Bonus Donne Disoccupate 2020: contributi ridotti al 50%

bonus disoccupazione donne
Condividi!

Come ben sappiamo, nonostante nel nostro Paese la disoccupazione stia diminuendo, ci sono ancora molte zone d’Italia in cui trovare un lavoro regolare sembra quasi un miraggio. Ad essere svantaggiate in questo fenomeno sono soprattutto le donne, che rispetto agli uomini vengono assunte e pagate molto meno.

Per ovviare a questo problema, il Bonus Donne Disoccupate 2020 ha ottenuto la proroga anche per l’anno che viene. La prima introduzione è avvenuta con la famosa Legge Fornero, la n. 92 del 28 giugno 2012. Poi il Bonus è stato abolito, e in seguito istituito nuovamente dall’INPS con la nota n. 6319/2014.

Grazie alla riconferma nella Legge di Bilancio 2020, l’incentivo avrà validità per tutto il prossimo anno.

Bonus Donne Disoccupate 2020: chi può usufruirne?

Il Bonus è stato riconfermato anche stavolta grazie ai Fondi strutturali erogati dall’Unione Europea, con l’obbiettivo di agevolare le regioni d’Italia che più hanno sofferto e soffrono ancora la crisi lavorativa.

Questo incentivo infatti non interesserà tutte le zone d’Italia, ma solo quelle più svantaggiate. Il Bonus Donne Disoccupate 2020 sarà concesso sotto forma di sgravio contributivo per le aziende che assumeranno donne nelle regioni in cui si fa più fatica a trovare un impiego stabile.

Le regioni interessate sono:

  • Puglia;
  • Sicilia;
  • Campania;
  • Calabria;
  • Basilicata;
  • E alcune province di: Abruzzo, Sardegna, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Marche, Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio, Piemonte, Trentino Alto-Adige, Valle D’Aosta, Molise.

Poiché le imprese siano idonee ad accedere al Bonus Donne Disoccupate 2020, non sarà necessario alcun requisito particolare. È sufficiente che le donne assunte siano residenti in una delle zone o regioni appena citate, e che siano disoccupate da almeno 6 mesi. Non esistono limiti di età.

Come presentare la richiesta

Come accennavamo, l’agevolazione sarà concessa sotto forma di riduzione contributiva per le aziende, che otterranno uno sconto del 50% sui contributi INPS obbligatori da pagare alla dipendente. Il periodo massimo di incentivazione sarà di 12 mesi per le donne assunte a tempo determinato, e 18 mesi per quelle a tempo indeterminato.

Se invece l’impresa assume la donna a tempo determinato, e poi qualche mese dopo decide di passarla all’indeterminato, il termine massimo anche in questo caso sarà di 18 mesi.

Per ottenere il Bonus Donne Disoccupate 2020, l’impresa dovrà presentare l’apposita richiesta all’INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale), esclusivamente per via telematica.

Dopodiché, il personale provvederà a valutare tutte le domande, per poi accettarle o rifiutarle.