Porte blindate: come sono fatte e quanto costano

porte blindate

Le porte blindate sono senza dubbio uno degli elementi fondamentali che permettono di proteggere la propria casa dai furti. In termini tecnici, vengono chiamate anche “porte pedonali resistenti all’effrazione”, oppure “porte anti intrusione”.

Normalmente, soprattutto nelle città molto affollate, si consiglia anche l’installazione di un sistema di allarme antifurto. Che permette infatti di contattare le forze dell’ordine in maniera immediata nel caso di effrazione.

Le porte blindate rappresentano comunque un’ottima soluzione, che impediscono per lo meno ai ladri di introdursi all’interno dell’abitazione passando per l’ingresso principale.

Porte blindate: come sono fatte?

Le porte blindate possono essere composte da diversi materiali in base alla necessità e alla cifra che si è disposti a spendere. Generalmente però, una classica porta anti intrusione è composta da:

  1. Controtelaio (o falso telaio), è la parte più interna che viene fissata alla parete, e rappresenta infatti il punto di connessione tra il muro e il telaio vero e proprio. Si realizza in acciaio presso piegato, e si fissa al muro tramite l’utilizzo di zanche o tasselli chimici;
  2. Telaio, rappresenta il punto di unione tra l’anta e il controtelaio, e si fissa a quest’ultimo con delle viti speciali. Anch’esso viene realizzato in acciaio presso pregiato;
  3. Cerniera, composta in acciaio, si colloca sul lato opposto alla serratura. Viene fissata tra l’anta e il telaio, e permette di supportare e ruotare l’anta per l’apertura;
  4. Pannello interno, determina l’estetica della porta ed è personalizzabile;
  5. Serratura, è quella che ovviamente consente di aprire e chiudere la porta tramite il movimento dei catenacci. È composta da due elementi:
  • Il cilindro, vero cuore della serratura che comanda il suo meccanismo;
  • Il defender, una borchia in acciaio temperato che protegge il cilindro. È legato alla serratura tramite viti passanti in acciaio;
  1. Catenacci, sono gli elementi che permettono di aprire e chiudere la porta e si inseriscono nei fori del telaio. Normalmente sono fatti in acciaio trafilato;
  2. Corazza, la vera e propria protezione delle porte blindate, è composta in acciaio cernierato su un telaio, che si aggancia allo stipite in muratura;
  3. Pannello esterno, che, come quello interno, può essere personalizzato. Rappresenta l’elemento più esterno della porta.

Quando costano?

Esistono tantissimi modelli di porte blindate che è possibile scegliere. Ovviamente, queste si differenziano per tipologia e per livello di sicurezza.

La scelta dipende anche dalla tipologia di struttura nella quale si desidera installare la porta, se è una villa, un’unità in condominio, un negozio o quant’altro. I modelli più economici possono sembrare vantaggiosi all’inizio, però a lungo andare è più facile che si deteriorino, che si arrugginiscano o che presentino problemi nella chiusura.

Prima dell’acquisto infatti, bisogna considerare il fatto che le porte blindate più efficienti e funzionali ovviamente costeranno di più, però rappresentano un investimento molto prezioso e durevole nel tempo.

Generalmente, i prezzi variano dai 500 euro ai 5.000 euro.




Uretek