Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Superbonus: la fine dell’agevolazione al 110%, ma quali sono i problemi?

Superbonus: la fine dell’agevolazione al 110%, ma quali sono i problemi?

Superbonus: la fine dell’agevolazione al 110%, ma quali sono i problemi?Superbonus: la fine dell’agevolazione al 110%, ma quali sono i problemi?
Ultimo Aggiornamento:

Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, ha confermato la fine dell’agevolazione al 110% per il Superbonus, sia per le villette che per i condomini. Nella nuova legge di Bilancio si passerà al 70% di sconto per il 2024 e al 65% dal 2025.

Leggi anche: Superbonus 110: “Non ci sarà proroga, lo sgravio ha interessato solo il 3% degli immobili”

Questa decisione pone diversi problemi, sia per il governo che per i contribuenti che hanno avviato le pratiche per accedere al bonus.

Problemi per il governo

La riduzione dell’agevolazione al 70% comporta un costo aggiuntivo per le finanze pubbliche di circa 15 miliardi di euro. Questo costo è dovuto al fatto che, con l’agevolazione al 110%, il governo si assumeva l’intera spesa per i lavori, mentre con l’agevolazione al 70% i contribuenti dovranno sostenere una quota di spesa pari al 30%.

Inoltre, il governo dovrà trovare una soluzione per gestire i crediti fiscali già maturati dai contribuenti. Questi crediti, infatti, andranno a ridurre il gettito fiscale tra il 2024 e il 2027.

Problemi per i contribuenti

La riduzione dell’agevolazione al 70% pone diversi problemi per i contribuenti che hanno avviato le pratiche per accedere al bonus.

  • Lavori condominiali ancora non completati: se dal 2024 l’agevolazione scenderà al 70%, i condomini che hanno avviato i lavori ma non li hanno ancora completati potrebbero trovarsi in difficoltà a pagare la quota rimanente.
  • Validità della Cila: il governo potrebbe ridurre la validità triennale della Cila per quei lavori che non sono ancora stati concretamente avviati. Questo potrebbe comportare il rischio che i contribuenti perdano la possibilità di accedere all’agevolazione.

Approfondimento sui nuovi paletti di Bankitalia

La circolare 285 di Bankitalia introduce una distinzione tra crediti acquistati per uso diretto da parte delle banche e crediti invece destinati a essere commercializzati. Questo potrebbe portare a una riduzione degli acquisti di crediti da parte delle banche, con conseguente aumento delle difficoltà per i contribuenti che hanno già avviato le pratiche per accedere al bonus.

Infatti, secondo la circolare, le banche che acquistano crediti per uso diretto non devono effettuare alcun accantonamento prudenziale. Al contrario, le banche che acquistano crediti per commercializzarli devono effettuare un accantonamento prudenziale pari al 100% del credito.

Questo significa che le banche potrebbero essere meno propense ad acquistare crediti per commercializzarli, in quanto questo comporta un rischio di credito maggiore.

Leggi anche: Cessione del Credito e Enel X: nessuna piattaforma in arrivo

Appello al governo

Il governo dovrebbe trovare una soluzione per tutelare i contribuenti che hanno già avviato i lavori e che potrebbero trovarsi in difficoltà a completare i lavori a causa della riduzione dell’agevolazione.

Una possibile soluzione potrebbe essere quella di prorogare la scadenza per la presentazione delle pratiche per accedere al bonus. Questo consentirebbe ai contribuenti di completare i lavori entro la scadenza dell’agevolazione al 110%.

Un’altra possibile soluzione potrebbe essere quella di prevedere un incentivo per le banche che acquistano crediti da contribuenti che hanno avviato i lavori. Questo incentivo potrebbe essere sotto forma di un contributo da parte dello Stato o di una riduzione del tasso di interesse applicato dalle banche.

In conclusione, la fine dell’agevolazione al 110% pone diversi problemi, sia per il governo che per i contribuenti. Il governo dovrebbe trovare una soluzione per tutelare i contribuenti e per evitare che la riduzione dell’agevolazione abbia un impatto negativo sull’economia.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Crollo del Superbonus: come le nuove normative hanno ridotto drasticamente gli investimentiCrollo del Superbonus: come le nuove normative hanno ridotto drasticamente gli investimenti

Crollo del Superbonus: come le nuove normative hanno ridotto drasticamente gli investimenti

07/06/2024 11:39 - Le nuove normative del Superbonus 2024 hanno ridotto drasticamente gli investimenti e le detrazioni maturate, segnando una svolta significativa nella politica di incentivazione fiscale per l'edilizia.
Decreto Superbonus: cosa cambia per detrazioni, cessioni e controlliDecreto Superbonus: cosa cambia per detrazioni, cessioni e controlli

Decreto Superbonus: cosa cambia per detrazioni, cessioni e controlli

04/06/2024 08:33 - Il Decreto Superbonus [..]
Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioniSuperbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

16/05/2024 07:50 - Le recenti modifiche normative relative al Superbonus introducono una spalmatura [..]
Bonus bollette 2024: come richiederlo, a quanto ammonta e a chi spettaBonus bollette 2024: come richiederlo, a quanto ammonta e a chi spetta

Bonus bollette 2024: come richiederlo, a quanto ammonta e a chi spetta

14/05/2024 09:30 - Il Bonus Bollette 2024 [..]
TAGS: Superbonus, Superbonus 110%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!