Edilizia.com
Edilizia.com
blank
Home » Bonus » Bonus Caldaia » Bonus Caldaia 2023: risparmia adesso sul cambio caldaia grazie alla detrazione

Bonus Caldaia 2023: risparmia adesso sul cambio caldaia grazie alla detrazione

Bonus Caldaia 2023: risparmia adesso sul cambio caldaia grazie alla detrazioneBonus Caldaia 2023: risparmia adesso sul cambio caldaia grazie alla detrazione

Il Governo anche per il 2023 ha confermato il cosiddetto bonus caldaia. Si tratta di una misura che rientra in un pacchetto che ha come obiettivo principale l’ecosostenibilità da perseguire entro il 2030 nel pieno rispetto degli accordi sottoscritti a livello europeo.

Leggi anche: Manutenzione e controlli caldaia: obblighi e frequenza revisioni (bollino blu)

Cos’è il Bonus Caldaia 2023?

Il bonus caldaia è un’agevolazione incentrata sul sistema di detrazione fiscale delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di una caldaia di ultima generazione come quella a condensazione.

Per potervi accedere è indispensabile avere in casa una caldaia tradizionale, meno performante dal punto di vista energetico e da sostituire. Sfruttando questo strumento è possibile fruire di un consistente risparmio che va dal 50 fino al 65% della spesa sostenuta. Tra l’altro, qualora l’intervento venga inserito nel Superbonus, allora si avrebbe diritto a una detrazione fiscale del 90%.

Leggi anche: Bonus Caldaia: Cambiare caldaia conviene!

Va ricordato che tra le spese ammesse ci sono anche quelle necessarie per l’acquisto di materiali indispensabili per lo smontaggio del vecchio dispositivo e l’installazione della nuova soluzione nonché per la realizzazione di opere murarie ed eventuali sopralluoghi tecnici. Tuttavia, lo stesso obiettivo può essere ottenuto anche con altre misure altrettanto interessanti come il conto termico che però prevede benefici per il 40%.

Altra possibilità alternativa è rappresentata dal bonus ristrutturazione che prevede una detrazione del 50% e che può essere sfruttata anche attraverso lo sconto in fattura oppure con la classica detrazione da gestire in sede di dichiarazione dei redditi (in termini Ires e Irpef) in dieci annualità di pari valore.

Leggi anche: Bonus Ristrutturazione 2023: La guida completa

La normativa in questo caso però richiede che l’apparecchio da cambiare abbia una classe energetica non inferiore alla classe A.

Come richiedere il Bonus Caldaia?

Installare una caldaia di ultima generazione nella propria casa e in qualsiasi altro contesto permette di migliorare il comfort e di abbassare i consumi energetici in bolletta. Questo prodotto può essere acquistato ad un prezzo inferiore rispetto a quello effettivo grazie al bonus caldaia a patto, però, di gestire correttamente le procedure previste per questa e altre misure previste per il settore energetico.

A tal proposito, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato la disponibilità del portale aggiornato bonusfiscali.enea.it al quale bisogna fare riferimento per inviare telematicamente tutti i documenti che comprovano l’investimento effettuato in ottica efficienza energetica.

Questa procedura è valida per tutti i lavori che vengono effettuati entro il 2022 e il 2023 e per i quali è prevista la detrazione fiscale attraverso Ecobonus, quindi dal 50-65%, e bonus casa (un pacchetto che prevede diversi bonus tra cui quello per la caldaia). La documentazione deve essere trasmessa entro il termine perentorio di 90 giorni dalla fine dei lavori.

Leggi anche: Ecobonus 2023: la guida pratica e completa

I documenti necessari per il bonus caldaia

Sul portale Enea devono essere inviati telematicamente i documenti necessari per dimostrare l’intervento di riqualificazione energetica effettuata sul patrimonio edilizio già esistente. Tutti i documenti devono essere proposti seguendo la procedura guidata.

Nel caso specifico del bonus caldaia, siccome rientra nel pacchetto di bonus casa i dati trasmessi rientrano nelle detrazioni fiscali previste per le ristrutturazioni edilizie quindi occorre fare attenzione alla sezione di riferimento usata sul sito. Per gestire il tutto è indispensabile essere in possesso delle credenziali per l’accesso al servizio online dei vari siti della pubblica amministrazione come Agenzia delle Entrate piuttosto che INPS.

L’accesso va eseguito tramite Spid oppure con carta d’identità elettronica (CIE). Infine, va ricordato che il bonus caldaia non può essere ottenuto nel caso di nuove costruzioni perché non viene rispettato il vincolo della caldaia da sostituire.

Autocertificazione per beneficiare dello Sconto in Fattura

Se hai intenzione di sostituire la tua caldaia, sappi che non hai bisogno di un permesso edilizio specifico, come SCIA o CILA, per portare avanti tale progetto. Ma come puoi verificare che il lavoro è stato avviato entro la scadenza fissata del 16 febbraio 2023?

Il governo ha fornito una risposta a questo quesito, introducendo l’opzione di utilizzare un’autocertificazione per accedere ai bonus fiscali legati sia agli infissi che alle caldaie. Pertanto, per dimostrare che i lavori sono stati effettivamente iniziati entro il termine stabilito, avrai a disposizione alcune alternative:

  • Un documento finanziario, come potrebbe essere un bonifico, che mostra un acconto pagato entro il 16 febbraio 2023;
  • Un contratto vincolante tra le parti interessate, relativo alla fornitura dei beni e servizi necessari, firmato entro il 16 febbraio 2023;
  • Un’autodichiarazione rilasciata sia dal venditore o dal committente, che dal compratore o dal fornitore del servizio.

Tutti i documenti elencati saranno considerati una prova concreta dell’avvio dei lavori nel periodo specificato e confermeranno il diritto del contribuente a godere dei benefici fiscali, sia sotto forma di sconto diretto in fattura che come cessione di credito.

Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Caldaia, Detrazioni Fiscali, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bonus Caldaia 2024: la guida su come ottenerlo e risparmiareBonus Caldaia 2024: la guida su come ottenerlo e risparmiare

Bonus Caldaia 2024: la guida su come ottenerlo e risparmiare

10/01/2024 12:45 - Il Bonus Caldaia 2024 è stato introdotto dal Governo italiano per permettere ai cittadini di sostituire i vecchi impianti con le nuove caldaie con il sostegno economico statale.
Sostituzione caldaia: sì col Bonus Ristrutturazione 50%Sostituzione caldaia: sì col Bonus Ristrutturazione 50%

Sostituzione caldaia: sì col Bonus Ristrutturazione 50%

16/11/2023 10:51 - Il Bonus Ristrutturazione è un’agevolazione notevolmente versatile, che concede [..]
Bonus Caldaia 2021: come funziona?Bonus Caldaia 2021: come funziona?

Bonus Caldaia 2021: come funziona?

02/02/2021 07:01 - Il Bonus Caldaia 2021 si conferma come una vantaggiosa opportunità per il [..]
Bonus Caldaia: chi può richiederloBonus Caldaia: chi può richiederlo

Bonus Caldaia: chi può richiederlo

26/09/2019 07:05 - Tutti quelli che nel 2019 avranno la necessità di sostituire la caldaia vecchia [..]
TAGS: bonus caldaia, bonus caldaia 2023, caldaia, caldaie, documentazione, documenti bonus caldaia

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!