Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » DL Superbonus: approvazione della Camera e passaggio al Senato

DL Superbonus: approvazione della Camera e passaggio al Senato

DL Superbonus: approvazione della Camera e passaggio al SenatoDL Superbonus: approvazione della Camera e passaggio al Senato
Ultimo Aggiornamento:

Il decreto Superbonus ha superato un’importante fase legislativa con l’approvazione della Camera dei deputati. Con 140 voti favorevoli, 92 contrari e 15 astenuti, il provvedimento si avvia ora verso il Senato, dove è atteso in Aula il 20 febbraio.

Durante l’esame a Montecitorio e in Commissione Finanze, non sono state accolte proposte di modifica da parte delle opposizioni, mantenendo il testo originale approvato dal Consiglio dei ministri a dicembre.

Leggi anche: Superbonus 110%: governo conferma lo stop alla proroga

Questo articolo esamina le implicazioni principali del decreto e le modifiche proposte.

Il testo approvato dalla Camera

Il testo del decreto è rimasto invariato rispetto a quello approvato dal Consiglio dei ministri. Il governo, in linea con la sua posizione, cerca di limitare le possibilità di riapertura per i lavori già iniziati con il bonus al 110%, sebbene siano previste alcune eccezioni.

Nonostante le proposte avanzate da Ance e altri membri delle opposizioni, la direzione presa è chiara.

Leggi anche: Superbonus: SAL Straordinario o proroga per salvare 40mila cantieri incompiuti

Il decreto mira a concludere l’esperienza dell’agevolazione con l’aliquota al 110% e al 90%, passando al 70% per i lavori che devono ancora iniziare.

Un aspetto rilevante del provvedimento è l’istituzione di un contributo, riservato ai redditi sotto i 15mila euro, per le spese sostenute da gennaio al 31 ottobre 2024. I lavori devono aver raggiunto il 60% di completamento entro il 31 dicembre 2023, con i criteri di erogazione definiti dal Ministero dell’Economia entro il 28 febbraio, disponendo di 16,4 miliardi di euro.

Approfondisci: Superbonus: come richiedere il contributo a fondo perduto

Un altro punto di interesse è l’intervento sul rischio di contenziosi per i cantieri aperti. Le detrazioni per i lavori che al 31 dicembre 2023 avevano optato per lo sconto in fattura o la cessione di credito, non saranno soggette a recupero da parte del Fisco se non completati, purché siano arrivati almeno al 60% di avanzamento.

Inoltre, non sarà necessario restituire le somme relative agli stati di avanzamento dei lavori se, entro il 31 dicembre 2023, non si è riusciti a completare il salto di due classi energetiche richiesto.

Il decreto ha anche modificato l’ambito di applicazione del bonus per le barriere architettoniche. La detrazione del 75% è ora limitata a interventi su scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici in edifici esistenti, escludendo porte, infissi e altri elementi precedentemente coperti fino al 2023.

Leggi anche: Bonus Barriere Architettoniche 2024: la guida facile e completa

Infine, il decreto stabilisce che dal 1° gennaio 2024, salvo eccezioni specifiche, non sarà più possibile utilizzare lo sconto in fattura o la cessione del credito.

Questa fase dell’approvazione del DL Superbonus segna un momento decisivo nella politica di incentivi per la ristrutturazione edilizia e l’efficienza energetica in Italia. Mentre il provvedimento si avvia al Senato, restano da valutare le implicazioni per i cittadini e le imprese del settore.

Richiedi informazioni per Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redigePiano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

11/06/2024 10:12 - L'amianto, un tempo usato comunemente nelle costruzioni italiane, ora richiede un dettagliato piano di bonifica per la rimozione, seguendo i criteri del Decreto Legislativo 81/2008, per proteggere salute e ambiente.
Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

10/06/2024 10:38 - Il recente decreto "Salva casa" introduce una serie di novità significative per i [..]
Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoriaPatente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

10/06/2024 08:26 - E' in vigore dallo scorso 1 maggio la patente a punti per i cantieri. Si tratta di [..]
20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

08/06/2024 12:06 - Il governo italiano ha stanziato 20 milioni di euro per migliorare la sicurezza [..]
Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un [..]
TAGS: dl Superbonus, Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!