Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Ecobonus » Sostituzione scaldabagno: 65% di detrazione con l’Ecobonus

Sostituzione scaldabagno: 65% di detrazione con l’Ecobonus

Sostituzione scaldabagno: 65% di detrazione con l’EcobonusSostituzione scaldabagno: 65% di detrazione con l’Ecobonus
Ultimo Aggiornamento:

L’Ecobonus consiste in una detrazione al 50% o 65% delle spese sostenute per la riqualificazione energetica di edifici e unità esistenti.

Tra gli interventi ammessi è possibile procedere anche con la sostituzione dello scaldabagno tradizionale, ma solo nel caso in cui si provvedesse ad installare uno scaldacqua a pompa di calore, e solo se l’unità risultasse già dotata di un impianto termico.

Per la sostituzione dello scaldabagno in particolare si può fruire della detrazione al 65% con limite pari a 30.000 euro.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “Ecobonus 2023: tutti gli interventi con i massimali di spesa

Advertisement - Pubblicità

Sostituzione scaldabagno: obbligo impianto termico con Ecobonus

Con l’Ecobonus è dunque possibile portare in detrazione parte delle spese sostenute per la sostituzione dello scaldabagno tradizionale con un nuovo impianto a pompa di calore.

È fondamentale tuttavia notare che l’intervento è ammesso solo se si tratta di sostituzione di un impianto già esistente, in quanto l’installazione ex novo non è concessa. Eventualmente, per l’installazione ex novo c’è la possibilità di fruire invece del Bonus Ristrutturazione al 50%.

Non è possibile invece includere all’Ecobonus l’intervento di sostituzione di uno scaldabagno tradizionale con uno scaldacqua a gas. Ricordiamo inoltre che è obbligatorio che nell’immobile sia presente un impianto termico.

In particolare, a partire dall’11 giugno 2020 – data di entrata in vigore del D.lgs. n. 48 del 10 giugno 2020 – sono da intendersi come impianti termici tutti gli impianti tecnologici destinati alla climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, a prescindere dal vettore energetico utilizzato.

Leggi anche: “Camini sono validi come impianti esistenti?

Prima delle modifiche apportate dal decreto citato, invece, erano previsti determinati criteri riferiti alla potenza di alcuni impianti. In particolare:

  • Fino al 3 agosto 2013, gli scaldacqua unifamiliari – così come le stufe, i caminetti e gli apparecchi per il riscaldamento localizzato ad energia radiante – potevano essere considerati impianti termici e, quindi, essere ricompresi nelle spese in detrazione, solo se la somma delle loro potenze nominali fosse stata pari o maggiore a 15 kW;
  • Dal 4 agosto 2013 al 10 giugno 2020, la somma della potenza nominale per queste tipologie di impianti doveva essere pari o maggiore a 5 kW;
  • A partire dall’11 giugno 2020, non è più previsto alcun limite minimo da rispettare in tal senso.

Leggi anche: “Ristrutturazione Bagno 2023: La guida completa all’incentivo

Advertisement - Pubblicità

Ecobonus 65% per sostituzione scaldabagno: come funziona

È dunque possibile ad oggi portare in detrazione con l’Ecobonus le spese sostenute per la sostituzione dello scaldabagno tradizionale con un nuovo scaldacqua a pompa di calore su tutti gli edifici esistenti.

Lo scaldabagno a pompa di calore che viene installato in sostituzione dello scaldacqua tradizionale deve rispettare i requisiti previsti dalla normativa UNI EN 16147:2023, che prevede che le pompe di calore debbano garantire un coefficiente di prestazione COP maggiore di 2,6.

La detrazione viene concessa nella misura del 65% con un limite di spesa pari a 30.000 euro per unità immobiliare.

Ricordiamo che l’Ecobonus può essere fruito in relazione a tutte le unità immobiliari esistenti e accatastate, che siano singole unità o edifici, a destinazione residenziale oppure strumentale.

È fondamentale ricordare inoltre che qualora nell’edificio oggetto di lavori dovessero esserci unità sprovviste di impianto termico, solo la spesa riferita agli appartamenti che ne sono dotati potrà essere portata in detrazione.

Leggi anche: “Ristrutturazione bagno: sì col Bonus Barriere Architettoniche 75%



Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Bagno, Casa, Detrazioni Fiscali, Ecobonus, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Ecobonus: la corte di cassazione chiarisce sulla comunicazione tardiva a ENEAEcobonus: la corte di cassazione chiarisce sulla comunicazione tardiva a ENEA

Ecobonus: la corte di cassazione chiarisce sulla comunicazione tardiva a ENEA

15/04/2024 15:36 - La sentenza della Corte di Cassazione n. 7657 stabilisce che l'omessa o tardiva comunicazione ad ENEA degli interventi di riqualificazione energetica non preclude le detrazioni fiscali.
TAGS: ecobonus, scaldabagno, sostituzione scaldabagno

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!