Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Casa » Plusvalenza immobiliare: cos’è e come si calcola

Plusvalenza immobiliare: cos’è e come si calcola

Plusvalenza immobiliare: cos’è e come si calcolaPlusvalenza immobiliare: cos’è e come si calcola

Nel  mondo degli investimenti immobiliari, la compravendita di proprietà rappresenta una delle vie più battute dagli investitori, mossi dal desiderio di acquistare a prezzo vantaggioso per rivendere a valore maggiorato.

Questa pratica, che si traduce in un guadagno noto come plusvalenza, è soggetta a specifiche normative fiscali che regolamentano la tassazione di tali rendite. La comprensione dettagliata di queste leggi è fondamentale per navigare con successo nel mercato immobiliare, massimizzando i profitti e rispettando gli obblighi tributari.

Questo articolo mira a esplorare in profondità il concetto di plusvalenza immobiliare, le condizioni sotto le quali viene tassata, e le strategie per ottimizzare il proprio investimento alla luce delle attuali normative fiscali.

Leggi anche: Preliminare di compravendita: possibile cancellazione d’urgenza

Cos’è la plusvalenza?

Nel contesto immobiliare, il termine “plusvalenza” descrive la differenza positiva tra il prezzo di vendita di un immobile e il suo costo di acquisto originario. Questa differenza rappresenta il guadagno effettivo per il venditore.

Ad esempio, acquistando una proprietà a 150.000 euro e rivendendola a 180.000 euro, si realizza una plusvalenza di 30.000 euro. Tale guadagno non solo simboleggia il successo di un investimento ma è anche soggetto a specifiche normative fiscali che ne regolamentano la tassazione.

La gestione consapevole della plusvalenza e la comprensione delle leggi che ne disciplinano la tassazione sono essenziali per ottimizzare i rendimenti degli investimenti immobiliari, evitando possibili insidie fiscali.

Leggi anche: Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Tassazione della plusvalenza: calcolo, criteri e detrazioni

La tassazione delle plusvalenze immobiliari non opera in maniera uniforme, ma si attiva solo in determinate condizioni specificate dalla normativa fiscale italiana. La tassazione mira a regolamentare il mercato, garantendo che i guadagni ottenuti dalla compravendita di immobili contribuiscano equamente al sistema tributario.

Per calcolare l’imposta dovuta sulla plusvalenza, è necessario prima dedurre dal guadagno alcune spese inerenti all’acquisto e alla manutenzione dell’immobile, quali:

  • Le tasse pagate per l’acquisto dell’immobile;
  • L’onorario notarile per l’atto di compravendita;
  • Le spese documentate per lavori di manutenzione straordinaria.

Dopo queste deduzioni, il guadagno netto realizzato viene assoggettato a imposizione fiscale. La plusvalenza può essere inclusa nel reddito complessivo del venditore e tassata secondo le aliquote IRPEF oppure può optare per l’imposta sostitutiva del 26% sul guadagno netto, scelta disponibile fino al 31 dicembre 2019 con un’aliquota precedente del 20%.

Leggi anche: Vendere casa dopo il Superbonus 110%: attenzione alla nuova tassa!

È importante notare che non tutte le plusvalenze rientrano nell’ambito di applicabilità dell’imposta sostitutiva, ma solo quelle non riconducibili a redditi di capitale, esercizio di arti, professioni, imprese commerciali, o rapporti di lavoro dipendente, come specificato dall’articolo 67, comma 1, del TUIR.

Eccezioni e specificità nella tassazione della Plusvalenza

La normativa fiscale italiana prevede specifiche eccezioni riguardo alla tassazione delle plusvalenze immobiliari, delineando chiaramente i casi in cui il guadagno ottenuto dalla vendita di un immobile non viene assoggettato a imposta.

Leggi anche: La responsabilità del notaio in una compravendita immobiliare

Queste eccezioni mirano a incentivare l’investimento nel mercato immobiliare e a riconoscere particolari situazioni personali o temporali.

Tra le principali eccezioni si annovera la regola dei 5 anni: la plusvalenza realizzata dalla vendita di un immobile non è soggetta a tassazione se la proprietà è stata detenuta per più di cinque anni.

Inoltre, altri criteri escludono la tassazione della plusvalenza, quali:

  • Il fabbricato non è stato acquistato nei cinque anni precedenti la vendita;
  • L’immobile non è stato ottenuto tramite successione;
  • L’abitazione è stata la residenza principale del proprietario o di un suo familiare per la maggior parte del periodo intercorso tra l’acquisto e la vendita.

Questa normativa applica un trattamento fiscale favorevole anche alle plusvalenze derivanti da donazioni, dove il calcolo del guadagno considera il costo sostenuto dal donatore per l’acquisto o la costruzione dell’immobile. Un caso a parte è rappresentato dai fabbricati in corso di costruzione: l’Agenzia delle Entrate ha precisato che per determinare la tassabilità della plusvalenza è necessario valutare lo stato dell’immobile al momento della vendita.

Se sono stati realizzati almeno il rustico con i muri perimetrali e la copertura, si applicano le regole previste per i fabbricati; altrimenti, l’immobile viene trattato come terreno edificabile a fini fiscali.

Richiedi informazioni per Casa, Economia e Finanza, Guide, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

25/03/2024 15:25 - Una sentenza del TAR Lombardia ha stabilito che l'installazione di cappotti termici, per efficienza energetica, prevale sulle norme urbanistiche locali, segnando un passo verso la sostenibilità ambientale e l'innovazione edilizia.
TAGS: deduzioni fiscali immobili, eccezioni tassazione immobili, fabbricati in costruzione, guadagno vendita immobili, imposta sostitutiva plusvalenza, investimenti immobiliari, normativa fiscale immobili, plusvalenza immobiliare, regola dei 5 anni, tassazione plusvalenza

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!