Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Tasse e Imposte » Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamentoSaldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento
Ultimo Aggiornamento:

Oggi 18 marzo 2024 é una data cruciale per i contribuenti italiani: è il termine ultimo per il versamento dell’IVA 2023. Quest’anno, grazie a nuove opzioni di pagamento e adempimenti semplificati introdotti dal decreto Adempimenti, gestire questo obbligo fiscale potrebbe risultare meno arduo.

Dall’unica soluzione alla rateizzazione, esploriamo insieme le scadenze e le strategie per affrontare al meglio questo appuntamento fiscale, evitando sanzioni e ottimizzando i pagamenti.

Dettagli importo e dichiarazione: navigare tra le scadenze

Determinare l’importo da versare è un passo fondamentale nella gestione dell’IVA. Superata la soglia minima di 10,33 euro, la dichiarazione annuale diventa la bussola per i contribuenti.

Attraverso il modello “Dichiarazione IVA 2024”, in particolare il quadro VL, si definiscono le operazioni essenziali: dalla liquidazione dell’imposta annuale alla gestione di crediti e debiti. Questo documento, suddiviso in tre sezioni dettagliate, serve non solo a calcolare l’imposta dovuta ma anche a regolare i crediti precedenti e a richiedere eventuali rimborsi.

Con la scadenza del 30 aprile 2024 per la presentazione, i contribuenti hanno un margine temporale per organizzare al meglio le proprie finanze, facendo fronte agli obblighi fiscali con la massima precisione.

Opzioni di pagamento: versamento unico o rateizzazione

Per i contribuenti che desiderano massimizzare la flessibilità nella gestione del pagamento IVA, esistono due strade principali: il versamento in unica soluzione entro il 18 marzo 2024 o la rateizzazione dell’imposta. Chi opta per la rateizzazione può approfittare della recente proroga che sposta l’ultimo versamento al 16 dicembre, distribuendo l’onere fiscale in modo più gestibile nel corso dell’anno.

Il saldo IVA può essere altresì saldato in modalità differita, sfruttando la scadenza del 1° luglio 2024. Quest’opzione prevede una maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi per i mesi successivi alla scadenza ordinaria del 18 marzo.

In caso di rateizzazione, il primo pagamento deve avvenire entro il 18 marzo, con le rate successive fissate non oltre il giorno 16 di ogni mese, applicando un interesse dello 0,33% mensile. Questo approccio consente una gestione del flusso di cassa più equilibrata, adattandosi alle esigenze di liquidità dei contribuenti.

Il decreto Adempimenti: semplificazioni e nuove opportunità

L’introduzione del decreto Adempimenti (Dlgs n. 1/2024) ha apportato significative novità nel panorama fiscale, offrendo ai contribuenti ulteriori strumenti per una gestione più agile dell’IVA. Una delle modifiche più rilevanti riguarda la possibilità di rateizzare l’imposta dovuta senza necessità di una preventiva opzione in sede dichiarativa, rendendo più accessibile questa modalità a un maggior numero di contribuenti.

Inoltre, a partire dalle liquidazioni periodiche IVA del 2024, il decreto prevede l’innalzamento a 100 euro del limite minimo per il versamento dell’imposta, rispetto ai precedenti 25,82 euro. Questo significa che per importi inferiori a 100 euro, il versamento dell’IVA può essere rimandato e accorpato a quello del periodo successivo, facilitando la gestione dei pagamenti minori e riducendo le incombenze burocratiche per le piccole imprese e i professionisti.

Infine, la rateizzazione dell’imposta dovuta ammonta ora a un massimo di dieci rate, con l’ultima scadenza fissata per il 16 dicembre, offrendo così una maggiore flessibilità nel piano di rientro.

Queste modifiche, insieme ad altre semplificazioni previste dal decreto, mirano a rendere il sistema fiscale più adeguato alle esigenze dei contribuenti, alleggerendo il carico amministrativo e favorendo la compliance.

Richiedi informazioni per Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un regime fiscale alternativo all'IRPEF per gli affitti, con aliquote del 21%, 10% e 26% per locazioni brevi, offrendo vantaggi come l'esenzione da altre tasse.
IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

26/03/2024 11:52 - L'IMU, imposta municipale sugli immobili, si applica con regole specifiche, [..]
TAGS: iva, scadenza IVA, versamento IVA, versare IVA

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!