Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Bonus Ristrutturazioni: possibile per pavimentazione esterna?

Bonus Ristrutturazioni: possibile per pavimentazione esterna?

Bonus Ristrutturazioni: possibile per pavimentazione esterna?Bonus Ristrutturazioni: possibile per pavimentazione esterna?
Ultimo Aggiornamento:

Il rifacimento della pavimentazione esterna è un intervento che può essere ammesso a diversi bonus fiscali.

Per quanto riguarda il Bonus Ristrutturazioni, è possibile usufruirne ma ci sono delle precise condizioni che devono essere rispettate.

Vediamo quando e come è possibile beneficiare del Bonus Ristrutturazioni per la pavimentazione esterna.

Bonus Ristrutturazioni: si pavimento esterno, ma attenzione alle regole

Nelle condizioni per accedere al Bonus Ristrutturazioni leggiamo chiaramente che in riguardo alla pavimentazione esterna è possibile detrarre le spese per:

  • Installazione di nuova pavimentazione dove non era presente oppure sostituzione di una pavimentazione preesistente, ma con modifica di superficie e materiali, per le singole unità abitative;
  • Rifacimento della pavimentazione preesistente mantenendo uguali dimensioni e materiali, per gli spazi esterni in condominio.

Le condizioni sono dunque molto differenti nel caso in cui si parli di unità indipendente oppure di spazio condominiale.

Differenze tra unità indipendenti e spazi condominiali

In sostanza, se si tratta di unità indipendente, sarà sempre possibile detrarre le spese per l’installazione di una nuova pavimentazione esterna dove prima non esisteva. Se si vuole procedere alla sostituzione invece, sarà possibile accedere al Bonus Ristrutturazioni solo modificandone forma e materiali di realizzazione.

C’è da dire però che, se si desidera mantenere invece la stessa superficie e gli stessi materiali, ci sarebbe un modo per farlo, anche se conseguente ad altre lavorazioni. Praticamente, se il rifacimento della pavimentazione esterna è necessario per compiere altri interventi detraibili categorizzati come “ristrutturazione edilizia”, allora anche tale lavoro rientrerà tra quelli ammissibili all’incentivo.

Un esempio può essere quello per il quale, usufruendo del Bonus Ristrutturazioni, si intende intervenire sull’impianto idrico che attraversa il suolo sottostante il pavimento esterno. In quel caso, sarebbe impossibile lavorare sull’impianto idrico senza rifare anche la pavimentazione esterna. Per cui, unicamente in casi del genere, è possibile inserire in detrazione l’intervento mantenendo la stessa forma e gli stessi materiali del pavimento preesistente.

Parlando invece di pavimentazione esterna condominiale, l’accesso al Bonus Ristrutturazioni è completamente differente.

Qui infatti, per poter detrarre la sostituzione di una pavimentazione esterna preesistente, sarà obbligatorio invece mantenere la stessa superficie e gli stessi materiali anche nel prossimo pavimento.

Allo stesso modo invece, non sarà possibile usufruire dell’incentivo per installare una pavimentazione esterna dove prima non c’era.

Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Ristrutturazione, Detrazioni Fiscali, Fondi Pubblici, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e Superbonus, distinguendo tra parti comuni condominiali e manutenzione straordinaria.
TAGS: bonus, bonus fiscali, pavimentazione, pavimento, ristrutturazione

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!