Bergamo: scoperta frode da 8 milioni di euro in edilizia

Evasione fiscale edilizia

Nell’ultimo periodo la finanza di Bergamo è stata impegnata con un caso di maxi evasione fiscale legato al settore edile. Sotto i riflettori un’impresa edile di Telgate, in provincia di Bergamo.

A fronte di un volume d’affari pari a 8 milioni di euro tra il 2017 e il 2018, l’azienda avrebbe dovuto versare circa 2,3 milioni di tasse all’Agenzia delle Entrate.

Per il momento, il giudice che si è occupato del caso ha decretato un’ordinanza di custodia cautelare ai danni di 3 persone, delle quali una al momento si trova in carcere, mentre le altre due ai domiciliari.

2,3 milioni evasi su fatturato da 8 milioni di euro

Le indagini non sono ancora concluse. Ciò che si sa al momento è che l’impresa in questione ha collaborato con più di 270 dipendenti in cantieri situati in diverse regioni d’Italia: Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Liguria e Trentino-Alto Adige.

Al momento 1 accusato si trova in carcere e altri 2 agli arresti domiciliari. Inoltre, la finanza ha sequestrato all’impresa beni e risorse del valore di oltre 2,3 milioni di euro. A quanto pare, l’azienda non ha mai dichiarato i suoi guadagni, e contava un fatturato di più di 8 milioni di euro tra il 2017 e il 2018. Oltretutto, due anni dopo la società è stata messa in liquidazione.

3 condannati e 2,3 milioni sequestrati, ma le indagini continuano

Ricostruendo la vicenda, la finanza ha scoperto che i veri amministratori dell’azienda erano un uomo bresciano di 66 anni e un uomo albanese di 49 anni. Questi lavoravano sotto mentite spoglie, servendosi di alcuni prestanome che oggi sono tra gli indagati, tra i quali c’è anche un comasco.

C’è da dire inoltre che la società, non pagando le tasse, per tutto questo tempo offriva sul mercato prezzi altamente inferiori alla media. Riuscendo, ovviamente, a guadagnare molto di più rispetto agli onesti concorrenti.

Tra i beni sequestrati dalla finanza, che ammontano al valore di oltre 2,3 milioni di euro, si contano:

  • 11 immobili;
  • Quote societarie per un valore pari a 200 mila euro;
  • Conti correnti;
  • Contanti;
  • Automobili;
  • Moto;
  • Orologi.



Uretek