Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Piano Salva-Casa: Salvini propone la soluzione per le irregolarità domestiche, un mini condono?

Piano Salva-Casa: Salvini propone la soluzione per le irregolarità domestiche, un mini condono?

Piano Salva-Casa: Salvini propone la soluzione per le irregolarità domestiche, un mini condono?Piano Salva-Casa: Salvini propone la soluzione per le irregolarità domestiche, un mini condono?
Ultimo Aggiornamento:

Nel recente discorso durante la presentazione del suo libro “Controvento”, Matteo Salvini ha annunciato un’iniziativa che potrebbe avere un impatto considerevole sul panorama immobiliare italiano.

Conosciuto come il piano “Salva-Casa“, questo provvedimento mira a regolarizzare le piccole difformità strutturali interne presenti in quasi l’80% delle abitazioni italiane, secondo studi del Consiglio nazionale degli ingegneri. Queste irregolarità, che spesso derivano da incertezze interpretative o modifiche minori effettuate dai proprietari, come tramezzi o soppalchi, sono state finora difficili da sanare a causa della rigida normativa della “doppia conforme”.

Salvini propone di semplificare questi processi, non solo per aiutare i cittadini a regolarizzare la loro situazione, ma anche per alleggerire il carico di lavoro degli uffici tecnici comunali.

Il provvedimento sarà presentato in Consiglio dei ministri entro maggio, con la speranza di ottenere il sostegno non solo del partito di Salvini, ma anche di altri membri del governo, nonostante le riserve espresse dalla premier Giorgia Meloni.

Approfondisci: Salva-Casa: il piano di Salvini per regolarizzare case con piccole difformità

Misure dettagliate del mini condono edilizio

Il mini condono edilizio si concentrerebbe su diversi aspetti chiave per facilitare la regolarizzazione di irregolarità minori nelle abitazioni. Una delle principali novità proposte riguarda la possibilità di regolarizzare planimetrie che non corrispondono allo stato attuale degli spazi interni di un immobile.

Ciò sarà particolarmente utile per coloro che hanno acquistato una casa basandosi su planimetrie inesatte, permettendo loro di adeguare ufficialmente la documentazione senza penalità, purché non vi siano danni a terzi.

Leggi anche: Cosa succede se si compra una casa con abuso edilizio?

Un altro punto focale del provvedimento è l’attenzione verso le abitazioni costruite prima degli anni ’60, che spesso mancano di documentazione adeguata riguardante il loro stato legittimo. Con il nuovo piano, anche queste proprietà potrebbero essere regolarizzate, facilitando così interventi di ristrutturazione o la vendita delle stesse.

Inoltre, si propone l’eliminazione della cosiddetta “doppia conformità”. Attualmente, per sanare difformità realizzate senza permessi adeguati, è necessario dimostrare che l’intervento è conforme sia alle norme in vigore al momento della realizzazione sia a quelle attuali. La proposta di Salvini permetterebbe la sanatoria basandosi sulla conformità in uno dei due momenti, semplificando significativamente il processo per migliaia di pratiche.

Infine, per quanto riguarda la dichiarazione dello stato legittimo degli immobili costruiti prima del 1967, il piano prevede che lo stato di fatto possa essere riconosciuto come legittimo, eliminando la necessità di ulteriori permessi edilizi, ma con il limite di non condonare abusi evidenti.

Queste misure mirano a ridurre significativamente i costi e i tempi associati alla regolarizzazione delle difformità edilizie, pur mantenendo un certo livello di controllo per evitare l’abuso della normativa.

Mini condono edilizio non sarà un incentivo all’abusivismo edilizio

Il mini condono edilizio, sebbene proposto come soluzione per facilitare la regolarizzazione di piccole irregolarità, non è esente da critiche e sfide.

Una delle principali preoccupazioni è legata alla possibilità che tale misura possa essere interpretata come un incentivo per non rispettare le normative edilizie in futuro, dato che i proprietari potrebbero aspettarsi nuovi condoni in seguito.

Inoltre, il rischio che la sanatoria di piccole irregolarità possa aprire la porta a condoni più estesi è un tema caldo che potrebbe generare controversie politiche e sociali.

Leggi anche: Terzo condono edilizio: l’ultima occasione per regolarizzare?

Un altro aspetto critico è legato all’impatto sulle finanze comunali. Mentre il piano prevede di alleggerire il carico di lavoro degli uffici tecnici con procedure semplificate, i comuni potrebbero perdere entrate significative provenienti dalle sanzioni per irregolarità edilizie, che spesso rappresentano una parte non trascurabile del loro bilancio.

Questa perdita potrebbe necessitare di compensazioni attraverso altre forme di tassazione o tagli ai servizi.

Richiedi informazioni per Abuso edilizio, Casa, Condono Edilizio, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redigePiano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

11/06/2024 10:12 - L'amianto, un tempo usato comunemente nelle costruzioni italiane, ora richiede un dettagliato piano di bonifica per la rimozione, seguendo i criteri del Decreto Legislativo 81/2008, per proteggere salute e ambiente.
Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

10/06/2024 10:38 - Il recente decreto "Salva casa" introduce una serie di novità significative per i [..]
Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoriaPatente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

10/06/2024 08:26 - E' in vigore dallo scorso 1 maggio la patente a punti per i cantieri. Si tratta di [..]
20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

08/06/2024 12:06 - Il governo italiano ha stanziato 20 milioni di euro per migliorare la sicurezza [..]
Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un [..]
TAGS: abusi, abusi edilizi, burocrazia edilizia, condono, difformità strutturali, Matteo Salvini, mini condono, mini condono edilizio, normative edilizie, regolarizzazione immobili, Salvini, sanatoria, urbanistica

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!