Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Assegno unico: da Luglio stop agli arretrati

Assegno unico: da Luglio stop agli arretrati

Assegno unico: da Luglio stop agli arretratiAssegno unico: da Luglio stop agli arretrati
Ultimo Aggiornamento:

Il mese di luglio segna una svolta significativa per l’Assegno Unico, con importanti cambiamenti nella gestione degli arretrati e nelle modalità di calcolo. Scopriamo insieme cosa cambia e come queste modifiche potrebbero influenzare i beneficiari.

Cessazione dell’erogazione degli arretrati

Infatti, dal primo luglio, l’erogazione degli arretrati sarà interrotta a coloro che presenteranno la domanda a partire da ora. Questa decisione è la conseguenza della scadenza, alla fine del mese scorso, del termine ultimo per richiedere gli arretrati per il periodo da marzo a giugno. Pertanto, qualsiasi importo dovuto non sarà più riconosciuto e, per un numero limitato di beneficiari, non ci sarà modo di recuperare gli importi non percepiti.

Ricordiamo che è possibile ottenere l’assegno unico anche senza l’ISEE tuttavia, senza questo documento, viene concesso solo l’importo base. L’ISEE può essere inoltrato in un secondo momento, ma l’aggiustamento retroattivo delle rate mensili e il conseguente riconoscimento degli arretrati sono garantiti esclusivamente per coloro che hanno effettuato questa operazione entro il 30 giugno.

Leggi anche: ISEE 2023: come si calcola e quando serve

Implicazioni per le famiglie dal 1° Luglio

Dal 1° luglio, ha chiarito l’Inps, il contributo verrà ricalcolato soltanto per le mensilità accreditate successivamente. Questa interruzione degli arretrati riguarda un numero limitato di famiglie, soprattutto quest’anno, visto che l’Inps ha predisposto il rinnovo automatico dell’assegno tra febbraio e marzo per chi era già beneficiario.

Le famiglie coinvolte da questa modifica sono le seguenti:

  • coloro che, pur avendo figli a carico, non percepiscono il contributo poiché non hanno ancora presentato domanda;
  • coloro che non hanno ancora richiesto l’ISEE 2023 e quindi stanno percependo la quota minima dell’assegno unico;
  • coloro che sono in regola con domanda e Isee, ma potrebbero presentare un Isee corrente per aumentare l’importo dell’assegno unico.

Leggi anche: Assegno unico: occhio all’ISEE, le novità del 2023

Conguaglio dell’assegno unico di Giugno

Nel mese di giugno, si è verificato un evento significativo riguardante l’assegno unico: il maxi conguaglio. Quest’operazione di ricalcolo ha coinvolto un’estesa platea di beneficiari, precisamente più di 512.000 famiglie. Questo processo ha generato una distribuzione aggiuntiva di fondi che ammonta a circa 140 milioni di euro. Considerando la ripartizione di queste somme tra le famiglie coinvolte, il credito medio pro-capite è stato di 272 euro.

In parallelo a questa operazione, si è provveduto anche al recupero delle somme erogate in eccesso o senza le dovute ragioni, riportando quindi equilibrio nel sistema di distribuzione dei contributi.

Inoltre dal mese di giugno, una particolare attenzione è stata rivolta alle famiglie che vivono una condizione di monoparentalità o lutto. Per questi nuclei familiari con almeno un figlio minore orfano, è stato decretato un incremento dell’assegno unico fino a un massimo di 30 euro.

Questa misura, introdotta dal governo, intende fornire un supporto concreto a quei nuclei in cui uno dei genitori è deceduto o “nel caso in cui alla presentazione della domanda esista un solo genitore lavoratore e l’altro genitore sia deceduto“.

Questo beneficio sarà erogato per un periodo massimo di 5 anni successivi all’evento del decesso, rappresentando così un aiuto significativo per le famiglie che si trovano ad affrontare una situazione tanto difficile quanto dolorosa.

Concludendo, le modifiche recenti all’assegno unico portano con sé sia vantaggi che svantaggi per le famiglie italiane. Sebbene alcune famiglie possano essere colpite dalla cessazione dell’erogazione degli arretrati, altri gruppi di beneficiari potrebbero vedere un aumento del loro assegno a seguito delle recenti modifiche alla normativa.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Come installare una pergotenda senza violare le norme condominialiCome installare una pergotenda senza violare le norme condominiali

Come installare una pergotenda senza violare le norme condominiali

25/03/2024 12:01 - Installare una pergotenda in condominio migliora gli spazi esterni rispettando norme e convivenza. La giurisprudenza conferma: nessun permesso se non altera estetica o sicurezza dell'edificio.
Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliareSuperbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

25/03/2024 09:32 - L'Agenzia delle Entrate [..]
Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e [..]
TAGS: arretrati, assegno unico, isee

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!