Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Detrazioni Fiscali » Superbonus: oggi il termine per cessione del credito e sconto in fattura

Superbonus: oggi il termine per cessione del credito e sconto in fattura

Superbonus: oggi il termine per cessione del credito e sconto in fatturaSuperbonus: oggi il termine per cessione del credito e sconto in fattura
Ultimo Aggiornamento:

L’introduzione del Superbonus ha rappresentato una svolta significativa nel panorama delle agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica e sismica degli edifici in Italia. Tuttavia, la recente stretta sulle modalità di fruizione di questo incentivo, in particolare lo stop alla cessione del credito, sta generando non poche preoccupazioni tra i beneficiari.

Con la scadenza di oggi 4 aprile, molti si trovano a fare i conti con la possibilità di non riuscire a beneficiare dell’agevolazione nei termini sperati.

Questa situazione solleva interrogativi importanti sul futuro del Superbonus e sull’impatto che avrà sugli interventi di riqualificazione energetica e sismica degli edifici, nonché sui cittadini che avevano pianificato di accedere a queste agevolazioni.

Leggi anche: Scadenza bonus edilizi: comunicazione entro il 4 Aprile!

La scadenza cruciale del 4 aprile per il Superbonus

Il 4 aprile rappresenta una data critica per tutti coloro che intendono beneficiare del Superbonus, poiché segna l’ultima occasione per inviare all’Agenzia delle Entrate la comunicazione necessaria per optare alla prima cessione del credito o allo sconto in fattura.

Questa scadenza assume un carattere di urgenza considerando che il numero di soggetti che riusciranno a inoltrare le comunicazioni entro il termine stabilito sarà inevitabilmente limitato.

La restrizione impatta in modo significativo sia su chi aveva già avviato le procedure rispettando le tempistiche previste dai decreti precedenti, sia su specifiche categorie come il terzo settore, gli Iacp, e le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, precedentemente esentate dalla stretta sulle cessioni del credito.

Pertanto, l’elenco dei soggetti che potranno effettivamente accedere a questo beneficio si riduce drammaticamente, lasciando molti alle prese con l’incertezza.

Approfondisci: Superbonus: addio allo Sconto in Fattura, Cessione del credito e remissioni in bonis

Il mancato invio delle comunicazioni entro il 4 aprile comporta conseguenze significative per i beneficiari del Superbonus, segnando il passaggio al regime della detrazione fiscale standard sulla dichiarazione dei redditi.

Questa circostanza limita notevolmente la flessibilità e l’attrattività dell’incentivo, poiché priva i beneficiari della possibilità di cedere il credito, una delle opzioni più vantaggiose offerte fino ad ora.

L’unico percorso rimasto aperto è quello di richiedere il bonus direttamente tramite la dichiarazione dei redditi, ma questa opzione potrebbe non essere altrettanto conveniente per tutti. Inoltre, il nuovo decreto esclude la possibilità di beneficiare della remissione in bonis per le comunicazioni inviate entro la scadenza, rendendo ancora più stringenti le condizioni di accesso all’incentivo.

Lo stop retroattivo e le sue implicazioni

Un’ulteriore complicazione emerge dalla normativa che prevede lo stop retroattivo alla cessione dei crediti per coloro che, pur avendo inviato in tempo la Comunicazione di inizio lavori (CILA) entro il 16 febbraio 2023, non hanno completato i pagamenti entro il 30 marzo 2024.

Questa disposizione aggrava la situazione per chi, nonostante il rispetto dei termini iniziali, si ritrova escluso dal beneficio per non aver ancora effettuato i lavori o per non aver saldato le relative fatture.

La deroga per le aree terremotate

Nonostante il generale inasprimento delle condizioni, il decreto introduce una deroga specifica per gli immobili colpiti dai terremoti in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, con l’obiettivo di sostenere la ricostruzione in queste aree critiche.

Approfondisci: Ricostruzione post-sisma: lo sconto in fattura e la cessione del credito non si fermano

Tuttavia, l’allocazione limitata di fondi per questa deroga solleva dubbi sulla sua capacità di coprire adeguatamente le necessità di ricostruzione, evidenziando la necessità di un impegno maggiore per supportare le zone terremotate.

L’allarme dei commercialisti e le criticità del decreto

Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti ha espresso profonda preoccupazione per le nuove restrizioni imposte dal decreto sul Superbonus. Nella loro comunicazione ufficiale, evidenziano i rischi che queste modifiche comportano non solo per i cittadini che avevano previsto di accedere alle agevolazioni, ma anche per l’intero processo di riqualificazione energetica e sismica del patrimonio edilizio italiano.

L’introduzione di limiti così stringenti, in particolare l’impossibilità di correggere eventuali errori nelle comunicazioni inviate entro il 4 aprile, è percepita come eccessivamente penalizzante. Questo perché mette a rischio la perdita delle agevolazioni per molti contribuenti, anche in casi di errori commessi in buona fede.

La figura della remissione in bonis, concepita proprio per salvaguardare chi si trova in queste situazioni, viene di fatto esclusa per le casistiche interessate dal decreto, un aspetto che i commercialisti ritengono non giustificabile dalle sole esigenze di bilancio.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza, Superbonus, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Scadenza bonus edilizi: comunicazione entro il 4 Aprile!Scadenza bonus edilizi: comunicazione entro il 4 Aprile!

Scadenza bonus edilizi: comunicazione entro il 4 Aprile!

28/03/2024 12:38 - La scadenza del 4 aprile per la comunicazione delle scelte relative ai bonus edilizi è un momento cruciale per contribuenti e intermediari, rappresentando un'opportunità di beneficiare di detrazioni fiscali e incentivare investimenti in ristrutturazioni ed efficienza energetica.
Incrementa la sicurezza domestica: approfitta del Bonus Sicurezza 2024Incrementa la sicurezza domestica: approfitta del Bonus Sicurezza 2024

Incrementa la sicurezza domestica: approfitta del Bonus Sicurezza 2024

21/03/2024 11:36 - Il Bonus Sicurezza 2024 [..]
Fotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito EnergeticoFotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito Energetico

Fotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito Energetico

07/03/2024 14:40 - Il reddito energetico 2024 offre alle famiglie a basso reddito un contributo a [..]
TAGS: area terremotata, cessione del credito, detrazione fiscale, incentivi fiscali, normativa edilizia, Remissione in Bonis, riqualificazione energetica, sconto in fattura, Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!