Mutui Prima Casa: stop anche per morosi

blocco mutui morosi
Condividi!

Arriva direttamente dalla Consap la notizia che ci informa della sospensione dei Mutui sulla Prima Casa, anche per i cittadini che si trovano in stato di mora con i pagamenti.

Si accetta una validità massima dell’irregolarità fino ai 90 giorni precedenti all’entrata in vigore della sospensione dei mutui sulla prima casa.

Approfondiamo di seguito.

Mutui Prima Casa: requisiti per sospensione

È avvenuto quindi un potenziamento del “Fondo Gasparini”, che dal 2010 si occupa di finanziare la sospensione delle rate dei mutui sulla prima casa ai cittadini in stato di difficoltà.

Consap comunica che i requisiti che il cittadino deve avere per poter richiedere la sospensione sono i seguenti:

  • Avere un immobile adibito come Prima Casa;
  • Essere titolare di un contratto di mutuo per acquistare la suddetta abitazione, il cui valore non deve superare i 250 mila euro;
  • Il mutuo deve essere in ammortamento da minimo 1 anno dalla data di presentazione della richiesta di sospensione;

Se il cittadino si trova in stato di mora con il pagamento delle rate, sarà accettata la sospensione solo per morosi fino a massimo 3 mesi (90 giorni) di arretrato.

Nel caso in cui invece il mutuo non sia intestato ad un solo soggetto, ma risulti cointestato, è sufficiente che uno solo dei titolari possieda i requisiti specificati sopra. Inoltre, il mutuatario che si occupa si sottoscrivere la domanda per chiedere la sospensione del pagamento del mutui prima casa, può dichiarare di agire anche per conto di uno o degli altri contestatari. Nel caso questi siano impossibilitati a sottoscrivere la domanda a causa dell’emergenza Coronavirus. Ovviamente, il soggetto si prende piena responsabilità di quanto dichiara.

Le tempistiche

Per quanto riguarda i tempi di approvazione delle domande, Consap afferma che il tutto dovrebbe avvenire in pochissimo tempo.

Nel momento in cui la richiesta viene approvata, la banca attiverà la sospensione del mutui sulla prima casa entro 30 giorni lavorativi.

Se si tratta di mutui cartolarizzati o oggetto di obbligazioni bancarie, potrebbero essere necessari fino a 45 giorni lavorativi.