Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Il Superbonus: dal 110% al 90%, le modifiche del 2023

Il Superbonus: dal 110% al 90%, le modifiche del 2023

Il Superbonus: dal 110% al 90%, le modifiche del 2023Il Superbonus: dal 110% al 90%, le modifiche del 2023
Ultimo Aggiornamento:

Il Superbonus, un’agevolazione fiscale per il settore edilizio, sarà ancora disponibile nel 2023, ma con alcune modifiche significative.

Il Superbonus è un’agevolazione fiscale prevista dalla legge di Bilancio per il 2021 e successivamente prorogata fino al 2023, con l’obiettivo di promuovere la riqualificazione energetica e sismica degli edifici.

Il Governo ha apportato alcune modifiche significative al meccanismo, al fine di tener conto delle criticità emerse in precedenza e di garantirne la sostenibilità per le finanze pubbliche.

In occasione dell’inizio dell’anno, è opportuno fare il punto sui principali cambiamenti apportati al Superbonus 2023, come previsto dalla legge di Bilancio recentemente approvata e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

Le modifiche al Superbonus

Una delle principali novità per il Superbonus nel 2023 è la riduzione della detrazione fiscale massima prevista dal decreto Rilancio. Infatti, a partire da quest’anno, la detrazione calerà dal 110% al 90%.

Leggi anche: Superbonus 90%: La guida per il 2023, cosa cambierà e per chi

Il Governo aveva già annunciato in precedenza questa intenzione di ridurre l’agevolazione Superbonus, al fine di concentrare le risorse su altre misure, in particolare per affrontare la crisi energetica. La riduzione della detrazione sarà valida per la maggior parte dei casi di utilizzo del Superbonus, con una decurtazione del 20% come previsto nel decreto Aiuti quater.

L’approvazione finale del provvedimento è attesa entro il 17 gennaio.

L’accesso al Superbonus 90%

i condomini e le villette unifamiliari potranno usufruire del Superbonus, che però avrà una detrazione ridotta al 90%. Tuttavia, sono state introdotte delle regole più stringenti che limitano l’applicabilità dell’agevolazione.

In particolare, per le opere edilizie iniziate dal 1° gennaio 2023, la detrazione al 90% sarà assegnata solo per le spese effettuate entro il 31 dicembre 2023, a condizione che:

  • l’unità immobiliare sia utilizzata come abitazione principale;
  • il contribuente abbia un reddito di riferimento non superiore a 15.000 euro.

Ciò significa che l’ambito di applicazione del Superbonus 2023 sarà più ristretto rispetto al passato. Tuttavia, i proprietari di villette unifamiliari che abbiano completato almeno il 30% dei lavori entro il 30 settembre 2022 potranno ancora beneficiare della detrazione massima del 110%. Tali contribuenti hanno tempo fino al 31 marzo 2023 per completare i lavori.

L’Accesso al Superbonus 110%

La Legge di Bilancio 2023 ha modificato il sistema di eccezioni previsto dall’articolo 9, comma 2 del decreto Aiuti-quater, che consentiva l’utilizzo del Superbonus con una detrazione del 110% anche sulle spese sostenute nel 2023.

In particolare, il Superbonus con aliquota del 110% sarà utilizzabile nel 2023 per:

  • le persone fisiche, che non esercitano attività di impresa, arte o professione, proprietarie o comproprietarie di edifici da 2 a 4 unità immobiliari autonomamente accatastate, che hanno presentato la CILAS (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata) entro il 25 dicembre 2022;
  • i condomini o assimilati che:
    • entro il 18 novembre 2022 hanno deliberato l’approvazione dell’esecuzione dei lavori e entro il 31 dicembre 2022 hanno presentato la CILAS;
    • tra il 19 e il 24 novembre 2022 hanno deliberato l’approvazione dell’esecuzione dei lavori e entro il 25 novembre 2022 hanno presentato la CILAS;
  • gli interventi di demolizione e ricostruzione per i quali è stata presentata istanza per l’acquisizione del titolo entro il 31 dicembre 2022.

La data di approvazione della delibera di esecuzione dei lavori può essere confermata tramite una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà rilasciata ai sensi dell’articolo 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

Tale dichiarazione può essere rilasciata:

  • dall’amministratore del condominio;
  • dal condomino che ha presieduto l’assemblea, nel caso in cui non vi sia l’obbligo di nominare un amministratore e i condomini non l’abbiano fatto.

Leggi anche: Superbonus: CILAS proroga fissata al 31 Dicembre 2022

Ricapitolando:

Per quanto riguarda l’accesso al Superbonus al 110%, i condomini potranno beneficiarne a condizione che la CILAS (comunicazione di inizio lavori asseverata) sia stata presentata entro il 31 dicembre dell’anno precedente e che la delibera assembleare per l’approvazione dei lavori sia stata approvata entro il 18 novembre 2022.

Per le villette unifamiliari, sarà possibile beneficiare del Superbonus se i lavori sono già iniziati e rientrano nell’agevolazione, se il 30% dei lavori è stato completato entro il 30 settembre dell’anno precedente e se i lavori saranno ultimati entro il 31 marzo di quest’anno.

Le novità sulla Cessione del Credito

Ci sono anche alcune novità per quanto riguarda la cessione del credito relativo alle agevolazioni fiscali per l’edilizia.

Il decreto Aiuti quater prevede la possibilità di utilizzare i crediti oggetto di comunicazione all’Amministrazione finanziaria entro il 31 ottobre 2022 per un periodo di dieci anni. Inoltre, il Superbonus 2023 introduce un ulteriore passaggio per gli istituti di credito e gli intermediari, ma solo a favore di soggetti qualificati.

Leggi anche Superbonus 110%: Cessione del Credito a dipendente, cosa sapere

Questa iniziativa mira a facilitare gli scambi incrociati tra gli istituti, consentendo loro di trasferire il credito a altre banche, gruppi bancari o intermediari finanziari.

Infine, è importante ricordare che entro il 16 marzo 2023 dovranno essere presentate le comunicazioni relative alle opzioni di utilizzo del credito per le spese sostenute nel 2022, sia attraverso la cessione del credito che attraverso lo sconto in fattura.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

22/05/2024 13:03 - La responsabilità del pagamento dell’amministratore di condominio spetta generalmente ai proprietari delle unità immobiliari, salvo accordi specifici con l’inquilino.
Computo metrico estimativo: cos’è e come si faComputo metrico estimativo: cos’è e come si fa

Computo metrico estimativo: cos’è e come si fa

20/05/2024 08:15 - Il computo metrico estimativo è un documento di fondamentale importanza, in quanto [..]
TAGS: Superbonus, Superbonus 110%, superbonus 90%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!