  • 2016, coefficiente: 1,12;
  • 2015, coefficiente: 1,12;
  • 2014, coefficiente: 1,12;
  • 2013, coefficiente: 1,13;
  • 2012, coefficiente: 1,15;
  • 2011, coefficiente: 1,19;
  • 2010, coefficiente: 1,21;
  • 2009, coefficiente: 1,22;
  • 2008, coefficiente: 1,27;
  • 2007, coefficiente: 1,31;
  • 2006, coefficiente: 1,35;
  • 2005, coefficiente: 1,38;
  • 2004, coefficiente: 1,47;
  • 2003, coefficiente: 1,51;
  • 2002, coefficiente: 1,57;
  • 2001, coefficiente: 1,61;
  • 2000, coefficiente: 1,66;
  • 1999, coefficiente: 1,68;
  • 1998, coefficiente: 1,71;
  • 1997, coefficiente: 1,75;
  • 1996, coefficiente: 1,81;
  • 1995, coefficiente: 1,86;
  • 1994, coefficiente: 1,92;
  • 1993, coefficiente: 1,96;
  • 1992, coefficiente: 1,98;
  • 1991, coefficiente: 2,02;
  • 1990, coefficiente: 2,11;
  • 1989, coefficiente: 2,21;
  • 1988, coefficiente: 2,30;
  • 1987, coefficiente: 2,50;
  • 1986, coefficiente: 2,69;
  • 1985, coefficiente: 2,88;
  • 1984, coefficiente: 3,07;
  • 1983, coefficiente: 3,26;
  • 1982, coefficiente: 3,45.


Autore: Redazione Online

Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità