Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Condono Edilizio » Condono Edilizio: chiarimenti dalla Regione Lazio sulla compatibilità paesaggistica

Condono Edilizio: chiarimenti dalla Regione Lazio sulla compatibilità paesaggistica

Condono Edilizio: chiarimenti dalla Regione Lazio sulla compatibilità paesaggisticaCondono Edilizio: chiarimenti dalla Regione Lazio sulla compatibilità paesaggistica
Ultimo Aggiornamento:

La Regione Lazio ha recentemente fornito nuove e significative indicazioni in materia di condono edilizio e sanatoria, con particolare riferimento al rilascio del parere di compatibilità paesaggistica.

Questa tematica, sempre al centro di ampie discussioni, riguarda specificamente le procedure legate alle istanze di condono edilizio secondo le leggi n. 47/1985, n. 724/1994, n. 326/2003 e l’accertamento di conformità ai sensi dell’art. 36 del d.P.R. n. 380/2001.

L’Ente di gestione del Parco dei Castelli Romani, indirizzando la propria richiesta alla Direzione Regionale Ambiente, ha sollevato questioni di fondamentale importanza per la tutela del patrimonio paesaggistico in area protetta, rilanciando un dibattito sul corretto approccio da adottare nei confronti degli abusi edilizi realizzati prima dell’istituzione delle aree protette.

Chiarimenti dalla Regione Lazio: Condono e sanatoria in zone vincolate

La Direzione Regionale Ambiente della Regione Lazio ha emanato una circolare il 1° febbraio 2024, con numero 348, che apporta chiarimenti cruciali sulla gestione delle istanze di condono edilizio in aree vincolate.

Questa circolare sottolinea il principio del “tempus regit actum“, ovvero la necessità di valutare le domande di condono e sanatoria secondo la legislazione e i vincoli vigenti al momento della conclusione del procedimento amministrativo. Tale orientamento si fonda su una sentenza del TAR Lazio (n. 10296/2022), che ha ribadito l’importanza dell’attuale normativa e dei vincoli sopravvenuti, indipendentemente dalla data di realizzazione dell’abuso edilizio o dalla presentazione della domanda di condono.

Leggi anche: Abusi edilizi e sanatoria in aree vincolate: cosa cambia con il terzo condono?

Il TAR ha confermato che l’approccio della Pubblica Amministrazione deve essere guidato dalla legge vigente, promuovendo così la tutela dell’interesse pubblico senza pregiudizi basati sulla temporalità dell’introduzione di vincoli o regolamentazioni.

Questo approccio rispetta la giurisprudenza stabilita dall’Adunanza Plenaria n. 20/1999, assicurando che ogni procedimento sia condotto in conformità alle norme attuali, a tutela dell’integrità del paesaggio e del territorio.

Analisi delle Normative sul Condono Edilizio

La complessità del quadro normativo in materia di condono edilizio è ulteriormente evidenziata dalla differenziazione tra le varie leggi applicabili, in base al momento della presentazione della domanda.

La Regione Lazio, facendo riferimento a una sentenza del TAR Lazio, Latina, sez. I, n. 47/2020, ha chiarito che le modifiche introdotte dalla legge n. 326/2003, in particolare l’art. 32, comma 43-bis1, non si applicano retroattivamente alle domande di condono presentate ai sensi delle precedenti leggi (n. 47/1985 e n. 724/1994).

Questo significa che le domande devono essere valutate considerando i requisiti e i parametri vigenti al momento della loro presentazione, in linea con la legge applicabile ratione temporis.

Questa interpretazione serve a prevenire l’applicazione di norme più restrittive a situazioni pregresse, salvaguardando gli interessi dei richiedenti che hanno presentato le loro istanze basandosi sulla legislazione precedente. Ciò sottolinea l’importanza di una valutazione equa e conforme alle disposizioni legislative specifiche, evitando così potenziali ingiustizie derivanti dall’evoluzione normativa.

Uno degli aspetti più rilevanti trattati dalla Regione Lazio riguarda l’obbligatorietà e la natura preventiva del nulla osta paesaggistico per il permesso di costruire in sanatoria, come previsto dall’art. 28 della l.r. 29/1997 e dall’art. 36 del D.P.R. 380/2001.

Approfondisci: Permesso di Costruire in Sanatoria: cos’è e come si ottiene

La direzione regionale ha precisato che il nulla osta paesaggistico non può essere rilasciato a posteriori, in quanto funge da strumento preventivo per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio ambientale.

Questa disposizione sottolinea l’intento di garantire che ogni intervento edilizio all’interno di un’area naturale protetta sia preventivamente valutato dall’Ente di gestione del Parco, con l’obiettivo di tutelare il vincolo paesaggistico e ambientale. In questo modo, si cerca di prevenire danni al patrimonio ambientale, assicurando che le attività consentite siano compatibili con gli obiettivi di conservazione dell’area.

La posizione della Regione Lazio, quindi, conferma la necessità di un approccio precauzionale e di prevenzione nell’autorizzazione delle attività edilizie in aree vincolate, privilegiando la tutela del patrimonio paesaggistico e ambientale sopra le esigenze di regolarizzazione postuma degli abusi edilizi.

Richiedi informazioni per Abuso edilizio, Condono Edilizio, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Abusi edilizi e sanatoria in aree vincolate: cosa cambia con il terzo condono?Abusi edilizi e sanatoria in aree vincolate: cosa cambia con il terzo condono?

Abusi edilizi e sanatoria in aree vincolate: cosa cambia con il terzo condono?

25/03/2024 09:02 - La legislazione italiana sull'edilizia pone un delicato equilibrio tra la sanatoria di specifici abusi edilizi e la salvaguardia del patrimonio culturale, imponendo limiti rigorosi soprattutto in aree vincolate.
Piano Casa 2025: la proposta di condono edilizio di SalviniPiano Casa 2025: la proposta di condono edilizio di Salvini

Piano Casa 2025: la proposta di condono edilizio di Salvini

14/02/2024 09:30 - In risposta alla contrazione del mercato immobiliare, Matteo Salvini propone un [..]
Condono edilizio: la decisione del TAR sulla restituzione degli oneriCondono edilizio: la decisione del TAR sulla restituzione degli oneri

Condono edilizio: la decisione del TAR sulla restituzione degli oneri

03/02/2024 08:50 - In una recente sentenza [..]
Terzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetriciTerzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetrici

Terzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetrici

23/01/2024 14:37 - In questo articolo analizzeremo nel dettaglio la nuova sentenza della Corte di [..]
TAGS: area vincolata, condono, condono edilizio, Condono edilizio Lazio, regione lazio, sanatoria, sanatoria edilizia

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!