Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Edilizia Urbanistica » Il nuovo “Piano Casa”: recupero edilizio e sostenibilità ambientale

Il nuovo “Piano Casa”: recupero edilizio e sostenibilità ambientale

Il nuovo “Piano Casa”: recupero edilizio e sostenibilità ambientaleIl nuovo “Piano Casa”: recupero edilizio e sostenibilità ambientale
Ultimo Aggiornamento:

La regione Puglia ha recentemente approvato un importante aggiornamento legislativo nel campo dell’edilizia e dell’urbanistica: il nuovo “Piano Casa”.

Questa iniziativa, accolta con unanime consenso dal Consiglio regionale, segna un significativo passo avanti nella gestione del patrimonio edilizio esistente, introducendo misure incentrate sulla riqualificazione energetica e sulla riduzione dell’impatto ambientale.

Caratteristiche principali del nuovo piano

Il nuovo “Piano Casa” della Puglia si distingue per una serie di caratteristiche innovative volte a promuovere il recupero edilizio e la sostenibilità ambientale.

In primo luogo, il piano incoraggia attivamente la ristrutturazione nelle zone B (completamento), C (espansione) ed E (rurale) attraverso incentivi basati su bonus volumetrici, consentendo un incremento del 20% fino a specifici limiti di metri cubi. Questo approccio non solo stimola il rinnovamento degli edifici, ma assicura anche che le modifiche rimangano fedeli alla destinazione d’uso residenziale originale, evitando così una trasformazione incoerente del tessuto urbano.

Un’altra importante novità introdotta dal piano è l’estensione degli interventi alle zone D (dedicate all’artigianato) e F (destinate a servizi collettivi, come le scuole), a condizione che questi edifici siano integrati nel tessuto urbano esistente. Questa disposizione mira a un più ampio raggio d’azione per lo sviluppo urbano, mantenendo al contempo un equilibrio con l’ambiente circostante.

In aggiunta, il piano prevede che le entrate comunali generate dagli interventi nelle zone D e F vengano reinvestite parzialmente nel recupero di edifici situati nel centro storico (zona A) e nell’edilizia residenziale sociale, a beneficio delle fasce economicamente più deboli. Ciò rappresenta un importante passo verso la redistribuzione equa delle risorse e l’attenzione alle necessità sociali.

Infine, una caratteristica peculiare del piano è la possibilità di “delocalizzare” le volumetrie in casi specifici, ad esempio per immobili situati in aree soggette a vincoli paesaggistici o ambientali. Questa flessibilità consente una gestione più dinamica e sensibile del territorio, favorendo interventi che rispettano le peculiarità locali e ambientali.

Gli obiettivi e le aspettative

Il presidente di Ance Puglia, Gerardo Biancofiore, esprime soddisfazione per il nuovo piano, sottolineando come esso rispecchi diverse richieste del settore: il recupero dell’esistente, la riqualificazione energetica e la riduzione del consumo di suolo.

Biancofiore evidenzia inoltre l’importanza del ritorno al potere di pianificazione territoriale ai Comuni, benché in forma semplificata, auspicando che la Regione prosegua verso una legge urbanistica più organica e stabile.

In conclusione, il nuovo “Piano Casa” della Puglia rappresenta un esempio concreto di come le politiche regionali possano promuovere lo sviluppo sostenibile, bilanciando le esigenze di crescita economica con quelle di conservazione ambientale e valorizzazione del patrimonio edilizio. Questo approccio “più green” si configura come un modello esemplare per altre regioni italiane nel cammino verso un’urbanistica più responsabile e orientata al futuro.

Richiedi informazioni per Edilizia Urbanistica, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Norme costruzioni: i diversi tipi di strutture e i sistemi costruttiviNorme costruzioni: i diversi tipi di strutture e i sistemi costruttivi

Norme costruzioni: i diversi tipi di strutture e i sistemi costruttivi

12/02/2024 08:55 - In tutto il territorio italiano è obbligatorio il rispetto delle norme tecniche per le costruzioni di cui al Testo Unico per l’Edilizia art. 52 e seguenti. Vediamo di seguito le tipologie di strutture e i sistemi costruttivi disciplinati dalle norme tecniche per le costruzioni.
Conservazione patrimonio culturale: che cosa comprende?Conservazione patrimonio culturale: che cosa comprende?

Conservazione patrimonio culturale: che cosa comprende?

09/01/2024 10:01 - La conservazione del patrimonio culturale dev’essere assicurata mediante una [..]
TAGS: ance, ance puglia, piano casa, puglia

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!