Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Bonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggi

Bonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggi

Bonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggiBonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggi
Ultimo Aggiornamento:

Il governo italiano ha introdotto un’agevolazione fiscale significativa destinata a incentivare l’adozione di tecnologie avanzate per migliorare la qualità delle acque. Con l’ultimo giorno utile fissato per oggi 28 febbraio 2024, è fondamentale comprendere come accedere a questo importante beneficio e quali sono le sue potenzialità.

Questo articolo esplora il bonus acqua potabile, delineando procedure, termini e vantaggi per i contribuenti interessati.

Procedura di comunicazione e scadenza

Oggi 28 febbraio 2024 è una data importante per tutti coloro che intendono beneficiare del bonus acqua potabile per le spese sostenute nel corso del 2023. La procedura per accedere a questo incentivo è digitalizzata e intuitiva, grazie al servizio web offerto dall’Agenzia delle Entrate.

I contribuenti sono invitati a inviare, attraverso l’area riservata del sito dell’Agenzia, una comunicazione dettagliata degli acquisti effettuati nell’anno precedente. Dopo aver effettuato l’accesso, il percorso da seguire è semplice: basta navigare verso la sezione Servizi, selezionare Agevolazioni e infine Credito d’imposta dell’acqua potabile.

Leggi anche: Ultimi giorni per il Bonus Acqua Potabile: come ottenere fino a 5.000€

Questo processo online non solo facilita la trasmissione delle informazioni ma garantisce anche una gestione efficiente e tempestiva delle richieste.

Dettagli del Bonus acqua potabile

Il bonus acqua potabile rappresenta un’opportunità significativa per migliorare la qualità dell’acqua nelle abitazioni e nei locali commerciali, promuovendo al contempo la salute pubblica e l’ambiente.

Con uno sconto del 50% sulle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di dispositivi come sistemi di filtraggio, di mineralizzazione, di raffreddamento o di addizione di anidride carbonica, il governo intende incentivare l’adozione di soluzioni tecnologiche avanzate per la purificazione dell’acqua.

Quest’agevolazione è accessibile sia a persone fisiche, con un credito d’imposta fino a 1000 euro per immobile, sia agli esercenti attività d’impresa, arti e professioni, nonché agli enti non commerciali, con un tetto di 5000 euro per immobile.

Approfondisci: Bonus acqua potabile 2024: ecco quando e come fare domanda

La legge di Bilancio 2022 ha inoltre fissato un limite complessivo di 1,5 milioni di euro per gli acquisti effettuati nel 2023, sottolineando l’importanza di agire rapidamente per accedere a questo incentivo.

Modalità di utilizzo del credito d’imposta

Il credito d’imposta ottenuto tramite il bonus acqua potabile offre una flessibilità notevole nell’utilizzo, adeguandosi alle diverse esigenze dei beneficiari. Per le persone fisiche non titolari di attività d’impresa o lavoro autonomo, il credito può essere impiegato direttamente nella dichiarazione dei redditi, facilitando così la riduzione dell’imposta dovuta.

In alternativa, sia per le persone fisiche che per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni, così come per gli enti non commerciali, il credito d’imposta può essere utilizzato in compensazione tramite il modello F24.

Questa modalità garantisce una gestione efficiente delle imposte, permettendo ai beneficiari di ottenere un risparmio fiscale immediato e concreto, in linea con l’obiettivo di promuovere investimenti in tecnologie per l’acqua potabile che siano sia sostenibili che vantaggiose dal punto di vista economico.

Richiedi informazioni per Bonus, Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliareSuperbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

25/03/2024 09:32 - L'Agenzia delle Entrate intensifica la lotta all'evasione immobiliare con il Piano 2024-2026, mirando a una maggior trasparenza del patrimonio immobiliare italiano.
Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e [..]
TAGS: agevolazioni fiscali, bonus acqua potabile, credito d’imposta, Dichiarazione dei Redditi, modello F24, qualità dell'acqua, salute pubblica, sostenibilità ambientale, tecnologie per l'acqua

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!