Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » A Roma si anticipa l’accensione dei riscaldamenti: si comincia subito ma solo per 4 ore

A Roma si anticipa l’accensione dei riscaldamenti: si comincia subito ma solo per 4 ore

A Roma si anticipa l’accensione dei riscaldamenti: si comincia subito ma solo per 4 oreA Roma si anticipa l’accensione dei riscaldamenti: si comincia subito ma solo per 4 ore
Ultimo Aggiornamento:

In previsione di un calo delle temperature significativo, il Comune di Roma ha deciso di anticipare la possibilità di accendere i riscaldamenti a partire dal 14 Novembre, questo è stato reso noto dall’assessore all’ambiente, Sabrina Alfonsi, che ha spiegato che sarà possibile attivare gli impianti per un massimo di quattro ore giornaliere.

Solamente a partire dal prossimo 21 Novembre sarà possibile accendere i riscaldamenti fino a 10 ore al giorno comprese tra le 5 e le 23.00.

Secondo quanto contenuto nell’ordinanza n. 183 del 4.11.2022 emessa dal Comune di Roma, e consultabile qui, sarà possibile per i cittadini romani accendere il riscaldamento per quattro ore giornaliere a partire dal 14 novembre ma è sempre raccomandato l’uso coscienzioso e consapevole degli impianti, limitando gli sprechi.

Questa decisione è maturata a seguito delle previsioni riguardanti il calo delle temperature, attese tra i 5 e i 7 gradi e nell’ordinanza sono contenute le regole che i cittadini capitolini dovranno rispettare fino al prossimo 31 Marzo 2023.

Roma ricade nella zona climatica D

Nelle leggi nazionali che sanciscono i regolamenti in merito a periodo e orari di accensione degli impianti di riscaldamento, vengono classificate se hai diverse zone climatiche contraddistinte con lettere dalla A alla F che suddividono in fasce i comuni dal più caldo (lettera A) al più freddo (lettera F) in base alle temperature medie in gradi centigradi del comune.

Roma rientra nella zona climatica D e risulta quindi un comune mediamente freddo.

Le deroghe previste dall’ordinanza

Le regole dettate dall’ordinanza emessa dal Comune di Roma non valgono per edifici adibiti a cliniche, ospedali, case di cura, asili nido e scuole materne nonché stabili che ospitano organizzazioni internazionali e rappresentanze diplomatiche non in contesti di condominio.

Altra deroga concessa e la possibilità di mantenere acceso l’impianto oltre il limite giornaliero di dieci ore se l’impianto è centralizzato e di tipologia pompa di calore oppure a pannelli radianti incassati nella muratura.

Il quadro delle regole a livello nazionale

Per quanto riguarda la normativa nazionale, il Decreto Ministeriale n. 383 del 6 ottobre 2022, Piano nazionale contenimento dei consumi di gas nazionale, ha imposto la riduzione del periodo di accensione degli impianti di riscaldamento di ben quindici giorni e di un’ora sulla durata giornaliera dell’accensione.

La normativa stabilisce che gli impianti termici destinati al riscaldamento invernale possono essere attivati a partire dal 15 ottobre fino al 15 aprile per un minimo di sei ore fino ad un massimo di 14 ore durante la giornata, ad esclusione della zona climatica F nella quale non ci sono limitazioni in merito.

Il decreto ministeriale 383 ha ristretto questi limiti diminuendo il periodo annuale di esercizio e le ore giornaliere di accensione.

Comune di Roma: quali sono le regole

Gli abitanti della capitale, con l’ordinanza recentemente emessa dal comune, avranno la possibilità di accendere i riscaldamenti e far fronte ai bruschi cali di temperature a partire dal 14 Novembre per un limite massimo di quattro ore al giorno.

Questa deroga è stata concessa proprio alla luce del fatto che le previsioni meteo avevano ipotizzato un calo della temperatura fino a sette gradi in città.

Tali applicazioni varieranno a partire dal 21 novembre, data dalla quale sarà possibile mantenere acceso l’impianto di riscaldamento per massimo 10 ore al giorno in una fascia oraria compresa dalle 05:00 alle 23:00. Per quanto riguarda le temperature massime consentite negli edifici sono da considerare 17 gradi per gli edifici artigianali e industriali e 19 gradi per tutte le altre tipologie di edifici, con una tolleranza di due gradi sui valori appena citati.

Richiedi informazioni per Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

25/03/2024 15:25 - Una sentenza del TAR Lombardia ha stabilito che l'installazione di cappotti termici, per efficienza energetica, prevale sulle norme urbanistiche locali, segnando un passo verso la sostenibilità ambientale e l'innovazione edilizia.
TAGS: accensione dei riscaldamenti, accensione riscaldamento, riscaldamento Roma, roma

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!