Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Frodi nei bonus edilizi: come i Comuni potranno fare la differenza?

Frodi nei bonus edilizi: come i Comuni potranno fare la differenza?

Frodi nei bonus edilizi: come i Comuni potranno fare la differenza?Frodi nei bonus edilizi: come i Comuni potranno fare la differenza?
Ultimo Aggiornamento:

Il recente dibattito sul Superbonus 110% e altre agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia ha portato al centro dell’attenzione la proposta di coinvolgere più attivamente i Comuni nei controlli contro le frodi e le irregolarità.

La proposta, discussa attualmente nella commissione Finanze al Senato, punta a estendere le verifiche anche ad altri bonus, come quello per le barriere architettoniche, rivelando una crescente preoccupazione per la correttezza nell’applicazione di tali incentivi.

Leggi anche: Superbonus 2024: verso una detrazione estesa e controlli da parte dei Comuni

Una soluzione di questo tipo mira a intensificare la lotta alle attività fraudolente e a ottimizzare l’uso delle risorse pubbliche, ma solleva questioni importanti su efficacia e possibili complicazioni.

Il ruolo dei Comuni e le nuove misure proposte

La proposta avanzata prevede un’intensificazione dei controlli con un ruolo rafforzato dei sindaci, coinvolgendoli direttamente nel contrasto alle frodi legate all’indebita percezione di detrazioni fiscali. In particolare, il testo dell’emendamento suggerisce che i Comuni non solo monitorino l’uso del superbonus, ma anche le altre misure fiscali a rischio, come il bonus barriere architettoniche.

Leggi anche: Bonus edilizi: frodi per 15 miliardi di euro

L’idea è di sfruttare la vicinanza delle amministrazioni locali al territorio per una verifica più efficace e capillare, affrontando direttamente le violazioni che finora hanno messo a rischio significative somme di denaro pubblico.

Inoltre, il piano include potenziali approfondimenti tecnici sugli interventi edilizi, con l’obiettivo di identificare e sanzionare le operazioni non conformi alle normative vigenti. Ciò segna un passo importante verso un controllo più stringente e una maggiore trasparenza nelle operazioni di ristrutturazione edilizia che beneficiano di incentivi statali.

Nonostante l’intento positivo, l’implementazione delle nuove misure di controllo non è priva di sfide.

Le amministrazioni locali, già sotto pressione a causa degli obblighi derivanti dagli appalti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), potrebbero trovarsi in difficoltà a gestire ulteriori compiti. I limiti di risorse umane e tecniche sono significativi, soprattutto nei piccoli Comuni dove i legami stretti tra amministratori e cittadini potrebbero anche influenzare l’efficacia dei controlli.

Inoltre, l’esperienza passata mostra che i meccanismi di compartecipazione ai gettiti recuperati non hanno sempre prodotto i risultati sperati.

Nonostante il meccanismo simile previsto per le agevolazioni abitative, le segnalazioni di evasione rimangono relativamente basse, con alcune aree geografiche quasi completamente assenti da questa pratica. Questo solleva questioni sulla realistica applicabilità del nuovo piano e sulla sua capacità di garantire un impatto concreto nella lotta contro le frodi.

Richiedi informazioni per Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta
TAGS: bonus barriere architettoniche, controlli comunali, efficacia amministrativa., frodi edilizie, incentivi fiscali, normativa edilizia, ristrutturazione, Superbonus, trasparenza finanziaria

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!