Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Crescita dell’Edilizia Residenziale e Non Residenziale nel Quarto Trimestre 2022

Crescita dell’Edilizia Residenziale e Non Residenziale nel Quarto Trimestre 2022

Crescita dell’Edilizia Residenziale e Non Residenziale nel Quarto Trimestre 2022Crescita dell’Edilizia Residenziale e Non Residenziale nel Quarto Trimestre 2022
Ultimo Aggiornamento:

Nel quarto trimestre 2022, il comparto edilizio ha mostrato una crescita congiunturale dello 0,4% per il numero di abitazioni e dello 0,7% per la superficie utile abitabile nel settore residenziale.

Parallelamente, l’edilizia non residenziale ha registrato un aumento del 4,0% rispetto al trimestre precedente. La stima del numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali è pari a 13,90 mila unità, con una superficie utile abitabile di circa 1,24 milioni di metri quadrati e una superficie non residenziale di quasi 2,60 milioni di metri quadrati.

Andamento del settore residenziale nel Quarto Trimestre 2022

Il settore residenziale nel quarto trimestre 2022 ha evidenziato una diminuzione sia per il numero di abitazioni (-10,7%) sia per la superficie utile abitabile (-8,1%), rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Questo dato è in contrasto con la crescita congiunturale registrata nel trimestre, e può essere attribuito ad un andamento altalenante del settore nel corso dell’anno, con un forte calo nel terzo trimestre.

Sviluppi nel settore Non Residenziale nel quarto trimestre 2022

In termini tendenziali, la superficie dei fabbricati non residenziali nel quarto trimestre 2022 ha registrato una crescita del 16,1%. Il settore non residenziale, dopo una forte crescita nel primo trimestre, ha mostrato flessioni nella parte centrale dell’anno e una ripresa negli ultimi tre mesi.

La crescita del settore non residenziale è risultata più robusta rispetto al comparto residenziale, sebbene anch’essa in rallentamento rispetto all’incremento del 2021.

Bilancio dell’Anno 2022: Crescita modesta del comparto residenziale e settore non residenziale

I dati preliminari relativi al complesso del 2022 evidenziano una crescita modesta del comparto residenziale, dopo il forte aumento registrato l’anno precedente. La crescita del settore non residenziale è risultata più robusta, tuttavia in rallentamento rispetto all’incremento del 2021.

Fattori che hanno influenzato l’andamento

Svariati fattori hanno influito sull’andamento del settore edilizio nel 2022, tra cui:

  1. Le politiche di incentivi governativi: Gli incentivi fiscali e finanziari introdotti dal governo hanno stimolato l’edilizia sia residenziale che non residenziale.
  2. La domanda di spazi abitativi e non residenziali: L’aumento della domanda di spazi abitativi e non residenziali ha avuto un impatto significativo sull’espansione del settore edilizio nel 2022.
  3. Le fluttuazioni economiche: Le incertezze economiche a livello globale e nazionale hanno influito sull’andamento dell’edilizia, influenzando sia gli investimenti che la domanda nel settore.
  4. Il prezzo delle materie prime: La dinamica dei prezzi delle materie prime, come acciaio, cemento e legname, ha inciso sulla crescita del settore edilizio, determinando variazioni nei costi di costruzione.

Approfondisci: PERMESSI DI COSTRUIRE: IV TRIMESTRE 2022 – I dati Istat

Prospettive per il 2023: Cosa ci riserva il futuro?

Il settore edilizio italiano si appresta ad affrontare nuove sfide nel 2023. Di seguito, alcune previsioni e prospettive per il prossimo anno:

  1. La sostenibilità ambientale: La crescente attenzione alla sostenibilità e all’efficienza energetica porterà a un’evoluzione del settore edilizio, con la promozione di soluzioni costruttive più ecocompatibili e rispettose dell’ambiente.
  2. Le innovazioni tecnologiche: L’adozione di nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale, la robotica e la stampa 3D, potrebbe rivoluzionare il modo in cui vengono progettati e costruiti gli edifici, migliorando l’efficienza e riducendo i costi.
  3. L’urbanizzazione e il cambiamento demografico: L’aumento dell’urbanizzazione e il cambiamento demografico, con una popolazione sempre più anziana, influenzeranno la domanda di nuove abitazioni e infrastrutture, richiedendo soluzioni abitative innovative e adatte alle esigenze di una popolazione diversificata.

Conclusioni: Bilancio e prospettive per il settore edilizio italiano

In sintesi, nel quarto trimestre 2022 il settore edilizio italiano ha mostrato una crescita congiunturale nel comparto residenziale e un incremento più robusto nel settore non residenziale. L’andamento altalenante del settore residenziale e la ripresa del settore non residenziale sono stati influenzati da diversi fattori, tra cui politiche di incentivi, domanda di spazi abitativi e non residenziali, fluttuazioni economiche e prezzi delle materie prime.

Le prospettive per il 2023 evidenziano l’importanza della sostenibilità ambientale, dell’innovazione tecnologica e delle dinamiche demografiche nel plasmare il futuro del settore edilizio italiano. Per affrontare le sfide emergenti, il settore dovrà continuare a evolversi, adottando soluzioni costruttive più sostenibili, efficienti e innovative.

Richiedi informazioni per Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Fotovoltaico per uso commerciale: ammesso al Bonus Ristrutturazione?Fotovoltaico per uso commerciale: ammesso al Bonus Ristrutturazione?

Fotovoltaico per uso commerciale: ammesso al Bonus Ristrutturazione?

27/09/2023 14:15 - Il Bonus Ristrutturazione concede dunque l’installazione dell’impianto fotovoltaico per uso commerciale? Scopriamolo in questo articolo!
Montascale: la guida completa per una mobilità senza barriereMontascale: la guida completa per una mobilità senza barriere

Montascale: la guida completa per una mobilità senza barriere

27/09/2023 12:47 - I montascale rappresentano una soluzione fondamentale per garantire la mobilità e [..]
Superbonus e i conti pubblici: nasce l'idea scambio crediti - BtpSuperbonus e i conti pubblici: nasce l'idea scambio crediti - Btp

Superbonus e i conti pubblici: nasce l'idea scambio crediti - Btp

27/09/2023 10:00 - L'Italia si trova di [..]
Dichiarazione IMU: scadenza al 28 settembre, per chi è obbligatoria?Dichiarazione IMU: scadenza al 28 settembre, per chi è obbligatoria?

Dichiarazione IMU: scadenza al 28 settembre, per chi è obbligatoria?

26/09/2023 11:51 - La Dichiarazione IMU è [..]
TAGS: crescita edilizia, edilizia, istat

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!