Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Si alla sanatoria delle case sul litorale siciliano

Si alla sanatoria delle case sul litorale siciliano

Si alla sanatoria delle case sul litorale sicilianoSi alla sanatoria delle case sul litorale siciliano
Ultimo Aggiornamento:

Nel corso degli anni, la questione delle abitazioni costruite illegalmente lungo il litorale siciliano ha generato molte discussioni. Questo fenomeno, che ha avuto inizio negli anni ’70, é recentemente tornato alla ribalta grazie alla proposta di legge presentata dal capogruppo di Fratelli d’Italia, Giorgio Assenza.

La sanatoria delle costruzioni realizzate sulle coste siciliane tra il 1976 e il 1983 è diventata una questione di rilievo nazionale, e sembra che si stia avvicinando una soluzione.

La proposta di sanatoria

Il fulcro di questa vicenda ruota attorno alla proposta legislativa avanzata da Giorgio Assenza, capogruppo all’Ars del partito FdI, che mira a risolvere una questione che dura da decenni.

Fra il 1976 e l’1 ottobre 1983, molte case furono erette lungo le coste siciliane, in particolare nei 150 metri dalla battigia, una zona precedentemente protetta dalla legge del 1976. Questa legge aveva come obiettivo primario la salvaguardia del paesaggio marittimo e della biodiversità costiera, vietando nuove costruzioni in prossimità immediata del mare.

Questa nuova proposta invece permetterebbe di riconsiderare le domande di sanatoria presentate in base alla legge del 1985 e respinte fino ad ora. La chiave sta nel superamento della discrepanza tra le leggi regionali, che favorivano la sanatoria, e quelle nazionali, che l’hanno bloccata.

Il testo presentato da Giorgio Assenza mira a fornire una soluzione definitiva a questa questione. La proposta suggerisce di adottare un’interpretazione autentica delle norme precedenti, rendendo così possibile una nuova sanatoria, simile a quella del 1985 a livello nazionale. Ciò potrebbe garantire la legalizzazione di circa 400.000 case costruite in quel particolare lasso di tempo, a condizione che le domande di sanatoria siano state presentate nel 1985.

Dopo il 1985, la legge Galasso (Legge 8 agosto 1985, n. 431 ) ha esteso la zona di non costruzione a 300 metri dalla battigia, rendendo così ancora più complesso il panorama legislativo relativo alle costruzioni sul litorale.

Con il nuovo testo, l’intenzione è quella di risolvere una volta per tutte le incertezze che gravano su queste proprietà da quasi 40 anni, allineando la situazione siciliana a quella del resto d’Italia.

Il dibattito in aula e le posizioni dei partiti

Mentre la proposta ha ottenuto l’approvazione iniziale dalla Commissione Territorio e Ambiente, la vera battaglia si svolgerà nell’aula parlamentare.

Giorgio Assenza ha sottolineato la necessità di superare le contraddizioni legislative del passato.

“Spero che l’iter possa continuare quanto prima in aula e finalmente si ponga fine a questa incertezza che dura da circa 40 anni. Non facciamo altro che rendere applicabile in Sicilia quello che è stato fatto con la sanatoria nazionale dell’85 nel resto d’Italia”

Dal canto loro, partiti come il Pd si sono opposti fermamente, citando decisioni precedenti della Corte Costituzionale sul tema.

Anthony Barbagallo, parlamentare e leader regionale del Pd, ha esclamato con forza:

“Ci opponiamo fermamente a qualsivoglia sanatoria o condono edilizio e di qualunque altra norma che preveda deroghe o salvataggi di immobili, ivi compresi quelli entro i 150 metri dalla costa. La nostra è una posizione chiara, nota e non trattabile”.

È evidente che per il Pd questa sanatoria rappresenta una potenziale minaccia all’integrità del territorio siciliano.

Altri partiti come la Lega e la Dc dell’ex presidente della Regione Totò Cuffaro sembrano inclini a sostenere la proposta, mentre il MpA di Raffaele Lombardo, pur avendo stretto una nuova alleanza con la Lega, mantiene una certa autonomia, lasciando in sospeso la propria posizione definitiva.

Richiedi informazioni per Condono Edilizio, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

15/02/2024 09:00 - La gestione della privacy in ambito condominiale, guidata dal GDPR e dalle sentenze della Corte di Cassazione, richiede pratiche attente per la comunicazione di dati personali, equilibrando la condivisione di informazioni necessarie con il rispetto della privacy dei condomini.
Installare un gazebo in condominio: norme e procedureInstallare un gazebo in condominio: norme e procedure

Installare un gazebo in condominio: norme e procedure

12/02/2024 08:28 - L'installazione di un gazebo in contesto condominiale richiede una pianificazione [..]
Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lussoEsclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

08/02/2024 10:01 - Esaminando le norme italiane, si evidenzia come le proprietà di lusso siano [..]
TAGS: sanatoria, sanatoria sicilia

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!