Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Appalti » Il nuovo Codice Appalti: l’allarme dell’Anac

Il nuovo Codice Appalti: l’allarme dell’Anac

Il nuovo Codice Appalti: l’allarme dell’AnacIl nuovo Codice Appalti: l’allarme dell’Anac
Ultimo Aggiornamento:

Il nuovo Codice degli Appalti, approvato di recente dal Consiglio dei Ministri, rappresenta un importante passo in avanti verso la digitalizzazione completa dei processi di appalto.

Tuttavia, secondo il presidente dell’Anac, Giuseppe Busia, non bisogna trascurare l’importanza di equilibrare la rapidità e la semplificazione con i principi fondamentali come la trasparenza, la controllabilità e la libera concorrenza.

Secondo Busia, il nuovo Codice degli Appalti rappresenta un passo avanti nel processo di digitalizzazione dei processi di appalto pubblico. L’intera gestione degli appalti diventerà digitale, garantendo l’estensione del digitale a tutto il ciclo di vita del contratto.

“Bene l’impulso alla digitalizzazione degli appalti del nuovo Codice. Attenzione, però, a spostare l’attenzione solo sul ‘fare in fretta’, che non può mai perdere di vista il ‘fare bene’. Semplificazione e rapidità sono valori importanti, ma non possono andare a discapito di principi altrettanto importanti come trasparenza, controllabilità e libera concorrenza, che nel nuovo Codice non hanno trovato tutta l’attenzione necessaria, specie in una fase del Paese in cui stanno affluendo ingenti risorse europee”

Questo porterà a una maggiore trasparenza e controllabilità, in quanto tutte le informazioni e le attività relative all’appalto dovranno passare attraverso piattaforme telematiche interoperabili e confluiranno sul portale dell’Autorità, con l’acquisizione diretta dei dati.

Il rafforzamento della vigilanza collaborativa

Il nuovo Codice prevede un rafforzamento della “vigilanza collaborativa“, uno dei più efficaci strumenti di prevenzione che consente ad Anac di intervenire con tempestività e garanzia della legalità nelle procedure di aggiudicazione. Le Pubbliche amministrazioni che vi aderiscono sottopongono in via preventiva gli atti di gara all’Autorità, che in tempi brevissimi fornisce osservazioni e consigli, favorendo la deflazione del contenzioso.

Nonostante questi aspetti positivi, Busia ha sollevato alcune preoccupazioni. Ad esempio, ha espresso dubbi sulla riduzione della trasparenza e della pubblicità delle procedure, principi che sono fondamentali per garantire una migliore partecipazione delle imprese e tutelare i diritti di tutti i soggetti coinvolti.

Busia ha evidenziato come le soglie troppo elevate per gli affidamenti diretti e le procedure negoziate rendano meno contendibili e controllabili gli appalti di minori dimensioni, che sono numericamente i più significativi.

Le procedure sotto i 150.000 euro possono comportare il rischio di scelta dell’impresa più vicina, piuttosto che quella che si comporta meglio. Ciò potrebbe portare a una scelta inappropriata dell’impresa, soprattutto nei piccoli centri.

“sotto i 150.000 euro si dà mano libera, si dice non consultate il mercato, scegliete l’impresa che volete, il che vuol dire che si prenderà l’impresa più vicina, quella che conosco, non quella che si comporta meglio” prosegue “Sotto i 150.000 euro va benissimo il cugino o anche chi mi ha votato e questo è un problema, soprattutto nei piccoli centri”;

Conclusione

In sintesi, il nuovo Codice degli Appalti rappresenta un importante passo in avanti verso la digitalizzazione completa dei processi di appalto, ma è importante equilibrare la rapidità e la semplificazione con i principi fondamentali come la trasparenza, la controllabilità e la libera concorrenza.

Busia sottolinea come la digitalizzazione non deve essere vista solo come un modo per semplificare i processi di appalto, ma anche come un modo per aumentare la trasparenza e la controllabilità, in modo da garantire che i soldi pubblici vengano spesi in modo corretto. Inoltre, il nuovo Codice prevede un rafforzamento della vigilanza collaborativa, che è un importante strumento di prevenzione contro la corruzione e la illegalità.

Tuttavia, Busia ha sollevato alcune preoccupazioni riguardo alla riduzione della trasparenza e della pubblicità delle procedure, alle soglie troppo elevate per gli affidamenti diretti e le procedure negoziate, e alla possibilità di scelta dell’impresa più vicina nelle procedure sotto i 150.000 euro.

Richiedi informazioni per Appalti, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?

Pulizie in condominio: chi paga i contributi INPS in caso di appalto?

03/05/2024 11:14 - La Cassazione chiarisce la responsabilità solidale dei condomini negli appalti, enfatizzando l'importanza della verifica della regolarità contributiva delle imprese per prevenire rischi legali.
Nuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novitàNuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novità

Nuovo codice appalti (dlgs 36/2023): le novità

14/07/2023 14:16 - Il 31 marzo 2023 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo codice degli [..]
L'entrata in vigore del Nuovo Codice AppaltiL'entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti

L'entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti

03/07/2023 08:06 - Dal 1° luglio 2023, il panorama delle gare d'appalto italiane è stato stravolto [..]
TAGS: anac, appalti, codice appalti, Giuseppe Busia, nuovo Codice Appalti

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!